CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

venerdì 26 agosto 2011

Prossimo al via il XX Festival Internazionale di Musica Vocale Concordia Vocis




Ritorna ancora una volta sui suoi avvincenti sentieri il Festival Internazionale di Musica Vocale "Concordia Vocis". La manifestazione nata da una costola del Centro Universitario Musicale (C.U.M.) di Cagliari presieduto e diretto da Claudio Serra, raggiunge con l’edizione di questo fine estate 2011, l’importante traguardo di 20 anni di vita.

Conquistato rassegna dopo rassegna, il ruolo dell’appuntamento di fine estate per eccellenza con la musica corale e polifonica, anche quest’anno il XX Festival Internazionale di Musica Vocale propone un fitto calendario di concerti distribuiti dal 3 settembre al 9 ottobre, tra le antiche mura di Basiliche e Chiese di Cagliari, Tortolì, Gavoi e Alghero.

Per salutare l’importante traguardo della seconda decade d’attività, perché a tutti gli effetti in questi 20 anni non sono state superate solo numerose prove e ostacoli, ma hanno abbinato la passione per la musica corale alla diffusione capillare nel territorio, Concordia Vocis 2011, per evidenziare il suo indelebile marchio di fabbrica, presenta un parterre di 11 ensemble che rappresentano l’eccellenza e il meglio della polifonia internazionale proveniente da Giappone, Stati Uniti, Svezia, Francia, Spagna, Slovenia e Italia, per un totale di 16 concerti distribuiti nell’arco di un mese.

Dall’alto di XX edizioni pare piuttosto lontano il 1992, l’anno della prima, da allora la kermesse ha bruciato le tappe per l’avvicinamento ad importanti successi e si è ritagliata uno spazio ben definito nel panorama della musica vocale colta e profana. Tanto è lungo l’elenco dei complessi vocali che ad ogni edizione si fregiano del prestigio di partecipare ad un Festival riconosciuto più tra quelli di maggior autorevolezza internazionale. Da tempo gli addetti ai lavori e la critica specializzata hanno sottolineato la qualità della programmazione, tanto che si susseguono gli elogi, le attestazioni e i riconoscimenti, come uno degli ultimi ottenuti da Concordia Vo¬cis: nominato membro effettivo del C.F.N. il Choral Festival Network presieduto da Gustav Adolf Rabus, di cui fanno parte rassegne e concorsi internazionali dei cinque continenti. L’Italia è rappresentata soltanto dal festival cagliaritano e dal Concorso Internazionale “Guido d’Arezzo” presieduto da Francesco Luisi.

Sulle tracce della positiva esperienza degli ultimi anni, anche questo allestimento si distingue per l'alto numero di serate e per il carattere itinerante, infatti, oltre alle esibizioni programmate alla Basilica di San Saturno a Cagliari, la sede prediletta dei concerti, c’è ancora la Cattedrale di Sant’Andrea a Tortolì, la Cattedrale di Santa Maria ad Alghero e la nuova entrata nel viaggio musicale, la chiesa Parrocchiale di San Gavino Martire di Gavoi. Questa formula della rassegna viaggiante non ha consentito soltanto di ospitare i concerti in alcune delle più belle località dell’isola, ma soprattutto ha proposto il festival in una veste spettacolare, infatti, ogni volta si sono visti sempre nuovi gruppi che, di fatto, svolgono anche il ruolo di amba¬sciatori della cultura corale del loro paese.
Fin dal primo anno di vita “Concordia Vocis ha scelto di non stabilire a priori un tema specifico, questa impostazione lascia ai cori la libertà di creare serate musicali d’indubbio interesse artistico che sconfinano anche nelle composizioni della tradizione locale.
Proprio sull’onda dei ripetuti successi, con concerti uno più intenso dell’altro, anche questa ventesima volta di Concordia Vocis si distingue per la cifra artistica dei gruppi partecipanti, sia per il modo intelligente in cui sono stati aggiunti sia per le piccole novità che rendono sempre più accattivante l’intera manifestazione.

Prendendo le mosse da quella che si può definire una consuetudine, il festival 2011 prende il via dalla Basilica di San Saturnino sabato 3 settembre con un doppio concerto del Coro da Camera dei Civici Corsi di jazz “Clam Chowder” diretti da Giorgio Baldi a cui segue il “Coro Polifonico Algherese”, diretto da Ugo Spanu. Dopo l’esordio nel capoluogo il Maestro Giorgio Baldi e la formazione Clam Chowder specializzata nei repertori spiritual e jazz, si trasferiscono il giorno successivo per la loro seconda tappa nell’isola alla Cattedrale di Sant’Andrea a Tortolì.

Dopo una breve pausa si riprende la settimana successiva, venerdì 9 ad Alghero con il primo dei quattro concerti in programma per la formazione proveniente dagli Stati Uniti: il Salt Lake Choral Artists guidati dalla bacchetta del Dr. Brady Allred. Questo ensemble professionale di voci miste formato da una trentina di cantanti avrà l’intera ribalta anche sabato 10 settembre alla Basilica di San Saturnino a Cagliari. Il tour sardo dei nord americani prosegue nella cittadina ogliastrina di Tortolì, dove lunedì 12 alla cattedrale di Sant’Andrea si divideranno il palcoscenico con una formazione già presente in passato e che il pubblico di Concordia Vocis ricorda bene: gli Asturiani “El león de oro” diretti da Marco Antonio García De Paz che ritornano in Sardegna dopo la loro indimenticabile esibizione nel 2009. I concerti del Salt Lake Choral Artists, terminano martedì 12 settembre a Cagliari a San Saturnino nel doppio appuntamento con la formazione spagnola diretta da Marco Antonio García de Paz.

Tra graditi ritorni e importanti novità, un’altra grande anteprima sui palcoscenici della manifestazione è quella che vede sulla ribalta di San Saturnino a Cagliari il 20 e il giorno dopo a Tortolì nella Cattedrale di Sant’Andrea, la formazione in arrivo dal lontano paese del sol levante, i giapponesi della Chamber Choir Vox Gaudiosa diretti dal maestro Ko Matsushita. La formazione riconosciuta al concorso Béla Bartók di Debrecen in Ungheria come il miglior coro da camera della competizione, è una delle attrazioni di questo nuovo viaggio tra gli spartiti della musica vocale e le pagine della polifonia internazionale organizzato dal Presidente Claudio Serra.

L’itinerario del XX Festival Internazionale prosegue il penultimo fine settimana di settembre con gli svedesi della “Stockholm’s Musikgymnasium Chamber Choir”. I nordici guidati dal direttore Helene Stureborg subentrata nel 2002 al Maestro Gary Graden - già protagonista in Sardegna di un’indimenticabile serie di concerti nel 2009 alla testa della St. Jacob’s Chamber Choir- saranno i protagonisti indiscussi di due serate dal grande fascino: venerdì 23 settembre alla Basilica di San Saturnino e il giorno dopo a Tortolì nella Cattedrale di Sant’Andrea. Domenica 25 settembre invece la “Stockholm’s Musikgymnasium Chamber Choir” fondata nel 1989 da Gary Graden, farà una puntata nel territorio di Gavoi. Gli svedesi saranno primi attori, tra le navate tardo gotico aragonesi della chiesa Parrocchiale di San Gavino Martire, con il locale coro femminile “Eufonìa” nato 1998 e diretto dal Maestro Mauro Lisei.

Quattro giorni dopo si ritorna ancora una volta nel capoluogo isolano e tra le mura dell’antica chiesa di Piazza San Saturnino, arrivano i francesi del “Coro da camera Mikrokosmos” condotti da Pierre Loïc. L’ensemble formato da 32 giovanissimi cantanti d’età compresa tra 18 e 30 anni, si alternerà con uno tra i più attivi gruppi sardi del panorama locale: “Echos Vocal Ensemble” guidato da Rodrigo Rojas Benitez. L’ultimo giorno di settembre, venerdì 30, Pierre Loïc e le voci di Mikrokosmos si trasferiscono nella cittadina catalana di Alghero per il concerto alla Cattedrale di Santa Maria.

L’avvincente viaggio nel mondo della musica corale con il XX Festival Internazionale di Musica Vocale inizia a segnare l’arrivederci al prossimo anno con un trittico di doppi concerti con un’altra grande formazione ospitata per la prima volta in Sardegna: gli sloveni del “Coro Accademico dell’Università Del Litorale di Koper” condotti da Ambrož Čopi. S’inizia con l’appuntamento del 7 ottobre alla Cattedrale di Sant’Andrea a Tortolì dove gli sloveni si alternano con i cagliaritani “Echos Vocal Ensemble” condotti da Rodrigo Rojas Benitez. Il giorno dopo il “Coro Accademico dell’Università Del Litorale di Koper” e il gruppo femminile“Eufonìa” saranno in scena a Gavoi alla Parrocchiale di San Gavino Martire. Il sipario sul XX festival scende dopo un’intensa programmazione, a Cagliari domenica 9 ottobre con il doppio concerto sulle note musicali rinascimentali e contemporanee del “Coro Accademico dell’Università Del Litorale di Koper” diretti da Ambrož Čopi e l’esibizione dei padroni di casa del Coro C.U.M. e del Children’s Choir, la formazione di bambini della scuola d’infanzia di Via Quesada a Cagliari.


Organizzata come di consueto dal C.U.M. l’edizione 2011 di Concordia Vocis è realizzata grazie ai contributi della Presidenza del Consiglio e della Giunta Regionale, degli Assessorati Regionali al Turismo e Commercio, della P.I.BB.CC. I e Spettacolo, dell´Amministrazione Provinciale di Cagliari e dei Comuni di Cagliari, Tortolì, Alghero e Gavoi. Alla realizzazione hanno inoltre collaborato il MIBAC, tramite la Soprintendenza di Cagliari e la Curia Arcivescovile di Cagliari che ha concesso la disponibilità dei luoghi di culto.


* * *

Tutti i concerti avranno inizio alle ore 21


Per ogni singolo concerto i prezzi dei biglietti sono: 5 euro posto intero, oltre sessantacinquenni e studenti 3 euro



* * *

Per informazioni:
CUM - Centro Universitario Musicale
Via Università, 55 – 09124 CAGLIARI
tel/fax. 070 72 86 44
cell. +39 338 8773 004
web: www.concordiavocis.it
e-mail: info@concordiavocis.it


Ufficio stampa:
Antonio Rombi
cell. +39 392 4650 631
e mail: antorombi@tiscali.it
e mail: antoniorombi@libero.it

domenica 21 agosto 2011

Ritorna di fronte al pubblico cagliaritano per un'unica data Francesco De Gregori



Sarà un’altra data memorabile da ricordare, da evidenziare in rosso nel calendario della memoria. Al ritorno del “Principe” della canzone italiana d’autore nel capoluogo isolano mancano soltanto pochi giorni. Infatti, è agli sgoccioli il conto alla rovescia per il concerto con Francesco De Gregori di mercoledì 24 agosto alle ore 21,30 all’Anfiteatro in Fiera di Viale Diaz a Cagliari.

Lo scorso anno, il 20 agosto, Francesco De Gregori e Lucio Dalla avevano incantato e deliziato per oltre due ore con intramontabili hit e i brani del tour "Duemiladieci Work in Progress", il numerosissimo pubblico che aveva preso d’assalto l’Anfiteatro Romano. Adesso quasi dopo dodici mesi esatti e sempre ad agosto, il cantautore romano si presenta di nuovo in concerto però questa volta da solo per l’appassionato pubblico cagliaritano che in passato non ha mai voluto disertare una sua esibizione in città.

Per questa nuova apparizione davanti al pubblico che affollerà la nuova struttura realizzata quest’estate per far fronte all’impossibilità di utilizzare l’Anfiteatro Romano, Francesco De Gregori sarà affiancato dai musicisti della band che da diversi anni lo accompagna: Stefano Parenti alla batteria, Alessandro Arianti al pianoforte, Alessandro Valle al pedal steel guitar e alla chitarra, Lucio Bardi e Paolo Giovenchi alle chitarre e naturalmente Guido Guglielminetti, storico capobanda, al basso. Insieme daranno vita ad un’avvincente scaletta sui testi e le note delle intramontabili canzoni della quarantennale carriera del cantautore

Uno spettacolo che di sicuro saprà regalare al pubblico indelebili emozioni soprattutto alla luce dei prossimi impegni di De Gregori. Infatti, la notizia è da tempo apparsa in forma ufficiale sul nuovo sito di De Gregori, l’autore di “Rimmel”, “La donna cannone”, “Pablo” e tantissime altre poesie in musica, dopo gli ultimi concerti tra cui quello di Cagliari, già programmati per la fine dell’estate, per i mesi successivi sarà assente dalle grandi platee per dedicarsi al nuovo tour ritornando ad esibirsi in alcuni dei club più noti di numerose città della penisola e oltre confine.

Dalle pagine del suo sito Francesco De Gregori spiega così la scelta di andare a suonare in questi spazi dove le atmosfere sono più intime e rilassanti “Sarà un tour molto divertente: ho convinto i miei impresari a portarci in giro per i club, andremo al Vox, al Fuori Orario a Taneto di Gattatico, all’Hiroshima e in tanti altri di quei posti dove passa la musica più viva, e dove c‘è un pubblico speciale. Dopo tanti teatri, dopo un bagno di velluti rossi, sento il bisogno di ritrovare una dimensione, come dire? più disordinata…”

Il concerto di Francesco De Gregori è inserito nel calendario delle proposte musicali della cooperativa Spettacoli&Musica per l’estate cagliaritana 2011 all’Anfiteatro in Fiera.


Per quest’unica e impedibile data cagliaritana di Francesco De Gregori, che con il passare dei giorni è sempre più orientata verso il tutto esaurito, ci sono ancora a disposizione in prevendita biglietti per le due fasce di prezzo e sono ancora disponibili presso i circuiti nazionali e regionali www.ticketone.it – www.boxofficesardegna.it - www.greenticket.it - www.boxol.it
Cagliari: Box Office, Viale R. Margherita 43, tel. 070 657428;
e mail: info@boxofficesardegna.it




Organizzazione:
Soc. Coop. Spettacoli&Musica
Tel. 070 6848899
E mail: info@spettacoliemusica.it
www.spettacoliemusica.it


Ufficio Stampa per Spettacoli&Musica
Antonio Rombi
Mobile: +39 3924650631
E mail: ant.rombi@gmail.com

domenica 14 agosto 2011

Marco Travaglio in scena con il nuovo show Anestesia Totale



Arriva in città il gran fustigatore del Presidente del Consiglio e della classe politica italiana. Dopo il gran successo e il pienone in numerose piazze della penisola Marco Travaglio si ripresenta a Cagliari, venerdì 26 agosto alle ore 21 all’Anfiteatro in Fiera, con il suo nuovo show “Anestesia Totale – Il primo spettacolo (poco spettacolare) del dopo-B.”

In “Anestesia totale” il giornalista da sempre schierato apertamente su posizioni di destra ma nemico dichiarato di Berlusconi, prova ad immaginare e ad esorcizzare il futuro prossimo venturo dell’Italia post berlusconiana. Travaglio con il suo inconfondibile stile, precisione, acuminata ironia e una solida memoria sui fatti degli ultimi sconcertanti anni della democrazia italiana, descrive un futuro possibile, ancora in bilico tra presente e passato contrassegnato da tangenti, impunite collusioni con la mafia, ricatti incrociati della politica, corruzione, starlette e veline, scandali sessuali, leggi ad personam e ripetuti attacchi alla Costituzione.

“Anestesia totale” fotografa, come un’impietosa istantanea, il vizio degli italiani, compiacenti con i potenti, cerca di scuoterli dal loro torpore, urla al Paese che non è più possibile essere complici e abituati allo scempio. Travaglio espone, analizza, sviscera come il più impietoso dei chirurghi alla ricerca dell’infezione e dei suoi sintomi, lasciando allo spettatore-paziente il compito risvegliare la propria coscienza e scoprire l’antidoto.

Nello spettacolo diretto da Stefania De Santis con le musiche dal vivo di Valentino Corvino, al fianco del giornalista partecipa l’attrice Isabella Ferrari impegnata – tra l’altro - a leggere riflessioni di Indro Montanelli.

Finalmente è finita, B. non c’è più. E questa è la buona notizia. Il dopo però si presenta impregnato delle sue scorie radioattive, che hanno contaminato cittadini e plasmato l’informazione. Una misteriosa epidemia che ha cloroformizzato e lobotomizzato un intero paese riducendolo all’anestesia totale. E proprio dall’analisi di queste macerie, dove è la lezione senza tempo di Indro Montanelli ad illuminare e ad ammonire, che si cerca di trovare la cura per un Paese in cui cittadini hanno perso logica, memoria, verità e solidarietà. Il virus è un sistema che imbavaglia i cittadini, ma comodo al potere di ogni colore. Chi vince prende tutto. Non governa, comanda. Il controllato controlla tutto, anche i controllori. Perché mai chi viene dopo dovrebbe smantellarlo?

Marco Travaglio vice direttore e cofondatore de Il Fatto Quotidiano e da alcuni anni fedele collaboratore di Michele Santoro come ospite fisso di Annozero, all’attività giornalistica unisce quella di scrittore. Tra i principali libri scritti a più mani con alcuni giornalisti d’inchiesta, vanno citati “Mani sporche” (con Barbacetto e Gomez), “Se li conosci li eviti” (con Gomez), “Italia Annovero” (con Vauro e B. Borromeo), “Bavaglio e Papi” (con Gomez e Lillo), tutti editi da Chiarelettere. Ancora con Peter Gomez scrive “Regime”, apparso nel 2004 nella collana Bur Rizzoli. Con le edizioni Il Saggiatore esce nel 2006 “La scomparsa dei fatti” sulla situazione in cui versa l’informazione in Italia. Per Editori Riuniti ha pubblicato una nuova edizione de “L’odore dei soldi” (con E. Veltri). Nel 2007, su invito di Promo Music, ha deciso di portare in scena “Promemoria, 15 anni di storia d’Italia ai confini della realtà” dove ripercorre le vicende della seconda repubblica da Mani Pulite ad oggi.

Nell’attesa della serata del 26 agosto, la prevendita va avanti a gran ritmo e i biglietti si possono acquistare presso i circuiti nazionali e regionali www.ticketone.it – www.boxofficesardegna.it - www.greenticket.it - www.boxol.it
Cagliari: Box Office, Viale R. Margherita 43, Tel. 070 657428;
e mail: info@boxofficesardegna.it




Organizzazione:
Soc. Coop. Spettacoli&Musica
Tel. 070 6848899
e-mail: info@spettacoliemusica.it
www.spettacoliemusica.it


Ufficio Stampa per Spettacoli&Musica
Antonio Rombi
Mobile: +39 3924650631
E mail: ant.rombi@gmail.com


lunedì 8 agosto 2011

GirasoliTeatro: SHAKESPEARELAB

GirasoliTeatro: SHAKESPEARELAB

GirasoliTeatro: Video ATTORI VIAGGIANTI NEL MACBETH

GirasoliTeatro: Video ATTORI VIAGGIANTI NEL MACBETH

Theandric Teatro alla ribalta del Festival Fringe

La compagnia cagliaritana con la pièce “Masses Man” in scena a Edimburgo.

Non vogliono il ruolo di ambasciatori però rappresentano la Sardegna alla 64a edizione dell’Edinburgh Festival Fringe. Il Teatro Nonviolento di Theandric, la compagnia diretta da Maria Virginia Siriu, è attesa dall’importante confronto internazionale sul palcoscenico di un festival da molti riconosciuto come la più grande kermesse d'arte del mondo che si svolge ogni anno per tre settimane ad agosto nella capitale della Scozia.

Per quest’occasione la compagnia porta in scena in lingua inglese, dal 4 al 16 agosto, al C Aquila Main Theatre di Edimburgo, la pièce “Masses Man”, scrittura incentrata sull’opera e il pensiero di Ernst Toller, lo scrittore, poeta e persino leader di movimenti rivoluzionari che è stato imprigionato e costretto all'esilio per i suoi ideali.

Lo spettacolo “Masses Man” si apre sullo scenario di un’ipotetica Rivoluzione mondiale. Esplode il dramma delle masse nei punti caldi del pianeta, l'ordine costituito è sovvertito. La ruota beffarda del sistema travolge tutto e tutti: uomini, operai, banchieri, soldati, preti, cittadini, gente comune. Regna il caos nell'acuirsi delle contraddizioni. La crisi investe tutto: la Borsa, le fabbriche, i bordelli, le guerre, le feste di beneficenza. E' possibile una via nonviolenta per il cambiamento sociale? Una donna nel mezzo di una rivoluzione si confronta con l'Uomo, il fidanzato, il funzionario statale, ligio al dovere e alla legge dello Stato e il “Senza nome”, capo rivoluzionario, agitatore di folle, paladino di una rivolta violenta. Chi sopravvivrà?
L'”Uomo” razionale e individualista, il Senzanome istintuale e parte della massa o una donna passionale e nonviolenta?

In questa rilettura scenica con la regia di Maria Virginia Siriu - allieva di Judith Malina e direttore artistico di Theandric – i temi dello sfruttamento, la rivoluzione e l’utopia sono scandagliati dai protagonisti in scena – gli attori Tiziano Cerulli, Nicola Michele, Valentina Sulas, che in un crescendo di profonda tensione coinvolgono sempre più gli spettatori. Un viaggio sottolineato da immagini video a cura di Antonio Cauterucci, effetti di visual arts di Monica Lugas e dal linguaggio scenico che all’energia della parola somma l'intensità e l’impatto emotivo di danza e coreografie di Rita Spadola. Tra visioni ai confini del surreale e canti atavici tratti dal patrimonio culturale della tradizione del popolo sardo eseguiti da Emanuele Garau, lo spettatore è invitato a ricercare il contatto umano e si ritrova coinvolto nella realizzazione di un’azione oltre lo spazio scenico.

Questo è il teatro totale di Theandric, sin dalle sue origini orientato alla ricerca dell’espressività dell'artista in scena, ma soprattutto alla realizzazione di un teatro che non ammette suddivisioni tra spazio scenico e quello sociale, obbiettivo realizzato grazie anche alla contaminazione con il partner coproduttore la compagnia “Il Salto del Delfino”. Tra le finalità di Theandric c’è come sempre nei suoi lavori, la volontà di riflettere insieme allo spettatore sui temi più urgenti del vivere contemporaneo e ricercare stimoli alle azioni che si svolgeranno oltre il rito scenico, nella vita di tutti i giorni.

Al Fringe Festival di Edimburgo ogni anno migliaia di artisti si alternano su tutti i palcoscenici sparsi per la città per presentare spettacoli adatti a tutti i gusti. Dai grandi nomi del mondo dello spettacolo fino agli artisti di strada, tutti ugualmente desiderosi di confrontarsi con la scena critica internazionale. Il festival si rivolge a tutti e comprende teatro, commedia, danza, sperimentazione, musical, opere liriche, musica, mostre ed altri tipi di eventi culturali. La storia della manifestazione risale al 1947, quando otto gruppi teatrali non invitati, presero la decisione di esibirsi lo stesso all'allora neonato Edinburgh International Festival, un'iniziativa voluta per celebrare e arricchire la vita culturale europea sulla scia della ripresa dalla seconda guerra mondiale. Pur non essendo parte del programma ufficiale del Festival internazionale questi interpreti non si fermarono e misero in scena lo stesso i loro spettacoli. Anno dopo anno più e più esecutori seguirono il loro esempio e nel 1959 fu istituita, proprio per risposta al successo di questa crescente tendenza, la Festival Fringe Society. In quest’ultima edizione la 64a, l’Edinburgh Festival Fringe è previsto nelle tre settimane di agosto, un incredibile numero di spettacoli e la presenza di oltre 20.000 artisti fra attori, musicisti, performers da tutto il mondo, da Singapore all’Iran, dalla Finlandia all’Argentina, dalla Turchia agli stati Uniti. Come il più grande festival delle arti, il Fringe attira artisti e pubblico da ogni angolo della Terra. Un milione e mezzo di biglietti venduti all’ultima edizione. Il Fringe www.edfringe.com/ è una vetrina unica per gli artisti e coloro che vogliono mostrarsi avendo a disposizione un palcoscenico davvero internazionale. Il Fringe, rappresenta il 75% del mercato dei festival cittadini, frutta alla città e all’intera Scozia oltre 75 milioni di sterline.



Info:
Associazione culturale Theandric
Via Goretti, 2 Cagliari –Pirri
Segreteria: h. 16-19
Lunedì, mercoledì, venerdì
Tel. +39 070 2040717
cell. +39 3883679790
e mail: organiz.theandric@yahoo.it
web: www.theandric.it

Ufficio stampa:
Antonio Rombi
cell. 392 4650 631
e mail: ant.rombi@gmail.com
e mail: antorombi@tiscali.it

lunedì 1 agosto 2011

Paolo Rossi: Fantastiche Visioni 2011 ad Ariccia

Ariccia, 5 agosto 2011, h.21.00

FANTASTICHE VISIONI

presenta

PAOLO ROSSI

in

SERATA DEL DISONORE

Repertorio antologico patafisico e criminale

di e con Paolo Rossi

musiche eseguite dal vivo da Emanuele Dell'Aquila

Dopo un mese di grandi proposte teatrali, è affidata a Paolo Rossi e alla sua "Serata del Disonore" la chiusura di Fantastiche Visioni 2011, la Rassegna Teatrale diretta da Giacomo Zito che anche quest'anno ha trasformato la storica cittadina di Ariccia in un teatro a cielo aperto, scenario di spettacoli impegnati, ironici, musicali e intelligenti.

Una rassegna che si colloca ormai tra le più quotate della stagione teatrale italiana estiva e che per la sua quarta ricca edizione ha deciso di ospitare nella sua cornice naturale uno dei più grandi attori e autori nostrani: Paolo Rossi.

Reduce dal successo invernale, Paolo Rossi arriva sul palco di Fantastiche Visioni con una serata imperdibile – del disonore, appunto: un repertorio antologico del meglio delle sue produzioni, dai monologhi comici e tragici fino ad arrivare a quelle canzoni che hanno sottolineato i vizi dell'Italia degli ultimi vent'anni, e che per l'occasione trovano un improvvisato riarrangiamento contemporaneo.

I rimandi continui dal passato al presente, come è nello stile di Rossi, uniti alla sua capacità di essere sempre imprevedibile ed attuale, rendono Serata del Disonore un vero e proprio evento destinato a coinvolgere vecchi e nuovi fan del poliedrico attore milanese.

Accompagnato in scena dalle musiche di Emanuele Dall'Aquila (al suo fianco ormai da quindici anni) Paolo Rossi infatti, non perde occasione per raccontarci, ancora una volta, la contemporaneità, nel modo che da sempre lo contraddistingue: irriverente, rivoluzionario, pirotecnico, incontenibile. Una performance d'attore imperdibile, un excursus sul repertorio che lo ha reso grande.

Con Paolo Rossi e il suo riso amaro e irriverente, si conclude una stagione teatrale che ha visto Ariccia in prima linea a supporto della cultura, grazie a Fantastiche Visioni e a un investimento che, in un periodo di tagli, ha portato in scena grandi nomi del teatro italiano e coinvolto quasi cinquemila spettatori in un mese.

Appuntamento ad Ariccia, Belvedere di Piazza Mazzini, il 5 agosto con Fantastiche Visioni e SERATA DEL DISONORE di e con PAOLO ROSSI.

Ingresso gratuito

Fantastiche Visioni è organizzato dall'Associazione Culturale ARTEIDEA.

Ufficio Stampa  MARTA VOLTERRA marta.volterra@gmail.com

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *