CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

mercoledì 30 giugno 2010

“CIRANÒ E IL SUO INVADENTE NASO” IN SCENA A TEZZE SUL BRENTA

Un lavoro dedicato all’amore e alla giustizia, con le parole di uno dei classici più amati della letteratura di tutti i tempi: si ispira al capolavoro di Edmond Rostand “CIRANÒ E IL SUO INVADENTE NASO”, l’ultima produzione La Piccionaia-I Carrara, tra poesia e circo, che andrà in scena venerdì 2 luglio (ore 21.15) a Belvedere di Tezze sul Brenta in piazza Insorgenza Veneta.
Prima tappa nel vicentino, la serata inaugura il programma della 19ma edizione del progetto provinciale TEATROINCONTRI 2010, ed è promossa dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Vicenza, con il contributo delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali della provincia di Vicenza per la promozione della cultura nel territorio, e dal Comune di Tezze sul Brenta.
L’ingresso è libero; in caso di maltempo, lo spettacolo si terrà nell’Auditorium della Scuola Media di Belvedere.

Liberamente tratto da “Cyrano de Bergerac”, lo spettacolo è scritto e diretto da Ketty Grunchi, con la consulenza artistica di Maril Van Den Broeck e il contributo di Carlo Presotto in veste di dramaturg.
In scena, Marco Artusi, Evarossella Biolo, Matteo Cremon, Gianluigi (Igi) Meggiorin e Beatrice Niero, dopo la felice esperienza di “Sogno di una notte di mezza estate”, presentano una storia delicata, dai tratti comici e allo stesso tempo profondi.
Cyrano ha il naso di un clown e l’animo di un poeta. Imprudente in amore come in guerra, ama la poesia e le parole, e con quelle combatte fino alla morte. Cyrano è un funambolo del verso, che si batte per testimoniare la vera, profonda libertà della poesia. Non ha paura ad affrontare i ricchi, i potenti, gli egoisti, i mentitori: e nemmeno la stupidità. Cyrano è puro come lo sono i bambini “o come i grandi con il cuore rimasto bambino – commenta Ketty Grunchi -. Per questo racconteremo la storia di Cyrano con le parole del bambino più vecchio del mondo: il clown, il trickster, il lunatico che da centinaia di anni ha il cuore gonfio di poesia e di stupore, ardore… coraggio e amori impossibili. Come Cyrano è un cavaliere coraggioso. Cade, si rialza, tenta imprese impossibili, si arroventa di collera o si innamora perdutamente nel giro di pochi secondi. E da tempo immemore nasconde dietro il suo grande naso piccole e grandi bugie”.

La tournèe di “CIRANÒ E IL SUO INVADENTE NASO” proseguirà con una serie di repliche: il 22 luglio a Trissino (VI), il 23 luglio a San Germano (VI) e il 27 luglio a Pramaggiore (VE), per arrivare venerdì 30 luglio ai Giardini del Teatro Astra di Vicenza.

LA PICCIONAIA – I CARRARA Teatro Stabile di Innovazione
CIRANO’ E IL SUO INVADENTE NASO
liberamente tratto da “Cyrano de Bergerac” di E. Rostand
con Marco Artusi, Eva Rossella Biolo, Matteo Cremon, Gianluigi (Igi)Meggiorin, Beatrice Niero
drammaturgia e regia Ketti Grunchi
consulenza artistica Carlo Presotto e Maril Van Den Broeck

Rimatore, spadaccino, musicista.
Esagerato, ironico, travolgente, idealista.
Nemico di qualsiasi ipocrisia e bassezza umana.
Coraggioso, arde per amore e soffre per il suo invadente naso.
Cyrano è ode a tutti i diversi.
Cyrano è un acrobata della parola, amante appassionato della libertà.

Per informazioni:
Ufficio Cultura del Comune di Tezze, tel. 0424 535949

AL VIA "SCENE DI PAGLIA", IL FESTIVAL CHE PORTA IL TEATRO NEI CASONI DELLA SACCISICA

Ancora pochi giorni e poi prenderà il via “SCENE DI PAGLIA”, il festival che unisce teatro di parola e di figura, animando le serate estive degli antichi casoni nella campagna e nella barena della Saccisica (PD).
L’inizio della rassegna, sabato 3 luglio al Casone Azzurro di Arzergrande (PD), è affidato a Lucia Osellieri e Santoh Dolimano per La Casa degli Gnomi che, a partire dalle ore 17, proporranno al pubblico dei più piccoli “STORIE IN UN CASONE DI ZUCCHERO FILATO”.
Una parata di biciclette, guidate dal Ri/Show, porterà gli spettatori dai campi di mais di Vallonga, dove assisteranno alle esibizioni dei piccoli danzatori su filo di Santosh Dolimano, fino al Casone Azzurro: qui Lucia Osellieri, una delle poche burattinaie soliste in Italia, presenterà “Storie in un albero”, tra cantastorie, pupazzi, e zucchero filato per tutti i bambini.
L’ingresso è gratuito.

Dopo il successo della prima edizione, dal 3 al 10 luglio 2010 “SCENE DI PAGLIA” porterà le arti sceniche nei luoghi simbolo della comunità rurale della Saccisica. Spettacoli e incontri animeranno quest’anno un vero e proprio festival dei casoni: dal Casone Ramei al Casone delle Sacche, passando per il Casone Rosso e quello Azzurro.
Dopo la prima giornata, la rassegna proseguirà lunedì 5 luglio al Casone Rosso (Piove di Sacco) con Barabao e “LE VOCI DEL DOTTORE”, spettacolo creato appositamente per il festival e dedicato a Emanuele Munari, medico di Corte; giovedì 8 luglio al Casone Ramei (Piove di Sacco) è il turno de La scatola magica e l’animazione di “ASINO CHI LEGGE!”; lo stesso giorno César Brie presenterà la prima regionale di “ALBERO SENZA OMBRA”, il nuovo monologo dedicato alla repressione delle rivolte boliviane. Venerdì 9 luglio, al Casone Ramei (Piove di Sacco), “SCENE DI PAGLIA” prosegue con il teatro degli oggetti di Gigio Brunello, seguito da una tavolata agreste e da “FIORE DEL NULLA” di Tam Teatromusica (creazione in omaggio al poeta di Piove di Sacco Diego Valeri); infine sabato 10 luglio, al Casone delle Sacche (Codevigo), la serata conclusiva è affidata ad Armando Carrara e al suo “ANIMALI”, tratto da Mario Rigoni Stern e Mauro Corona; la serata proseguirà con una tavolata lagunare, quindi il festival si chiuderà con Sandro Buzzatti e Gigio Brunello e il loro “BIRT ALL’INFERNO”.

“SCENE DI PAGLIA” dialoga con le tradizioni del territorio, proponendo al contempo il confronto con esperienze teatrali riconosciute sul piano nazionale e internazionale, con artisti che si misurano con le questioni della contemporaneità senza dimenticare il grande patrimonio di narrazioni e spettacolarità itineranti, di teatro contadino, di burattini e marionette.
Le proposte dell’edizione 2010 sono state scelte intorno al tema “Bestie e barene”: “Sono spettacoli teatrali attraverso i quali allungare lo sguardo su paesaggi sospesi tra acque e terre, sugli animali e le loro storie, i loro insegnamenti – commenta il curatore Fernando Marchiori -. Dai fiumi di Romano Pascutto ai boschi di Mario Rigoni Stern e Mauro Corona, dalla savana africana di Gigio Brunello alla giungla boliviana di César Brie, passando per le voci in dialetto di Emanuele Munari e i versi colorati di Diego Valeri, Scene di paglia prova a disegnare uno spazio dove la natura torni a parlarci e l’uomo non sia estraneo all’uomo. Uno spazio, forse non solo immaginario, dove ci si possa incontrare insieme”.

Lucia Osellieri / La Casa Degli Gnomi
STORIE IN UN CASONE DI ZUCCHERO FILATO
con Lucia Osellieri e Santoh Dolimano
testi Alessandro Gigli, Lucia Osellieri
burattini e scenografia Massimo Galletti

Il grande albero centenario racconta le storie dei suoi abitanti e dei personaggi che popolano il bosco. Come quella dell’Orco ortolano che un bel giorno decide di non mangiare più i bambini e diventa vegetariano. O la storia dello gnomo Pistacchio, che dovrà difendere suo fratello Nocciolino dalla fame di un brigante.

Per prenotazioni contattare il numero 3351836774

“SCENE DI PAGLIA” 2010 è promosso dai Comuni di Piove di Sacco, Codevigo e Arzergrande, con il sostegno di Regione del Veneto e Provincia di Padova, in collaborazione con Bacino Turistico della Saccisica, Gruppo Anziani del Territorio, Circolo della Saccisica “L’Arca di Noè”, Biblioteca Comuale e Pro Loco di Piove di Sacco, Pro Loco di Codevigo, con il contributo di Bacino Turistico Saccisica, BCC di Piove di Sacco, Centro Commerciale Piazza Grande.

Per informazioni:
www.comune.piovedisacco.pd.it
Piove di Sacco: 0499709319
Codevigo: 0495817585 - 0495817006

lunedì 28 giugno 2010

(teatro Studio uno) L'amore è corto

Nell'ambito della rassegna teatrale: "STUDIO UNO ESTATE- LINEE D'ORIZZONTE" è andato in scena al Teatro Uno il 27 giugno 2010 "L'amore è corto", scritto e diretto da Carlotta Piraino. Lo spettatore è invitato a seguire un percorso itinerante attraverso che lo porterà dapprima nel negozio di un parrucchiere (Tony Allotta), dove proprio mentre lui aveva chiuso bottega e si stava preparando ad un appuntamento, cala improvvisamente una donna sconosciuta (Marta Nuti)decisa a cambiare qualcosa di se stessa, forse non sa ancora cosa, è confusa, ed è proprio quella confusione che l'ha portata dal parrucchiere, persona da sempre complice dei cambiamenti femminili, almeno quelli estetici, ma in questo caso forse si voleva andare un passo avanti, il saggio parrucchiere se in un primo momento si limita a pensare a come aggiustare la capigliatura, piano piano si lascia trascinare nella vita della sconosciuta, quasi a dimenticare il suo primigenio appuntamento, anzi arriva anche a effettuare una vera e propria sostituzione. Il tema della sostituzione inutile è a mio avviso il tema centrale e portante di questa prima parte dello spettacolo della Piraino, la sconosciuta infatti, paragona i fidanzati avuti al cibo, di cui se in un primo momento quando si ingozza ne rimane soddisfatta, in modo puramente estemporaneo, poi pur invertendo l'ordine dei cibi che mangia, non ne distingue più i sapori, gli sembrano tutti uguali....e quindi fugge.
A seguire un monologo interpretato da Marco Zordan, un parallelo tra i bambini e gli attori, è vero che nelle scuole di recitazione insegnano, innanzitutto a giocare a tornare bambini, a stupirsi per ogni cosa, proprio per potersi aprire e interpretare ogni ruolo, ma sappiamo bene, specialmente di questi tempi, quanto il lavoro dell'attore, come tutti quelli legati alla cultura, sia ardua impresa, quindi il mondo fanciullesco si va necessariamente a scontrare con la dura realtà, c'è poco lavoro, gli attori si incontrano tra loro, essenzialmente solo ai provini, e là invece di salutarsi in modo semplice e schietto, subito il loro primo pensiero, e che si esprimono tra loro, è "Che stai facendo" si perché c'è molta competizione, poca solidarietà, e una buona dose di fragilità interna che però li rende adorabili.
Un trio tutto al femminile ( Carmen Iovine, Cristina Pedetta, e Eleonora Turco) anima l'ultimo corto dello spettacolo, vediamo qui la Iovine impegnata in due ruoli antiteci tra loro, quello dell'uomo che non si vuole legare, che chiede con voce disgustata " vuoi qualcosa di più" e in quello di una giovane ragazza che in "visita" ad un consultorio scopre con grande sorpresa, ed un minimo di imbarazzo tutti i segreti della contraccezione femminile, i quali vengono bene spiegati dalla dottoressa del consultorio (Cristina Pedetta) con tanto di stelle filanti e coriandoli, per coreografare in modo adeguato lo stravagante e fin troppo variopinto mondo della contraccezione femminile, passando dalla spirale, coadiuvata dalla crema spermicida, al poco usato, rumoroso e misconosciuto preservativo femminile, finendo con la celeberrima pillola, quando per gli uomini basta solo "un cappuccetto".
La buona scrittura della Piraino, in grado di toccare sia le corde più profonde e intime dell'animo femminile,anche nelle ombre che tutte noi abbiamo, sulle nostre indecisioni, paure , incapacità, quando ci troviamo davanti ad uno specchio, di fronte a noi stesse come nel primo corto "Trecce" sia quelle più socialmente spendibili come la ragazza e la dottoressa del consultorio si amalgamano bene con la recitazione degli attori, che alla fine hanno improvvisato un finale corale dello spettacolo mettendo in scena, la precarietà degli incontri, tra le persone, l'amore è corto...perché sfugge alla logica.
Teatro Studio Uno
Via C. Della Rocca 6 Roma
L'AMORE E' CORTO
di
Carlotta Piraino
regia
Carlotta Piraino
Trecce
con Tony Allotta e Marta Nuti
Bambini
con Marco Zordan
Strappi
con Carmen Iovine, Cristina Pedetta, Eleonora Turco
Miriam Comito

venerdì 25 giugno 2010

"SCENE DI PAGLIA": FESTIVAL TRA ANTICHI CASONI E BARENE NELLE TERRE DELLA SACCISICA

Un festival che unisce teatro di parola e di figura, poesia e silenzio si anima nelle serate estive tra gli antichi casoni nella campagna e nella barena che lega il Padovano alla laguna di Venezia, condito dal sapore di tavolate agresti e incontri conviviali tra spettatori, protagonisti, organizzatori e abitanti, in una dimensione ospitale e comunitaria del fare artistico.
Dopo il successo della prima edizione, si propone con una nuova veste “SCENE DI PAGLIA”, il progetto curato da Fernando Marchiori che dal 3 al 10 luglio 2010 porterà le arti sceniche nei luoghi simbolo della comunità rurale della Saccisica.
Spettacoli e incontri animeranno quest’anno un vero e proprio festival dei casoni: dal Casone Ramei al Casone Rosso (a Piove di Sacco), passando per quello delle Sacche (Codevigo) e il Casone Azzurro (Arzergrande). E la manifestazione si estende per abbracciare le diverse identità delle terre della Saccisica con protagonisti César Brie, Gigio Brunello, Armando Carrara, Lucia Osellieri, Sandro Buzzatti, La scatola magica, Tam Teatromusica e Barabao.
I lavori che andranno in scena sono stati creati “su misura” per gli spazi in cui verranno proposti, rendendo così ancora più suggestive le performance degli attori.
“SCENE DI PAGLIA” dialoga dunque con le tradizioni del territorio, proponendo al contempo il confronto con esperienze teatrali riconosciute sul piano nazionale e internazionale. Un progetto che scommette su una teatralità popolare “alta”, cercando voci radicate e insieme capaci di rinnovarsi nelle forme e nei contenuti; artisti che si misurano con le questioni della contemporaneità senza dimenticare il grande patrimonio di narrazioni e spettacolarità itineranti, di teatro contadino, di burattini e marionette.
Il cartellone 2010 è stato creato intorno al tema “Bestie e barene”: “sono spettacoli teatrali attraverso i quali allungare lo sguardo su paesaggi sospesi tra acque e terre, sugli animali e le loro storie, i loro insegnamenti – commenta il curatore di Scene di paglia Fernando Marchiori -. Dai fiumi di Romano Pascutto ai boschi di Mario Rigoni Stern e Mauro Corona, dalla savana africana di Gigio Brunello alla giungla boliviana di César Brie, passando per le voci in dialetto di Emanuele Munari e i versi colorati di Diego Valeri, Scene di paglia prova a disegnare uno spazio dove la natura torni a parlarci e l’uomo non sia estraneo all’uomo. Uno spazio, forse non solo immaginario, dove ci si possa incontrare insieme”.

IL PROGRAMMA
Sabato 3 luglio (ore 17), al Casone Azzurro, Lucia Osellieri e Santoh Dolimano inaugurano “SCENE DI PAGLIA” con “STORIE IN UN CASONE DI ZUCCHERO FILATO”, tra corse in bicicletta, contastorie, burattini e zucchero filato per tutti.
Lunedì 5 luglio (ore 18) è la volta di Barabao, che presenta “LE VOCI DEL DOTTORE”, spettacolo creato appositamente per il festival e dedicato a Emanuele Munari: dal centro di Corte, il paese dove Munari esercitava la professione di medico, si snoderà un itinerario poetico a tappe che farà rivivere le tante voci inventate dal dottore-scrittore e arriverà fino al Casone Rosso.
Giovedì 8 luglio, il pomeriggio sarà dedicato ai bambini con La Scatola Magica e il percorso di “ASINO CHI LEGGE!”: ad accompagnare i bimbi in un piccolo viaggio attraverso il bosco del Casone Ramei ci saranno quattro asinelli e due conduttori (un animatore e una guida ambientale) per raccontare leggende e curiosità naturalistiche nei luoghi più suggestivi del percorso. Saranno organizzati tre turni: alle 16, alle 17 e alle 18. La sera (ore 21), sempre al Casone Ramei, momento internazionale con la prima regionale di “ALBERO SENZA OMBRA”, monologo del maestro argentino César Brie dedicato al massacro di contadini consumatosi l’11 settembre 2008 nel Pando, regione della giungla boliviana: 11 morti, centinaia di feriti e scomparsi ai quali nessuno finora ha restituito un nome, un volto, una storia. “Mi appartiene il dolore degli altri quanto il mio dolore non appartiene a nessuno – commenta Brie -. Sogni, solitudini, storie di esseri umani che il sonno pesante del benessere relega in un mondo distante, sono invece il rovescio della moneta che tutti consumiamo”. Seguirà un incontro con César Brie.
Venerdì 9 luglio ancora due appuntamenti al Casone Ramei. Alle 20 Gigio Brunello, diretto da Gyula Molnár, propone “THE BIG FIVE - A SAVANA BIG ANIMALS SHOW”, storie africane di viaggi, bestie e cacciatori che hanno per protagonisti degli animali di legno con meccanismi e suonerie, copie poetiche e deformanti della natura. A seguire sarà organizzata una tavolata agreste e, alle 22, Tam Teatromusica presenterà “FIORE DEL NULLA - Viaggio sentimentale nei paesaggi di Diego Valeri”, una produzione pensata per il festival e strutturata come omaggio a Diego Valeri nel suo paese natale, con i versi più rappresentativi della sua sensibilità per la natura e il paesaggio, tra acque, piante, animali ed esseri umani in ascolto.
“SCENE DI PAGLIA” si concluderà sabato 10 luglio al Casone delle Sacche. Alle ore 20 Armando Carrara, attraverso i racconti di Mario Rigoni Stern e di Mauro Corona, accompagnato dalla fisarmonica bayan di Miranda Cortes, indaga in “ANIMALI” il rapporto tra uomini e bestie dai tempi remoti al contemporaneo, tra debolezze e paure. Seguirà una tavolata lagunare, per chiudere poi la serata - e dunque l’intero programma del festival, - con “BIRT ALL’INFERNO” (ore 22), lavoro di Sandro Buzzati e Gigio Brunello sulle orme di Birt, passatore su un fiume pieno d’acqua verde e di luce: una collezione di storie dei Nane e delle Gigie, gente della bassa che viveva di polenta e stenti.

Biglietti:
3 luglio e 5 luglio : ingresso gratuito
8 luglio: “Asino chi legge!” 5 euro; “Albero senza ombra” 12 euro
9 e 10 luglio: biglietto unico 10 euro
PER PRENOTAZIONI CONTATTARE IL NUMERO 335.1836774

“SCENE DI PAGLIA” 2010 è promosso dai Comuni di Piove di Sacco, Codevigo e Arzergrande, con il sostegno di Regione del Veneto e Provincia di Padova, in collaborazione con Bacino Turistico della Saccisica, Gruppo Anziani del Territorio, Circolo della Saccisica “L’Arca di Noè”, Biblioteca Comuale e Pro Loco di Piove di Sacco, Pro Loco di Codevigo, con il contributo di Bacino Turistico Saccisica, BCC di Piove di Sacco, Centro Commerciale Piazza Grande.

Per informazioni
www.comune.piovedisacco.pd.it, Piove di Sacco: 0499709319, Codevigo: 0495817585 - 0495817006

giovedì 24 giugno 2010

Al via la prevendita dello show Loretta Goggi S.P.A. (Solo Per Amore )


Canta, balla, recita e intrattiene con la consueta verve da grande artista. Dopo i successi e l’accoglienza trionfale in numerosi teatri della penisola Loretta Goggi con il suo spettacolo teatrale S.P.A. (Solo Per Amore) sbarcano in Sardegna.

Accompagnata da una compagnia composta da un corpo di ballo di dodici danzatori e un’orchestra di undici musicisti, Loretta Goggi apre il breve tour di due date nell’isola domenica 8 agosto alle ore 21,30 all’Anfiteatro Maria Pia di Alghero.

Dopo l’appuntamento nella città catalana Loretta Goggi S.P.A. (Solo Per Amore ) scritto dall’artista con Carlo Pistarino, Augusto e Tony Fornari, per la regia di Gianni Brezza, replicano all’Anfiteatro Romano di Cagliari lunedì 9 agosto alle ore 21,30.

Gli appuntamenti inseriti nel calendario della IV Edizione del Festival “La Musica che Gira Intorno 2010” e dell’algherese “Festivalguer”, sono organizzati dall’Associazione Culturale “La via del Collegio” di Cagliari con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura dei Comuni di Cagliari e Alghero, e degli Assessorati alla Pubblica Istruzione, Spettacolo e Turismo della Regione Autonoma Sardegna.

I prezzi dei biglietti (compresi i diritti di prevendita) per lo spettacolo all’Anfiteatro Maria Pia di Alghero sono: platea 30 euro, tribuna 20 euro;
per lo spettacolo all’Anfiteatro Romano di Cagliari: platea 35 euro, secondo anello numerato 25 euro, anelli non numerati 22 euro
Cagliari: Box Office, Viale R. Margherita 43, tel. 070 657428;
Sassari: Messaggerie Sarde, Piazza Castello 11, tel. 079 230028;
Ticketok Via Tempio 65, tel. 0792822015
Alghero: Discofever, Largo S. Francesco 15, tel. 079 9731057;
Macomer: Logozzo Via Puglia 1, tel. 0785747196
Vendite Online: http://www.ticketone.it/ - http://www.greenticket.it/ - http://www.boxol.it/
Infoline tel. 070 657428, mail: info@boxofficesardegna.it

Info:
Ass. La via del Collegio
Via del Collegio, 4 09124 Cagliari
Tel. 070 3110127
e mail la.viadelcollegio@libero.it

Ufficio stampa
Antonio Rombi
cell. 392 4650 631
e mail: ant.rombi@gmail.com
e mail: antorombi@tiscali.it

Teatro Belli: Lorenzo Calogero, CITTA’ FANTASTICA

  

  Gruppo Sperimentale Villanuccia e Teatro Belli 
 
 

CITTA'  FANTASTICA - il lungo canto di Lorenzo Calogero 

Debutta al Teatro Belli lo spettacolo dedicato alla riscoperta del poeta Lorenzo Calogero 
 
 
 

Teatro BELLI, Roma

27 giugno 2010, ore 21:00

ingresso libero 
 

      "CITTA' FANTASTICA - il lungo canto di Lorenzo Calogero" debutta al Teatro Belli di Roma il prossimo 27 giugno, nella forma di "Appunti per una messa in scena" come omaggio per il centenario della nascita. Questa presentazione dello spettacolo segna la prima tappa della produzione che proseguirà fino al 2011, anno in cui si celebra il cinquantenario dalla morte del poeta Lorenzo Calogero. La sua opera è ancora oggi misconosciuta, introvabile in libreria, ma fu caso letterario negli anni '60, sollevando nel tempo voci autorevoli: Luzi, Montale, Amelia Rosselli; Ungaretti di lui ha detto "con la sua poesia ci ha diminuiti tutti", Carmelo Bene lo definì "il più grande poeta lirico del Novecento italiano".

      Il Gruppo Sperimentale Villanuccia ricerca intorno all'opera calogeriana dal 2000, quando scopre in essa la ricchezza di un sistema carico di molteplici suggestioni espressive, che una lettura attraverso il teatro avrebbe potuto restituire in tutta la sua complessità. Dal 2004 propone una serie di iniziative che, attraverso la multimedialità e l'interazione tra i diversi linguaggi, costituiscono un percorso di maturazione artistica e di ricerca estetica, guidata dalle stesse indicazioni che Calogero annota in una lettera-saggio del 1960 a Vittorio Sereni « (…) il titolo che avevo pensato per un mio libro di poesie (…) avrebbe dovuto essere quello di "Città fantastica", intendendo con tale titolo di designare la possibilità di una capacità espressiva che avesse quasi del fantastico, essendo intercomunicante in tutti i punti di essa (…) ».

      "Città Fantastica – il lungo canto di Lorenzo Calogero", ideato e diretto da Nino Cannatà, è un'opera video-teatrale per attore, soprano, due danzatori e piccola orchestra, con un adattamento drammaturgico dei testi del poeta, un viaggio nel sogno calogeriano, per disvelarne la vitalità e riscoprirne l'incanto. Da una selezione della complessa mole di poesie, prose, epistolario, nonché da recenti trascrizioni di manoscritti inediti, si sviluppa un doppio percorso narrativo, con la compresenza sulla scena dell'"io" poetico e biografico e del "tu" amoroso e fantastico, che combina una sintesi della avventura umana del poeta con l'evoluzione della fittissima trama arabescata delle sue liriche, nel tentativo di ripercorrere quel sentiero poetico che dalla prima opera conduce alla sua piena maturità stilistica. 

      Il poeta, interpretato da Massimo Sannelli, rievoca la suggestione del fare poetico, mette in scena, con semplice e rarefatta gestualità, istanti del suo vissuto, medita seduto allo scrittoio, manifesta le sue visioni.

      La figura femminile, del soprano recitante Emmanuelle D'Alterio, appare e scompare in scena come priva di fisicità, nell'incanto della sua voce. In tutta l'opera di Calogero la figura della donna non ha mai dei connotati precisi, incarna piuttosto il motivo di trasfigurazione dell'amore universale, un'evanescente "figura diafana", è il simbolo di un altrove irraggiungibile ed emblematico, la voce che incarna il suono, il "canto", eco del "soliloquio altissimo" del poeta.

      Le traiettorie di una danza dello sdoppiamento, per la coreografia di Roberto Sartori, tracciano le forze racchiuse nei versi, trasfigurano "l'altra vita" di Lorenzo Calogero, spesa in quell'"oltre" in cui la parola dimora. La danza è introdotta come espressione corporea di parola, suono, movimento. La coppia di danzatori rispecchiano l'"arcano destino" del poeta e il femmineo immateriale. Tracciano segni, gesti, figure, disegnano gli arabeschi del sogno, le variazioni imprevedibili dei versi di Calogero.

      La voce-off di Carlo Emilio Lerici accompagna lo spettatore scandendo il racconto biografico con testimonianze, ricordi, lettere e ne svela l'inedito racconto della vita.

      La partitura di Girolamo Deraco nasce da un abbozzo di note sul pentagramma, sorprendente traccia scoperta in uno dei quaderni manoscritti del poeta, e si sviluppa ispirandosi alla originale musicalità dei versi, alla loro particolarissima combinazione di fonemi, di "sillabe arcane".

      E come se il poeta avesse scritto il suo poema per il teatro, dove la parola risuonando crea immagini e suoni impossibili altrimenti che si manifestano nel divenire della rappresentazione. I versi di Calogero abitano il "teatro strano" della mente, dove le parole sono presenze vive e immateriali a risvegliare il gesto, la danza, il canto, la musica, le visioni.

      Con il Teatro Belli e la co-produzione del suo direttore Carlo Emilio Lerici si riapre una pagina importante per il destino di Lorenzo Calogero e della sua opera. Fu Roberto Lerici (drammaturgo e regista, già direttore del Belli, padre di Carlo Emilio) l'editore delle  famose "Opere Poetiche" che negli anni '60 portò Lorenzo Calogero all'attenzione della cultura internazionale.

      "Città Fantastica – il lungo canto di Lorenzo Calogero" è un contributo a rinnovare la voce del grande poeta calabrese tra la letteratura contemporanea e a riscoprirlo nel presente, in cui possa rivivere. 
 
 
 
 
 

Gruppo Sperimentale Villanuccia e Teatro Belli 

un progetto di Nino Cannatà

adattamento dei testi e messa in scena

in collaborazione con Carlo Emilio Lerici 

il poeta Massimo Sannelli

la figura femminile Emmanuelle D'Alterio

voce off Carlo Emilio Lerici 

coreografia Roberto Sartori

danzatori Katiuscia Bozza e Gianmarco Norse 

musica originale Girolamo Deraco

eseguita dal vivo da

Matteo Ballini pianoforte

Elisa Santacroce flauto

Federica Santoro lira calabrese 

scene, video e regia Nino Cannatà 

assistenti regia Valentina Dugo e Andrea Civinini

animazione lettering Pietro Fantoni

sviluppo grafico Vitoria Muzi

editing video Simone Carrai

multimedia Progetti Digitali

 

La voce off  legge brani dalle testimonianze di Giuseppe Tedeschi.

I manoscritti inediti di Lorenzo Calogero del 1936 e del 1957

sono trascritti rispettivamente da Arianna Lamanna e Lucia Calogero. 

produzione Villanuccia 2002-2010

co-produzione Teatro Belli, Roma

con il sostegno di:

Banca di Credito Cooperativo di Cittanova

con il patrocinio di:

Regione Calabria, Ass. Cultura

Provincia di Reggio Calabria, Ass. Cultura

Comune di Melicuccà 

Si ringraziano gli eredi Calogero 
 
 

www.lorenzocalogero.it 
 
 

Gruppo Sperimentale Villanuccia via San Zanobi 50   50129 Firenze   Tel. 055 218001    

             info@villanuccia.com                  www.villanuccia.com

mercoledì 23 giugno 2010

Parte la prevendita per le date in Sardegna dell'Orchestraevoce Tour di Francesco Renga


In tutte le precedenti date nei teatri d’Italia è stato un ripetersi di sold out. Sull’onda anche del successo dell’album “Orchestraevoce” (Universal Music) ancora in classifica, a distanza di sette mesi, dei dischi più venduti, “Orchestraevoce tour 2010” di Francesco Renga approda in Sardegna.

Accompagnato dai 40 orchestrali dell’Ensemble Symphony Orchestra diretta dal Maestro Valentino Corvino, Francesco Renga ritaglia per il pubblico sardo due imperdibili date in cui interpreterà i brani del suo ultimo disco “Orchestraevoce” e alcuni dei successi contenuti nei suoi precedenti album in un’inedita versione piano e voce. Il breve tour prende il via giovedì 29 luglio alle ore 21,30 all’Anfiteatro Romano di Cagliari.

Dopo l’appuntamento nel capoluogo sardo Francesco Renga e l’Ensemble Symphony Orchestra si trasferiscono ad Alghero venerdì 30 luglio alle ore 21,30 all’Anfiteatro Maria Pia per offrire al pubblico della città catalana il concerto dell’Orchestraevoce tour 2010.

Gli appuntamenti inseriti nel calendario della IV Edizione del Festival “La Musica che Gira Intorno 2010” e dell’algherese “Festivalguer”, sono organizzati dall’Associazione Culturale “La via del Collegio” di Cagliari con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura dei Comuni di Cagliari e Alghero, e degli Assessorati alla Pubblica Istruzione, Spettacolo e Turismo della Regione Autonoma Sardegna.
I prezzi dei biglietti (compresi i diritti di prevendita) per il concerto all’Anfiteatro Romano di Cagliari sono: platea 33 euro, secondo anello numerato 25 euro, anelli non numerati 20 euro;
per il concerto all’Anfiteatro Maria Pia di Alghero: platea 25 euro, tribuna 18 euro
Cagliari: Box Office, Viale R. Margherita 43, tel. 070 657428;
Sassari: Messaggerie Sarde, Piazza Castello 11, tel. 079 230028;
Ticketok Via Tempio 65, tel. 0792822015
Alghero: Discofever, Largo S. Francesco 15, tel. 079 9731057;
Macomer: Logozzo Via Puglia 1, tel. 0785747196
Vendite Online: http://www.ticketone.it/ - http://www.greenticket.it/ - http://www.boxol.it/
Infoline tel. 070 657428, mail: info@boxofficesardegna.it

Info:
Ass. La via del Collegio
Via del Collegio, 4 09124 Cagliari
Tel. 070 3110127
e mail la.viadelcollegio@libero.it

Ufficio stampa
Antonio Rombi
cell. 392 4650 631
e mail: ant.rombi@gmail.com
e mail: antorombi@tiscali.it

Laboratori teatrali estivi Compagnia dei Merli Bianchi. Giulianova, dal 6 luglio 2010

Istituti Riuniti Castorani-De Amicis, inizio progetto "Il teatro va in vacanza" laboratori estivi per bambini ed adulti.

Martedì 6 luglio 2010 dalle ore 17,30 avranno inizio presso gli spazi della scuola materna paritaria "E. De Amicis" i laboratori estivi dell'associazione Compagnia dei Merli Bianchi.

Il progetto dal titolo "Il Teatro va in vacanza", ha l'obiettivo di far arrivare il teatro alle famiglie anche d'estate attraverso dei laboratori intensivi altre che di teatro anche di costruzione di scenografia per bambini, di danze popolari e di lettura espressiva per gli adulti.

I corsi attivi dal 6 luglio sono:

  • "Musical": Laboratorio di teatro per la realizzazione di un musical - dagli 8 ai 13 anni (tecniche base di presenza scenica, recitazione, dizione, movimento corporeo, canto corale);

  • "Lo spazio a colori" Laboratorio di costruzione di oggetti e scenografie per bambini ed adulti dai 7 in poi;

  • "Laboratorio di Lettura creativa" per ragazzi dai 10 ai 17 anni e per adulti dai 18 anni in poi

( respirazione ed emissione vocale; impostazione vocale; controllo dell'emotività; dizione; lettura espressiva di un testo).

  • "Seminario di danze popolari" per ragazzi ed adulti dai 16 anni in poi (pizzica, tarantella, tammurriata).


Le iscrizione resteranno aperte fino al raggiungimento della soglia massima di 15 partecipanti per corso.

Per maggiori informazioni contattare la direzione artistica al 340.6072621 o scrivere a info@compagniadeimerlibianchi.it



lunedì 21 giugno 2010







Marco Carta con il nuovo album
“Il cuore Muove”
ritorna davanti al pubblico della sua città
Cagliari, 25 giugno Anfiteatro Romano


Il conto alla rovescia è iniziato e tra i suoi fan cresce sempre più l’attesa per ascoltare dal vivo le undici canzoni del secondo album. Il tour estivo 2010 de “Il Cuore Muove” di Marco Carta dopo aver preso il via da Somma Vesuviana, approda in Sardegna per uno degli eventi più attesi dell’estate musicale cagliaritana.

C’è un gran fermento e un’atmosfera sempre più incandescente tra il pubblico del capoluogo isolano per il nuovo concerto di Marco Carta in programma venerdì 25 giugno alle ore 21,30 all’Anfiteatro Romano.

L’estate scorsa fresco del successo al Festival di Sanremo, gli spettatori di Cagliari lo hanno salutato come una sicura promessa della canzone melodica italiana, ma dopo un 2009 carico di successi - due premi ai TRL Awards a Trieste (Man Of The Year e Best #1 Of The Year), tre premi agli Wind Music Awards (disco di platino per “Ti rincontrerò”, il disco di platino per “La Forza Mia”, artista più votato); il Venice Music Awards come interprete maschile dell’anno e soprattutto i grandi riscontri per il secondo compact “Il Cuore Muove” uscito il 25 maggio e da subito ai vertici della classifica dei dischi più venduti - Marco Carta ritorna per la terza volta atteso e acclamato come una star davanti ai suoi concittadini.

Per questa nuova esibizione nella suggestiva cornice del sito archeologico di Via Sant’Ignazio da Laconi, il cantante cagliaritano oltre ad riproporre alcuni dei brani più gettonati come Ti Rincontrerò del 2008 e La Forza Mia del 2009, presenterà le undici tracce inedite prodotte e arrangiate dal musicista Paolo Carta con la collaborazione in sala di registrazione di Bruno Zucchetti e dei fratelli Bassi.

Undici canzoni in cui l’amore, i sentimenti sono i temi ricorrenti, ma che grazie ai ricercati suoni dal respiro internazionale, testimoniano per il giovane cantante sardo un percorso artistico in continua crescita. In questa serata all’Anfiteatro Marco Carta è accompagnato sul palcoscenico dai musicisti Elvezio Fortunato (chitarra); Franco Penatti (batteria), Luca Visigalli (basso); Michele Fazio (tastiere); Laura Carusino (cori e chitarra acustica).


Marco Carta è un talento in costante maturazione. «La mia voce sta cambiando: ho una maggiore estensione e il mio “sabbiato” è meno acerbo e più adulto». Un'ulteriore conferma che il percorso artistico del giovane cantante sardo sta facendo rotta verso traguardi sempre più prestigiosi è la collaborazione con James Morrison, che nell'album “Il cuore muove” è autore del singolo “Quello che dai” e del brano pop con echi Motown “Dare per amare”.

Oltre alla title-track dal respiro autobiografico, fra le undici tracce del cd “Il cuore muove” troviamo l'inno all'amore della ballata pop “Come pioggia d'estate” («È probabilmente il brano più soft di tutti i miei tre dischi»); le emozioni incancellabili del pezzo “Il cuore non dimentica” con accenti r&b; l'invito a non perdersi alla ricerca di gioie irraggiungibili di “Il Paradiso è qui” («È un rock pesante: non avrei mai immaginato di cantare una canzone simile, però mi intriga e forse in futuro farò un altro esperimento rock»); l'amore travagliato di “Non è così” («Quando una storia finisce, nonostante la sofferenza, il più fortunato della coppia è quello che ancora ama»); la relazione impossibile di “Sempre” («Atmosfera soul-jazz per l'ultimo litigio di una coppia che scoppia. Eppure si amano») e la malinconia di “Un libro senza pagine” («È la mia canzone più triste in assoluto: se butti due pagine nel vento, non si incontreranno mai più»).
Fra gli autori troviamo anche la talentuosa Federica Camba, che firma il pop melodico di “Niente più di me” («Due innamorati che si attraggono e si respingono allo stesso tempo») e il pop con vivaci chitarre Anni 70 della traccia finale “Un motivo per restare”.

L’appuntamento inserito nel calendario della IV Edizione del Festival “La Musica che Gira Intorno 2010” è organizzato dall’Associazione Culturale “La via del Collegio” di Cagliari con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura del Comune di Cagliari e degli Assessorati alla Pubblica Istruzione, Spettacolo e Turismo della Regione Autonoma Sardegna.

I prezzi dei biglietti sono:
platea 23 euro +2 p.v; anelli numerati 18 euro + 2 p.v; anelli non numerati 16 euro + 2 p.v.
Cagliari:
Box Office Viale R. Margherita 43
Tel. 070 657428;
Infoline: tel. 070657428,
e mail: info@boxofficesardegna.it;
http://www.greenticket.it/


Info:
Ass. culturale compagnia teatrale
La via del Collegio
Via del Collegio, 4
09124 Cagliari
Tel. 070 3110127
e mail la.viadelcollegio@libero.it
web: http://www.laviadelcollegio.com/

Ufficio Stampa
Antonio Rombi
cell. 392 4650 631
e mail: ant.rombi@gmail.com
e mail: antorombi@tiscali.it

domenica 20 giugno 2010

(Fonderia delle arti) "OH HAPPY DAY!"


Il 19 e il 20, e dal 25 giugno al 3 luglio in scena alla Fonderia delle arti "OH HAPPY DAY!" Scritto dal compianto Giorgio Spaziani, per la regia di Emanuela Giovannini. Uno spettacolo in crescendo, in cui dalle iniziali "vetrine conchiuse" in cui da prima i sei protagonisti, (Un operaio erotomane, una venditrice ambulante ninfomane, un' operatrice di call center oramai incorporata nel mobilio, un'operatrice domestica isterica, un agente immobiliare finto pacifico, sono bloccati fermi nel ruolo dato loro dalla società, poi si iniziano a muovere,a monologare, ma pur sempre nei loro spazi angusti. Si è parlato di sei personaggi e fino a ora se ne è delineati nelle loro forme generali solamente cinque, il sesto è un ex ragazzo immagine, che si arrabatta tra piccoli ruoli nelle fiction e le lezioni di fitness in palestra, questo personaggio si muove sul palco più degli altri, sembrerebbe avere, più libertà, in realtà le sue vicende private hanno un grande scollamento rispetto a quello che lui fa vedere di se pubblicamente ma allo stesso tempo è il trait-d'union tra tutti i personaggi, che piano piano nel crescendo dello spettacolo escono dalle loro scatoline prefabbricate e si aprono al pubblico, mostrandosi realmente per quello che sono: prodotti perfetti per il consumo pubblico, chi su un calendario, chi mostro sbattuto in prima pagina, chi a raccontare sensazionali storie capaci di aumentare l'auditel.


Spaziani riesce perfettamente, con il suo testo, ben coadiuvato dalla regia di Emanuela Giovannini a mettere a nudo le incapacità umane di staccarsi realmente da ciò che ci viene imposto, e a quanto è più facile essere cattivi che buoni, i personaggi si liberano si delle imposizioni fisiche, tutti escono dagli angusti spazi in cui sono collocati all'inizio dello spettacolo, ma solo fisicamente le loro anime rimangono intrappolate nell'accidia e cattiveria generata in loro, persino quando si incontrano non dialogano, ma monologano tra loro.


"OH HAPPY DAY!" Ha vinto nel 2007 la Rassegna Nuove Sensibilità del Teatro Festival Italia di Napoli. Nel 2010 vince il PIANO LOCALE GIOVANI della PROVINCIA DI ROMA.




"OH HAPPY DAY!"


di


Giorgio Spaziani


Regia


Emanuela Giovannini


Personaggi Interpreti


Operatrice call center Emanuela Giovannini


Operatrice domestica Flavia Giovannelli


Operaio erotomane Paolino Blandano


Agente immobiliare Valerio Di Filippo


Ambulante ninfomane Valentina Gristina


Insegnante di fitness Gianluca Musiu


dal 10 al 20 giugno e dal 25 giugno al 3 luglio 2010


Fonderia delle arti


Via Assisi 31 Roma


Miriam Comito


sabato 19 giugno 2010

L'Isola del Cinema


Questa sera a Roma si accendono i riflettori sulla XVI edizione de L’Isola del Cinema che fino a settembre proporrà un ricco programma di eventi dedicati al mondo del grande schermo, prima fra tutti la proiezione di film usciti durante l'inverno, ma non mancheranno focus, retrospettive, rassegne, ad incontri con autori, registi e attori e ad anteprime internazionali. Grande l'attenzione al cinema di casa nostra, con un cartellone che punta al nostro cinema con le sezioni Nuovo cinema italiano, che ospita le opere prime dei filmaker e Cantiere Italia dove protagoniste saranno le pellicole di autori già affermati. Per la serata inaugurale sono in programma Happy family di Gabriele Salvatores e Questioni di Cuore di Francesca Archibugi. Gli spettatori de l'Isola del Cinema potranno scegliere fra tre sale sotto le stelle: l’Arena, la più grande da 500 posti, che ospiterà le grandi prime e le proiezioni speciali: C'è poi il Cinelab da 200 posti riservato ai film che hanno riscosso maggior successo nella scorsa stagione, ma non mancheranno documentari e film realizzati con le nuove tecnologie. Il terzo e più piccolo è il Tiber screen da 50 posti dove saranno proiettati i corti e le opere prime dei registi di domani. La cinematografia straniera sarà rappresentata anche dai paesi ospiti, che quest’anno sono l’Argentina, la Germania, Israele, la Romania, la Russia, la Turchia, la Giappone e il Messico. L'Isola del Cinema propone anche uno spazio dedicato ai bambini si itratta di “Crescere con il cinema” nato con l’obiettivo di sensibilizzare i più piccoli nei confronti dell’arte cinematografica. Accanto alle proiezioni “guidate”, è prevista una fase più attiva durante la quale i ragazzi saranno coinvolti all’interno di un laboratorio creativo dove avranno la possibilità di cimentarsi nell’ideazione e realizzazione di un vero e proprio cortometraggio sull’Isola del Cinema. Tra gli eventi speciali in programma la sezione speciale Cinema e Ambiente con una quattro giorni (dal 23 al 26 giugno) che punta a far conoscere lo stato di salute della madre terra. La rassegna Pachamama, “Madre Terra” nella lingua degli Inca, vuole sottolineare la complessità del tema ambiente, e offrire l'opportunità di far conoscere, attraverso il cinema, la realtà che stiamo vivendo, dallo stato di salute della biosfera all’effetto serra, dall’inquinamento al riciclaggio, dalle problematiche dell’acqua e della siccità a quelle delle biodiversità.
Nell'ambito di questa sezione il 24 giugno si terrà la festa della Pachamama, nel corso della quale oltre cento artisti provenienti dal Perù, dalla Bolivia, dal Messico, dall’Ecuador, offriranno danze e musica dell’America Latina, le performance saranno dedicate alla semina, alla raccolta, ai riti per la fertilità della Terra, per la pioggia.

Serata speciale dedicata al Giappone il 6 e 7 luglio con una due giorni di cinema, pittura, musica e cucina nipponica. Due le anteprime che saranno proposte: “Dear Doctor” e il film d’animazione “Summer Wars”. A seguire, degustazioni di piatti tipici giapponesi, sakè e altro. Arricchirà l’evento degli spettacoli legati alla musica e alla danza nipponica.

L'ISOLA DEL CINEMA
19 GIUGNO - 5 SETTEMBRE
ISOLA TIBERINA - ROMA

Per la programmazione completa del "L'Isola del Cinema" cliccate qui

Nasce TuttoNormativa del CorrieredelWeb




Augurando di fare cosa gradita  vi segnaliamo l'opportunità di pubblicare gratuitamente  su TuttoNormativa del CorrieredelWeb vostri articoli, pareri, commenti di aggiornamento normativo,  inviandoli via email alla ns. redazione o pubblicandoli direttamente e in massima autonomia (basta chiedere l'accredito stampa).


Prossimante vedranno la luce anche altri newsblog tematici::

TuttoSport
TuttoLetteratura
TuttoLavoro
TuttoMusica
TuttoEconomia
TuttoDonna


ecc, ecc...



--
Redazione del CorrieredelWeb.it
www.CorrieredelWeb.it









COME PUBBLICARE LE NOTIZIE SUL NEWS-BLOG NETWORK DI
WWW.CORRIEREDELWEB.IT
ANCHE CON L'INVIO DI UNA SEMPLICE EMAIL!
 

1) scegli il news-blog tematico che meglio corrisponde all'argomento della tua notizia (se non lo trovi puoi inviarcelo via email a corrieredelweb -at- gmail.com e/o suggerirci la realizzazione di un nuovo newsblog sul tema di tuo interese).

2) scrivici una richiesta di accredito stampa per il blog i cui desideri averre libero accesso
 
3) Quando riceverai un email dal titolo "sei stato invitato ... dalla Redazione del CorrieredelWeb.it" (in caso di mancato recapito, avvisaci!), sarai pronto per entrare nella nostra community.
 
Per accettare l'invito clicca sull'url presente nel messaggio di accredito.
 
Se hai già un Account di Google vai su Blogger.com, inserisci il tuo indirizzo email con tua password, e decidi il tuo nome visualizzato.
 
Se non hai un Account di Google troverai nell'invito/accredito le semplici spiegazioni per crearlo. Attenzione: un errore comune è di andare subito a riempire i campi di "crea un nuovo blog": non ti serve alcun blog per pubblicare sul CorrieredelWeb!
 
_________________________________________________________

Puoi pubblicare tramite la piattaforma di blogger.com...oppure è possibile
 
Pubblicare via email sul CorrieredelWeb.it (e gli altri nostri newsblog):
Solo la prima volta devi impostare "Mail-to-Blogger", ossia l'indirizzo personale di ricezione (il tuo esclusivo e personale indirizzo cui spedire via email le tue notizie). NB puoi spedire sempre da qualsiasi casella di posta all'indirizzo di ricezione che stai per creare. Segui, passo passo, queste istruzioni:
 
1) con l'account Google accetta l'invito e vai sul sito http://www.corrieredelweb.it/ ;
 
2) clicca su "entra" (nell'angolo in alto a destra della schermata);
 
3) passa su "Impostazioni": comparirà l'indirizzo Mail-to-send dove inserire la tua email (così vieni avvisato quando la tua news è on line) e l'indirizzo Mail-to-Blogger da completare nello spazio bianco (per es.: con la password) "il nome della tua email".[_______]@ blogger.com
Per esempio: Mario Rossi con email mario.rossi@hotmail.com troverà mario.rossi.[_____]@blogger.com e se sceglie come password "corrieredelweb" scriverà come indirizzo Mail-to-Blogger: mario.rossi.corrieredelweb@blogger.com  e questo è l'indirizzo cui Mario spedirà le sue news;
 
4) Dài il visto sul quadratino di "pubblica" (altrimenti viene salvata una bozza quando spedisci la news);
 
5) clicca sul tasto arancione "salva impostazioni" 6) scriviti a parte e/o salva nella tua rubrica il tuo indirizzo Mail-to-Blogger;
 
6) invia il cs al suddetto indirizzo con la posta elettronica, scrivendo il testo nel corpo dell'email e il titolo nell'oggetto. Le immagini non possono essere inserite nell'email ma possono essere allegate. Niente .pdf però!
 
7) Attendi fiducioso (senza rimandare cs doppioni): a volte il CorrieredelWeb.it è così intasato di comunicati inviati che si formano delle "code di pubblicazione" che durano anche diverse ore (un po' come avviene quando in ufficio si usano stampanti condivise) e possono servire anche diverse ore per vedere il proprio comunicato pubblicato (all'ora dell'invio).
 
8) A pubblicazione avvenuta se vuoi fare correzioni, riformattare il testo, aggiungere (poche, essenziali) tag, inserire o cambiare posizione a immagini o foto, basta che rientri nel corrieredelweb.it e vai su "post" (non più a impostazioni): troverai gli ultimi 300 articoli inviati e ognuno può modificare solo i propri.
 
Un ultimo consiglio: Metti nell'oggetto il titolo senza parole accentate, (evita anche apostrofo tondo e virgolette tonde o simboli particolari; nel dubbio copia il testo word sul blocco-notes e poi ricopia prima di incollarlo nella casella dell'oggetto) vedi il demo .
 
 
 

News network del CorrieredelWeb.it





Per migliorare sempre più le digital relations ed il web article marketing oltre a realizzare il Nuovo CorrieredelWeb la strada che abbiamo intrapreso è quella di segmentare in news-blog tematici dedicati a specifici argomenti.

E così abbiamo da tempo abbiamo lanciato e si sono affermati diversi blog tematici.

TuttoFiere Tutto sul mondo delle manifestazioni fieristiche con focus su quelle italiane. Esposizioni, convegni, presentazioni, nuove iniziative, mostre, eventi.

TuttoMostre Tutto sul mondo delle mostre culturali e artistiche, vernissage, esposizioni. L'arte e la cultura in tutte le loro manifestazioni: pittura contemporanea e storica, scultura, fotografia, ecc

TuttoFormazione Formazione per trovare occupazione, sviluppare la propria professionalità e trovare nuove opportunità di lavoro. Master, corsi proposti da università, scuole di alta specializzazione. Segnalazioni di stage e borse di studio.

TuttoTeatro Tutto sulllo mondo del teatro: spettacoli, musical, eventi, corsi di recitazione, laboratori teatrali, inviti alle prime per la stampa

TuttoDisco
Tutto sul mondo della musica nei suoi diversi generi. Locali, tendenze, nuove produzioni, dj, eventi.

TuttoPoesia
Tutto sul mondo della poesia e della letteratura. Libere composizioni, concorsi nazionali e locali. Presentazioni ed eventi culturali

TuttoICT Tutto sul mondo dell'Information & Communication Technology. Telecomunicazioni fisse e mobili, hi-tech, new media, Internet, web 2.0

TuttoFotografie La Comunicazione e l'informazione attraverso l'uso di immagini e fotografie.

TuttoTurismo Tutto sul mondo del turismo: località, itinerari, alberghi, hotel, agriturismi, camping, bed & breakfast, villaggi turistici, tour operator. Offerte promozioni, proposte per le vacanze ed il tempo libero.

TuttoArredamento Tutto sul mondo del design e della progettazione degli arerddi da interno ed esterno

OggiArte L'arte e la cultura in tutte le loro manifestazioni: pittura contemporanea e storica, scultura, fotografia, ecc

MilanoNotizie Tutte le notizie sul Comune di Milano e il suo hinterland. Politica, Cultura, Ambiente, Mobilità, Eventi, Infrastrutture e Trasporti, Urbanistica, Tempo libero, Ecopass, verso l'Expo 2015..

Eco-Sostenibile La sostenibilità declinata a 360° gradi: ambiente, energia, mobilità, turismo, bioedilizia e urbanistica, innovazione e sviluppo, produzione e consumi. Iniziative, progetti, studi, rapporti, convegni, mostre, fiere, eventi. Per un mondo a misura del pianeta Terra.

Il Comunicato Stampa per i cs da inviare con il semplice invio di un'email senza necessità di accrediti.



E....se il nostro servizio ti è utile e vuoi aumentare la visibilità delle tue news pubblicate sui nostri news-blog,  ci sarà utile e ti saremo grati se potrai fare un link a www.corrieredelweb.it 
 
Nel caso, ti piaccia il logo, puoi
copiare il codice:

<a href=" http://www.corrieredelweb.it/ "><img
src=" http://photos1.blogger.com/blogger/1366/2284/400/corrieredelweb.jpg
" alt="" border="0" /></a>

Se vuoi un link di solo testo:

a href=" http://www.corrieredelweb.it/ ">CorrieredelWeb.it</a>


Infine con un piccolo contributo (anche solo 5 euro) puoi supportare il ns. servizio.
Nei Paesi anglosassoni, questa sorta di riconoscimento è ritenuta una prassi non disdicevole nè per chi l'effettua, nè per chi lo riceve.

Con piccolissimi contributi oltre ad un bel feed-back, ci aiutate a migliorare.
Ma NB: nulla è dovuto!
Grazie!







venerdì 18 giugno 2010

IF FESTIVAL-TEATRO DEL BURATTO vince PREMIO HYSTRIO 2010

Filippo Timi, Emma Dante, Maria Paiato,

Saverio La Ruina, Teatro Sotterraneo

Punta Corsara/Scampia

e IF Festival-Teatro del Buratto

vincono il Premio Hystrio 2010

la premiazione sarà a Milano al Teatro Elfo Puccini sabato 19 giugno  
 

La giuria del Premio Hystrio ha già decretato i nomi dei vincitori per l'edizione del 2010 in programma il 19 giugno a Milano al Teatro Elfo Puccini individuando alcune delle realtà più interessanti della scena italiana contemporanea: Filippo Timi, Emma Dante, Saverio La Ruina, Maria Paiato, Teatro Sotterraneo, Punta Corsara/Scampia e IF festival- Teatro del Buratto.

Premio teatrale tra i più prestigiosi, organizzato dall'omonima rivista di teatro, il Premio Hystrio corre da sempre su un doppio binario (Premio Hystrio alla Vocazione per attori esordienti, assegnato da una giuria di registi, e Premio Hystrio, assegnato dall'omonima rivista), rivolgendosi sia alle giovani generazioni d'attori sia ai grandi nomi della scena italiana, secondo lo spirito di creare una staffetta fra chi aspira a intraprendere la carriera del palcoscenico e chi invece ha già ottenuto importanti risultati. 

Filippo Timi, artista poliedrico, ha iniziato in teatro con Pippo Delbono, Bob Wilson, Dario Marconcini e Cesare Ronconi, dal 1996 entra nella compagnia di Giorgio Barberio Corsetti e nel 2004 riceve il Premio UBU come miglior attore under 30; poi si afferma nel cinema con Ozpetek, Salvatores, Montaldo e Bellocchio e nella narrativa con Tuttalpiù muoio (con Edoardo Albinati, Fandango Libri), E lasciamole cadere queste stelle (Fandango Libri) e Peggio che diventare famoso (Garzanti). Riceve il Premio Hystrio-Teatro Festival di Mantova per il suo brillante e multiforme percorso artistico e per la sua ultima fatica teatrale Il popolo non ha il pane? Diamogli le brioche (prod. Santo Rocco e Garrincha), che sarà ospite nel cartellone del festival mantovano il 20 giugno. 

Emma Dante, regista teatrale, di recente si è affermata anche nel mondo della lirica con la direzione di Carmen per l'apertura della scorsa stagione del Teatro Alla Scala di Milano; con la sua compagnia Sud Costa Occidentale ha ricevuto numerosi premi e dal 1999 a oggi ha firmato spettacoli memorabili come mPalermu, Carnezzeria, Mishelle di Sant'Oliva, Medea, La scimia, Vita mia, Cani di bancata, il festino, Le pulle…ha lavorato al cinema e in TV con Nanny Loy, Marcello Mastroianni e Vittorio Gassman, ha scritto, tra gli altri, il romanzo Via Castellana Bandiera (Rizzoli) e La favola del pesce cambiato (con le splendide illustrazioni di Toccafondo, L'alboreto Edizioni). Riceve il Premio Hystrio alla regia. 

Saverio La Ruina, si è formato con grandi maestri della scena: Leo De Berardinis, Remondi e Caporossi, Eimuntas Nekrosius e nel 1992 insieme a Dario de Luca fonda a Castrovillari la compagnia Scena Verticale con la quale vince prestigiosi premi teatrali,  tra cui l'UBU nel 2007 per Dissonorata. Scrive, dirige e interpreta la trilogia composta da Hardore di Otello (2000) che debutta al festival Santarcangelo dei Teatri, Amleto ovvero Cara mammina (2002) che viene presentato in prima nazionale al Festival delle Colline Torinesi e Kitsch Hamlet (2004) che debutta al Teatro Vascello di Roma. Nel 2009 scrive, dirige e interpreta la Borto. Riceve il Premio Hystrio alla drammaturgia. 

Maria Paiato, formatasi all'Accademia Nazionale di Arte Drammatica Silvio D'Amico di Roma, lavora nel teatro con registi del calibro di Nanni Loy, Ennio Coltorti, Luca Ronconi, Maurizio Scaparro, Antonio Calenda, Valter Malosti e Giancarlo Sepe e vince premi di grande valore, per due volte riceve il Premio UBU (per Maria Zanella e Il silenzio dei comunisti) e per due volte riceve il premio ETI - Gli Olimpici del Teatro (con Cara professoressa e Un cuore semplice). Lavora al cinema e in televisione e in radio. Vince il Premio Hystrio all'interpretazione. 

Teatro Sotterraneo, collettivo di ricerca teatrale nato nel 2004 attorno al progetto 11/10 in apnea, spettacolo che entra a fare parte della Generazione Premio Scenario 2005, negli anni successivi produce Post-it (2007), La Cosa 1 (2008) e il "Dittico sulla specie" composto da Dies irae _ 5 episodi intorno alla fine della specie (2009) e L'origine delle specie (primavera 2010, prodotto dal Teatro Metastasio di Prato). Nel 2009 riceve il Premio Lo Straniero e il Premio Speciale Ubu come uno dei «gruppi guida dell'attuale ricambio generazionale». Riceve il Premio Hystrio-Castel dei Mondi, una novità di quest'anno, nata dalla collaborazione tra Hystrio e Castel dei Mondi Festival Internazionale di Andria (Ba) e destinato a una giovane compagnia. 

Punta Corsara/Scampia è un progetto di impresa culturale e formazione promosso dalla Fondazione Campania dei Festival, nato nel 2007 con la direzione artistica di Marco Martinelli e realizzato nell'Auditorium di Scampia, quartiere a rischio della periferia napoletana. Ha realizzato corsi di formazione, una stagione teatrale e una rassegna itinerante, laboratori e progetti sul territorio. Tra le attività principali un percorso triennale di formazione ai mestieri dello spettacolo che ha coinvolto un gruppo di venti allievi suddivisi tra attori, danzatori, organizzatori e tecnici, guidati da maestri riconosciuti a livello nazionale. Primo esito spettacolare di questo percorso è stato Fatto di cronaca di Raffaele Viviani a Scampia (regia di Arturo Cirillo), mentre è imminente il debutto di Il signore di Pourceaugnac di Molière per la regia di Emanuele Valenti, nuovo direttore artistico del progetto. Riceve il Premio Hystrio- Altre Muse. 

Giunto alla terza edizione, IF festival internazionale teatro di Immagine e Figura presenta a Milano alcuni dei migliori spettacoli della scena internazionale unendo segni, oggetti, marionette, pupazzi, musica, parola, video e immagine, gesto e movimento in affascinanti e insolite interpretazioni dei linguaggi della scena, muovendosi spesso anche in territori di confine tra performance, teatro, danza, installazione artistica. Il festival è ideato e realizzato dal Teatro del Buratto con il patrocinio e contributo del Consiglio Regionale della Lombardia, con il sostegno del Comune di Milano – Settore Cultura e Settore Relazioni Internazionali - e la collaborazione di Enti culturali, Ambasciate e Consolati internazionali; questi ultimi sono intervenuti nello specifico per la sezione speciale Frammenti d'Europa - realizzata con la collaborazione di Fiorano Rancati. Riceve il Premio Hystrio-Provincia di Milano.   

Per l'edizione 2010 prosegue il fortunato concorso nato nel 2009 ossia il Premio Hystrio Occhi di Scena, un premio dedicato alla fotografia di scena, aperto a fotografi entro i 35 anni. Promosso da Hystrio e dal Centro per la fotografia dello spettacolo di San Miniato, prevede una mostra dei lavori dei cinque finalisti nel foyer del Teatro Elfo Puccini e la premiazione del vincitore con uno stage gratuito di specializzazione e l'esposizione del suo lavoro nell'ambito del Festival Occhi di Scena a San Miniato (Pisa, ottobre 2010). 

Ma il Premio Hystrio, nella sua sezione Premio Hystrio alla Vocazione, è soprattutto un riconoscimento per le giovani generazioni di attori che, di fronte a una giuria di registi e di addetti ai lavori, si sfideranno a colpi di audizioni pubbliche nelle giornate di giovedì 17, venerdì 18 e sabato 19 giugno sempre al Teatro Elfo Puccini.

Alla finale di giugno si arriva attraverso un meccanismo di selezione articolato in differenti momenti: diffusione del bando annuale; pre-selezioni per coloro che non provengono da scuole istituzionali o sono autodidatti realizzate in collaborazione con il Circuito dei Teatri Possibili a Roma (21 e 22 maggio), Firenze (26 maggio) e Milano (28 e 29 maggio); selezioni finali a Milano (17-18-19 giugno, Teatro Elfo Puccini).

Il premio è  rivolto a giovani attori che non abbiano superato i 30 anni e mette in palio n. 2 borse di studio da 1.500 euro ciascuna (per i vincitori della selezione finale) e una da 1.000 euro (per il vincitore della pre-selezione, a erogarla è il Comune di Pieve Ligure). 

Breve storia del Premio Hystrio alla Vocazione - Promosso dall'omonima rivista teatrale, il Premio Hystrio alla Vocazione è rivolto ai giovani attori, sia autodidatti sia iscritti o diplomati presso scuole istituzionali di recitazione. Nato a Montegrotto Terme nel 1989, dopo 8 edizioni il Premio Hystrio alla Vocazione si trasferisce a Milano e assume la struttura ormai nota di "osservatorio privilegiato delle nuove generazioni di attori". Questo progetto ha visto sfilare alla propria ribalta ormai oltre 3.200 giovani, ai quali ha offerto un'importante occasione di visibilità professionale, essendo la giuria composta da addetti ai lavori, registi e direttori di teatri stabili pubblici e privati. Ai vincitori il Premio Hystrio alla Vocazione ha assegnato, nel corso di tutti questi anni, circa 50 borse di studio, che hanno aiutato i giovani ad affinare la propria formazione o realizzare il sogno di una messa in scena.  

Breve storia del Premio Hystrio - Accanto ai riconoscimenti per i giovani attori, il Premio Hystrio nel corso della sua storia ha premiato anche artisti già affermati della scena italiana nelle categorie attore/attrice, regista, drammaturgo, altre muse/professioni dello spettacolo, Premio Hystrio-Provincia di Milano per una realtà operante sul territorio e Premio Hystrio-Teatro Festival Mantova in gemellaggio con l'omonima rassegna. Tra i premiati delle passate edizioni: Giuseppe Battiston, Paolo Rossi, Kim Rossi Stuart, Marco Martinelli, Cristina Pezzoli, Alessandro Gassman e Gianmarco Tognazzi, Maddalena Crippa, Nanni Garella, Lucilla Morlacchi, Toni Servillo, Laura Curino, Ferdinando Bruni, Valter Malosti, Ascanio Celestini, Maria Laura Baccarini, Fabrizio Gifuni, Davide Enia, César Brie, Vittorio Franceschi, Antonio Albanese, Paola Cortellesi, Arturo Cirillo, Spiro Scimone e Mimmo Cuticchio.  

PROGRAMMA PREMIO HYSTRIO 2010 

giovedì  17

ore 10-18 – finale delle selezioni. Audizioni di aspiranti attori provenienti da scuole di recitazione riconosciute a livello nazionale e dei candidati che hanno superato la pre-selezione. 

venerdì  18 giugno

ore 10-16 – finale delle selezioni. Audizioni di aspiranti attori provenienti da scuole di recitazione riconosciute a livello nazionale e dei candidati che hanno superato la pre-selezione. 

sabato 19 giugno

ore 10-13 – finale delle selezioni. Audizioni di aspiranti attori provenienti da scuole di recitazione riconosciute a livello nazionale e dei candidati che hanno superato la pre-selezione.

ore 15 - comunicazioni della Giuria sui vincitori del Premio Hystrio alla Vocazione.

ore 21 - serata-spettacolo delle premiazioni. Conduce Domenico Pugliares. Segue rinfresco. 

Premio Hystrio all'interpretazione a Maria Paiato

Premio Hystrio alla regia a Emma Dante

Premio Hystrio alla drammaturgia a Saverio La Ruina

Premio Hystrio-altre muse a Punta Corsara/Scampia

Premio Hystrio-Provincia di Milano a IF Festival-Teatro del Buratto

Premio Hystrio-Teatro Festival Mantova a Filippo Timi

Premio Hystrio-Castel dei Mondi a Teatro Sotterraneo

Premio Hystrio alla Vocazione per giovani attori edizione 2010

Premio Hystrio - Occhi di Scena 2010 

Le audizioni sono aperte al pubblico. L'ingresso alla serata del 19 giugno è libero. 

Giuria del Premio Hystrio alla Vocazione:

Marco Bernardi, Fabrizio Caleffi, Claudia Cannella, Monica Conti, Nanni Garella, Sergio Maifredi, Andrea Paolucci, Ricci/Forte, Carmelo Rifici, Gilberto Santini, Andrée Ruth Shammah. 

Per informazioni: www.hystrio.it oppure segreteria del Premio Hystrio presso la redazione di Hystrio-trimestrale di teatro e spettacolo, tel. 02.400.73.256, fax 02.45.40.94.83 hystrio@fastwebnet.it  

 
 

Ufficio stampa Premio Hystrio: iagostudio

Mara Serina – e-mail: mara@iagostudio.com 

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *