CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

mercoledì 30 novembre 2011

"FAMIGLIE A TEATRO": ALL'ASTRA DI VICENZA LA FANTASIA DEI BAMBINI VOLA "NEI CIELI DI MIRÒ

Nuovo appuntamento al Teatro Astra di Vicenza con FAMIGLIE A TEATRO 2011-2012, il percorso dedicato alle giovani generazioni: domenica 4 dicembre, in doppia replica alle 15 e alle 17, il Teatro del Buratto – Teatro Stabile di Innovazione presenta “NEI CIELI DI MIRÒ”, spettacolo adatto ai bambini dai 5 anni d’età.
Il lavoro nasce da due suggestioni, una letteraria e una artistica: il racconto di Daniel Pennac “Il giro del cielo” e i quadri di Mirò. “Per Mirò il colore da cui nascono i sogni è il blu – spiega il Teatro del Buratto -, e a quel cielo blu e alle immagini fantastiche del pittore catalano si è ispirato Pennac per raccontare un tenero dialogo tra un padre e una figlia che, in un sogno di quando era piccola, si è ritrovata nei luoghi e tra i personaggi dell’infanzia del papà”.
Lo spettacolo, scritto e diretto da Jolanda Cappi e Giusy Colucci, gioca con la poesia della parola e della musica e con i linguaggi dell’animazione, del gioco di ombre e di luci, del corpo nello spazio, della deformazione ironica delle forme. “Un gioco ricco di poesia e di creatività per leggere e amare l’arte” – conclude la compagnia.
Per favorire la partecipazione del pubblico FAMIGLIE A TEATRO propone la promozione “Porta il nonno a teatro”: un nonno e due nipoti entrano in sala spendendo solo 10 euro.
La rassegna “FAMIGLIE A TEATRO” propone inoltre una nuova promozione, in occasione del Natale, dedicata al pubblico di grandi e piccini dell’Astra: un carnet di 4 spettacoli a libera scelta, al costo di 20 euro per gli adulti, 15 euro per i ragazzi under 14. Lo spettacolo “NEI CIELI DI MIRÒ” rientra già tra le possibili scelte del carnet, che comprende anche “Aquarium”, “La vera storia di Pinocchio”, “Rosaspina”, “Storie di Principesse” e “La storia di Hansel e Gretel”. I carnet sono acquistabili presso l’ufficio del Teatro Astra dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18.
I biglietti per “NEI CIELI DI MIRÒ” (intero euro 6,50; ridotto bambini fino a 14 anni 4 euro; ridotto Carta 60, soci Coop ed enti convenzionati 5 euro) possono essere acquistati in prevendita presso l’ufficio del Teatro Astra dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18. I biglietti si possono anche acquistare presso la CITTÀ DEL SOLE in Corso Palladio138/b nei venerdì e sabato precedenti lo spettacolo (diritto di prevendita euro 0,50).
Il giorno di spettacolo i biglietti verranno messi in vendita al botteghino del teatro alle ore 14.00 (prima replica) e alle ore 16.00 (seconda replica).
FAMIGLIE A TEATRO porta con sé anche una novità: da quest’anno sarà attivo un nuovo parcheggio gratuito per gli spettatori della prima replica pomeridiana. Dalle ore 14 sarà infatti possibile parcheggiare presso il Circolo Tennis (accesso da Contrà della Piarda – dopo Contrà Barche a sinistra). Il Parcheggio rimarrà aperto fino alle ore 16.15. Si consiglia a chi volesse usufruire del servizio di arrivare un’ora prima dell’inizio di ogni replica per assicurarsi il posto.
Come ormai da tradizione, in occasione di ogni appuntamento della stagione sarà attivo nel foyer del teatro il punto di ristoro Equobar. Equobar, il primo nel suo genere a essere attivato in provincia di Vicenza, sarà gestito dai volontari della cooperativa sociale AlterATTIVA: un segnale positivo di attenzione ai prodotti equosolidali, biologici e a km zero. L’Equobar sarà aperto al pubblico prima e dopo lo spettacolo con prodotti di caffetteria, pasticceria, snack.
FAMIGLIE A TEATRO 2011-2012 è un progetto curato da La Piccionaia -I Carrara Teatro Stabile di Innovazione per l’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza con il sostegno del Ministero dei Beni e delle attività culturali, Regione Veneto, Provincia di Vicenza, e il contributo di Banca Popolare di Vicenza e Askoll
Informazioni: Ufficio Teatro Astra, Stradella Barche 5, Vicenza, tel. 0444.323725,info@teatroastra.it – ww.teatroastra.it

LABORATORIO OLIMPICO 2001-2011: I MAESTRI DEL TEATRO A VICENZA IN UN FILM

Un film per raccontare dieci anni di Laboratorio Olimpico a Vicenza; per testimoniare un cammino artistico con i più grandi maestri della scena italiana e internazionale, invitati a presentare il loro lavoro, intervistati sulle prospettive del teatro in generale e interrogati sull’attualità del Teatro Olimpico e sui suoi possibili usi teatrali: è in programma venerdì 2 dicembre all’Odeo del Teatro Olimpico di Vicenza (ore 17.30) la prima proiezione pubblica di “LABORATORIO OLIMPICO 2001-2011”, soggetto di Roberto Cuppone, direttore artistico di Laboratorio Olimpico, riprese, montaggio e regia di Carlo Presotto.
Questa prima proiezione del film-documentario conclude l’edizione 2011 di Laboratorio Olimpico, dopo il successo di Armando Punzo e della Compagnia della Fortezza in “HAMLICE” e il successivo incontro con il regista, coordinato dal critico teatrale Massimo Marino. Il film comprende una scelta dei più significativi interventi portati al Teatro Olimpico dagli ospiti delle precedenti edizioni della manifestazione, nei due cicli diversamente intitolati I luoghi del teatro nascente (2003-2005) e appunto Laboratorio Olimpico (2009-2011); registi, attori, autori, protagonisti della scena internazionale, talvolta introdotti o messi a confronto con critici o storici del teatro, intorno alle problematiche più attuali del teatro, e alla questione centrale dell’uso del Teatro Olimpico. Hanno partecipato a questi incontri, e sono dunque presenti in voce o in immagine nel film Fernando Bandini, Eugenio Barba, Gianfranco Bettin, Enrico Castellani, Claudia Castellucci, Maddalena Crippa, Pippo Delbono, Cesare Galla, Francesca Lazzari, Giuseppe Manfridi, Massimo Marino, Marco Martinelli, Ermanna Montanari, Renzo Piano, Paolo Portoghesi, Paolo Puppa, Armando Punzo, Franco Quadri, Giovanni Raboni, Iben Nagel Rasmussen, Luca Ronconi, Giuliano Scabia, Michele Sambin, Alfonso Santagata, Peter Stein, Davide Susanetti, Julia Varley, Dario Vivian.
Seguirà alla proiezione una tavola rotonda attorno al tema “Teatro Olimpico, laboratorio permanente”, coordinata da Cesare Galla (critico de “Il Giornale di Vicenza” e vicepresidente dell’Accademia Olimpica) con la partecipazione di Francesca Lazzari (Assessore alla Cultura del Comune di Vicenza), Francesco Bottio (Presidente dell’Accademia Olimpica) e degli autori del film.
L’ingresso al film e alla tavola rotonda è libero.
Laboratorio Olimpico è un progetto ideato dall’Accademia Olimpica e promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza in collaborazione con l’Assessorato alla Famiglia e alla Pace, con il sostegno di Regione del Veneto, Fondazione Cariverona e di UniCredit S.p.A. Laboratorio Olimpico è diretto da Roberto Cuppone, con il supporto organizzativo de La Piccionaia – I Carrara Teatro Stabile di Innovazione.
www.laboratoriolimpico.org

Teatro delle Muse: Un giorno lungo un anno. Dall'8 dicembre

La compagnia

Specchio Rovescio diretta da Claudio Morici

presenta 

UN GIORNO LUNGO UN ANNO

perché anche Roma è stata… milionaria 

scritta e diretta da  Claudio Morici

con

Claudio Morici, Maria Teresa Di Gennaro, Alioscia Viccaro, Federica Perotta,

Patrizio Paciullo, Nanni Candelari, Angelo De Angelis, Giuseppe Galantino,

Vincenzo Marchetti, Giorgio Fiore, Angela Rossini, Danilo Vitale 

Dall' all'8  al 19 dicembre 2011 

TEATRO DELLE MUSE

via Forlì 43 – Roma  
 

Dopo aver registrato il tutto esaurito lo scorso anno e dopo aver vinto il Premio come Miglior Spettacolo per Valenza Etica e per il Gradimento del Pubblico al Festival di Arte Drammatica di Pesaro, ritorna dall'8 a 19 dicembre Un giorno lungo un anno. Claudio Morici porta in scena, al Teatro delle Muse, una divertente e commovente commedia che racconta la Roma sorniona e disincantata delle la Seconda Guerra Mondiale. 

Lo spettacolo si sviluppa in due atti: il primo si svolge il 19 luglio del 1943. Il giorno in cui gli Alleati, per la prima volta, bombardarono Roma. Una Roma che mai avrebbe pensato di vivere davvero quella guerra. Il secondo atto è ambientato mesi dopo, il 24 marzo del 1944, il giorno dell'eccidio delle Fosse Ardeatine.

Due giorni che hanno segnato la guerra di Roma e dei romani. Una guerra diversa. Per certi versi unica. Una guerra dove le vicende de noantri si intrecciano con quelle più grandi di chi, in quegli anni, stava decidendo il destino dell'Italia.  

Un giorno lungo un anno non vuole essere soltanto uno spettacolo teatrale, ma l'opportunità di raccontare la storia scritta sui libri attraverso le vicende e i racconti di chi la guerra l'ha vissuta in prima persona. 
 

UN GIORNO LUNGO UN ANNO

Scritto e diretta da Claudio Morici

Con Claudio Morici, Maria Teresa Di Gennaro, Alioscia Viccaro, Federica Perotta, Patrizio Paciullo, Nanni Candelari, Angelo De Angelis, Vincenzo Marchetti, Giorgio Fiore, Angela Rossini, Danilo Vitale e Giuseppe Galantino 

Direttore di scena: Franca Calò

Costumista: Monica Cosimi

Foto di scena: Raniero Gelli

Aiuto regia: Lavinia Origoni

Ufficio stampa Rocchina Ceglia: 3464783266 
 
 

TEATRO DELL MUSE

VIA FORLI' 43- ROMA

Dall'8 al 19 Dicembre 2011

Martedi' e Domenica Ore 17.00

Lunedi'- Giovedi' - Venerdi' - Sabato Ore 21.00

Mercoledi' Riposo 

BIGLIETTI

INTERO: 18.00 Euro

RIDOTTO: 12.00 Euro

LUNEDI' E MARTEDI' PREZZO UNICO: 10.00 Euro 

Gruppi superiori a 10 persone:

Lun/mar/giov: 8.00 euro

Ven/sab/dom:10.00 euro 

martedì 29 novembre 2011

NIENTE STORIE: NAPOLI - PARIGI ANDATA E RITORNO, ARRIVA IL MOLIÈRE DEI “CORSARI” DI SCAMPIA

Molière trasloca a Napoli, anzi, a Scampia: il suo Pourceaugnac diventa erede ideale di Pulcinella, e la farsa originaria del commediografo francese si trasforma nel racconto di una quotidianità conquistata: ultima possibilità di vedere lo spettacolo in Veneto dopo il debutto regionale al Teatro Villa dei Leoni di Mira, è in arrivo sabato 3 dicembre (ore 21) al Teatro Astra di Vicenza “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC”, quarto appuntamento di NIENTE STORIE 2011-2012 e primo tassello del “Progetto Molière” del cartellone vicentino.
Mercoledì 30 novembre, alle 21, la compagnia sarà inoltre ospite dei microfoni di Radio3 Rai con un’intervista.

E Napoli non è solamente l’ambientazione di questa rivisitazione del testo di Molière: Punta Corsara, la giovane compagnia che propone il lavoro e con cui il pubblico avrà modo di dialogare dopo lo spettacolo, proprio a Scampia ha deciso di affondare le radici del suo lavoro. Territorio difficile col più alto tasso di disoccupazione in Italia e un controllo diffuso della camorra, a Scampia quattro anni fa Marco Martinelli (fondatore del Teatro delle Albe, presente i giorni scorsi sul palcoscenico del Comunale di Vicenza con un altro Molière, “L’Avaro”) ha avviato un progetto triennale di formazione per organizzatori, attori e tecnici teatrali, che utilizzava il teatro per lavorare sul territorio e offrire opportunità di occupazione.
Nasce così Punta Corsara, progetto di impresa culturale 2007/2010 della Fondazione Campania dei Festival; la compagnia è stata premiata con i maggiori riconoscimenti, come il Premio Ubu 2010 ricevuto insieme a Roberto Saviano e il Premio Hystrio 2010. Il testimone della direzione artistica è passato ad Emanuele Valenti e Marina Dammacco, due dei giovani partecipanti al progetto divenuti nel frattempo attori, educatori ed attivisti; e il gruppo corsaro ha iniziato a gestire l’Auditorium di Scampia, costruito dopo il terremoto degli anni ’80 e da allora pressoché inutilizzato, con l’obiettivo di trasformarlo in un centro d’arte per il quartiere e per la città inserito in una più ampia rete nazionale.
Da questa energia di riscatto, rinnovamento e impegno nasce “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC” di Punta Corsara.
In scena Christian Giroso, Antonio Stornaiuolo, Valeria Pollice, Emanuele Valenti, Giuseppina Cervizzi, Gianni Rodrigo Vastarella, Vincenzo Nemolato e Mirko Calemme si confrontano con Molière trasportandolo a Napoli, città a cui già il drammaturgo francese pensava ne Le furbierie di Scapino. Nella rilettura di Emanuele Valenti, alla sua prima regia con Punta Corsara, la grazia della comédie-ballet della farsa di Molière prende accenti dalla quotidianità poco eroica dei film della commedia all’italiana. Pourceaugnac diventa così l’erede di Pulcinella, di cui assume tutta l’umanità, la comicità e la poesia; capro espiatorio di una società vorace e falsa, mette a nudo il mondo di ieri e vi trova nascosto quello di oggi.
“Molière si lasciò ispirare e influenzare dai comici italiani che recitavano a Parigi, in particolar modo dal grande Scaramouche, maschera del napoletano Tiberio Fiorilli – commenta Valenti -. Sin dall’inizio, ci è sembrato che i personaggi potessero naturalmente ritrovarsi in una città come Napoli. Da qui siamo partiti, sulle tracce di quello sguardo comico che è nella nostra tradizione e che scegliamo per raccontare la realtà che conosciamo. Guido la Compagnia Corsara con la mia prima regia, perché mi sembra naturale e prezioso lavorare con le persone in cui ho visto nascere la passione per il teatro e che ho seguito sin dall’inizio del progetto, osservandone lo stupore e la determinazione nel provare a scommettere su se stessi”.

I biglietti (13 euro intero, 11 ridotto) sono in vendita all’ufficio del Teatro Astra nella nuova sede di Stradella Barche 5 a Vicenza dal martedì al venerdì, in orario 9.30-13 e 15-18. La sera di spettacolo la biglietteria del Teatro Astra apre alle ore 20.

La stagione NIENTE STORIE 2011-2012 è curata da La Piccionaia-I Carrara Teatro Stabile di Innovazione per l’Assessorato alla cultura del Comune di Vicenza anche con il sostegno di Ministero dei Beni Culturali, Regione del Veneto, Provincia di Vicenza, Fondazione Antonveneta e Askoll.

Informazioni per il pubblico: Ufficio Teatro Astra, NUOVA SEDE – Stradella Barche 5, Tel. 0444 323725 - info@teatroastra.it, www.piccionaia.org

lunedì 28 novembre 2011

PLAYTIME: NAPOLI - PARIGI ANDATA E RITORNO, ARRIVA IL MOLIÈRE DEI “CORSARI” DI SCAMPIA

Molière trasloca a Napoli, anzi, a Scampia: il suo Pourceaugnac diventa erede ideale di Pulcinella, e la farsa originaria del commediografo francese si trasforma nel racconto di una quotidianità conquistata: è in arrivo venerdì 2 dicembre (ore 21) in prima regionale al Teatro Villa dei Leoni di Mira (VE) “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC”, terzo appuntamento di PLAYTIME 2011-2012. Sabato 3 dicembre lo spettacolo sarà in scena al Teatro Astra di Vicenza: sono queste le uniche due date in cui sarà possibile vedere lo spettacolo in tutto il Veneto.
Mercoledì 30 novembre, alle 21, la compagnia sarà inoltre ospite dei microfoni di Radio3 Rai con un’intervista.

Napoli non è solamente l’ambientazione di questa rivisitazione del testo di Molière: Punta Corsara, la giovane compagnia che propone il lavoro e con cui il pubblico avrà modo di dialogare dopo lo spettacolo in un incontro condotto da Carlo Presotto, proprio a Scampia ha deciso di affondare le radici del suo lavoro. Territorio difficile col più alto tasso di disoccupazione in Italia e un controllo diffuso della camorra, a Scampia quattro anni fa Marco Martinelli (fondatore del Teatro delle Albe) ha avviato un progetto triennale di formazione per organizzatori, attori e tecnici teatrali, che utilizzava il teatro per lavorare sul territorio e offrire opportunità di occupazione.
In questo territorio difficile, col più alto tasso di disoccupazione in Italia e un controllo diffuso della camorra, quattro anni fa Marco Martinelli (fondatore del Teatro delle Albe) ha avviato un progetto triennale di formazione per organizzatori, attori e tecnici teatrali, che utilizzava il teatro per lavorare sul territorio e offrire opportunità di occupazione.
Nasce così Punta Corsara, progetto di impresa culturale 2007/2010 della Fondazione Campania dei Festival; la compagnia è stata premiata con i maggiori riconoscimenti, come il Premio Ubu 2010 ricevuto insieme a Roberto Saviano e il Premio Hystrio 2010. Il testimone della direzione artistica è passato ad Emanuele Valenti e Marina Dammacco, due dei giovani partecipanti al progetto divenuti nel frattempo attori, educatori ed attivisti; e il gruppo corsaro ha iniziato a gestire l’Auditorium di Scampia, costruito dopo il terremoto degli anni ’80 e da allora pressoché inutilizzato, con l’obiettivo di trasformarlo in un centro d’arte per il quartiere e per la città, inserito in una più ampia rete nazionale.
Da questa energia di riscatto, rinnovamento e impegno nasce “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC” di Punta Corsara.
In scena Christian Giroso, Antonio Stornaiuolo, Valeria Pollice, Emanuele Valenti, Giuseppina Cervizzi, Gianni Rodrigo Vastarella, Vincenzo Nemolato e Mirko Calemme si confrontano con Molière trasportandolo a Napoli, città a cui già il drammaturgo francese pensava ne Le furbierie di Scapino. Nella rilettura di Emanuele Valenti, alla sua prima regia con Punta Corsara, la grazia della comédie-ballet della farsa di Molière si mescola alla quotidianità poco eroica dei film della commedia all’italiana. Pourceaugnac diventa così l’erede di Pulcinella e di Totò, dei quali assume tutta l’umanità, la comicità e la poesia; capro espiatorio di una società vorace e falsa, mette a nudo il mondo di ieri e vi trova nascosto quello di oggi.
“Molière si lasciò ispirare e influenzare dai comici italiani che recitavano a Parigi, in particolar modo dal grande Scaramouche, maschera del napoletano Tiberio Fiorilli - commenta Valenti -. Sin dall’inizio, ci è sembrato che i personaggi potessero naturalmente ritrovarsi in una città come Napoli. Da qui siamo partiti, sulle tracce di quello sguardo comico che è nella nostra tradizione e che scegliamo per raccontare la realtà che conosciamo. Guido la Compagnia Corsara con la mia prima regia, perché mi sembra naturale e prezioso lavorare con le persone in cui ho visto nascere la passione per il teatro e che ho seguito sin dall’inizio del progetto, osservandone lo stupore e la determinazione nel provare a scommettere su se stessi”.

Una novità attende gli spettatori della stagione 2011-2012: il foyer del Teatro sarà collocato nel piano rialzato di Villa Dei Leoni. Il pubblico potrà accedere al foyer dalle ore 20 delle sere di spettacolo: l’ingresso avverrà dalla scalinata di Villa dei Leoni, accessibile da Riviera Silvio Trentin. Durante le sere di spettacolo nel foyer saranno attivi la biglietteria, un angolo ristoro e un bookshop proposto dall'assessorato alla Cultura e dalle Biblioteche di Mira in collaborazione con l'Ecomuseo - Le Terre del Brenta.

I biglietti (13 euro intero, 10 ridotto) sono in vendita presso l’Ufficio Teatro di Villa dei Leoni in via Don Minzoni 26 a Mira il lunedì dalle 14 alle 18, e dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18. Prevendite anche presso gli sportelli della Banca del Veneziano e on line su www.greenticket.it. La sera di spettacolo il botteghino del teatro apre alle ore 20.

PLAYTIME, la stagione 2011-2012 del Teatro Villa dei Leoni è promossa da La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile d'Innovazione e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Venezia, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Ministero dei Beni e Attività Culturali, con il contributo di Banca del Veneziano


INFO > Ufficio Teatro Villa dei Leoni - tel. 0414266545 - info@teatrovilladeileoni.it- www.teatrovilladeileoni.it

Teatro Trastevere: La mia vita per la musica!!! (spettacolo dedicato a Bruno Filippini)


lunedì 5 dicembre alle ore 21.00 continua la rassegna I Lunedì al Teatro Trastevere. Il prossimo appuntamento è dedicato alla vita di Bruno Filippini cantauotre italiano che, negli anni Sessanta, dopo aver partecipato al Festival di Sanremo, conquistò il cuore degli italiani e non solo

Francesca Stajano, autrice dello spettacolo La mia vita per la musica!!!, ha voluto omaggiare Filippini con questo spettacolo teatrale diretto da Raffaello Sasson.

Di seguito ed in allegato trovate il comunicato stampa.

Vi chiedo gentilmente di darne notizia. Resto a disposizione per richieste di accrediti stampa e per l'invio di ulteriore materiale.

Vi auguro una buona giornata e buon lavoro.

Cari saluti

Rocchina Ceglia 3464783266 

La Compagnia del Brivido

presenta la

Prima Nazionale di

La mia vita per la musica!!!

5 dicembre 2011

ore 21.00

Teatro Trastevere

Roma

 

 Nel 1964 partecipò al festival di Sanremo con Sabato Sera e subito entrò nel cuore degli italiani. Molti suoi brani hanno ottenuto un grande successo sia in Italia che all'estero e, dopo quarant'anni, Bruno Filippini racconta la sua carriera musicale sul palcoscenico del teatro Trastevere. Il 5 dicembre alle ore 21.00  all'interno della rassegna i Lunedì del teatro Trastevere, debutta in Prima Nazionale lo spettacolo La mia vita per la musica!!! scritto da Francesca Stajano per la regia di Raffaello Sasson. Sul palco della sala trasteverina insieme all'artista Bruno Filippini, recitano Francesca Stajano e il piccolo Giorgio Federico Zela nella parte del cantante da bambino.

 

Lo spettacolo ripercorre la lunga e brillante carriera del cantante Bruno Filippini, diventato famoso negli anni '60, in un'alternanza di testi e musica narrati attraverso la sua voce e i suoi occhi, prima di bambino e poi di uomo.

Ne "La mia vita per la musica!!!" viene tracciato un ritratto vivido ed autentico della vita di Filippini, mettendo sapientemente in risalto un artista all'avanguardia, libero dai vincoli imposti dallo show business, capace seguendo la sua ispirazione di costruirsi un cammino personalizzato e poliedrico.

 

La mia vita per la Musica!!! è la storia di un interprete della musica leggera italiana, dalla sua infanzia fino agli anni del successo e della maturità artistica. Si narra di un percorso iniziato da giovanissimo all'interno di un coro prestigioso come quello della Cappella Sistina di Roma, dove, in seguito ad uno studio approfondito della musica, Filippini diventerà un vero e proprio talento musicale. Proprio di talenti si parlerà in questo spettacolo facendo riferimento alla famosa Parabola. Infatti, come sottolinea il regista Sasson "quello che ci ha affascinato nella storia di Bruno è pensare che un bambino di umili origini, grazie al suo talento vocale, sia riuscito ad imporsi e ad  avere un grande successo personale, incarnando appieno la nota Parabola dei talenti. La mia regia cercherà di fondere due diverse forme di espressività artistica, il teatro e la musica leggera, trasformandole in un'unica opera."

 

 

Bebo Storti in SUICIDI?- Teatro Ambra Garbatella - 6/18 dicembre

dal 6 al 18 dicembre

Tangram,  Moviement e  Gershwin Spettacoli

 presentano

 SUICIDI?

 adattamento teatrale tratto dal libro "3 suicidi eccellenti" di Mario Almerighi 

 di e con

Bebo Storti e Fabrizio Coniglio

 

Tangentopoli in commedia. Due comuni cittadini italiani, giocando a fare gli ispettori, indagano su "3 suicidi eccellenti" di quel periodo: Castellari, direttore generale degli affari economici del Ministero delle Partecipazioni Statali e consulente dell'Eni, Cagliari, presidente dell'Eni e Gardini, capo indiscusso della Montedison e maggior azionista dell'Eni. Perché le scene dei suicidi sono state alterate? Perché Castellari, Cagliari e Gardini si uccidono proprio il giorno in cui dovrebbero incontrare i magistrati? Hanno tutti e 3 un forte legame con l'Eni. E' solo una coincidenza? Il sistema uccide chi all'improvviso diventa inaffidabile? Non daremo presuntuosamente la soluzione a questi quesiti, ma insinueremo nello spettatore, con le testimonianze, gli interrogatori, le analisi compiute sul luogo del delitto, le perizie e le autopsie, il dubbio che questi suicidi possano forse essere anche degli omicidi, senza cadere nella retorica, ma usando l'ironia e la forza teatrale della rappresentazione. Nulla di ciò che viene rappresentato è inventato ma è tratto da documenti, dichiarazioni e perizie ufficiali, raccolte con minuziosa scrupolosità dal presidente del tribunale di Civitavecchia Mario Almerighi. Lo spettacolo "Suicidi?" è infatti tratto dal libro "3 Suicidi Eccellenti" di cui Almerighi è l'autore.  Ma Perché riattraversare quel periodo? Perché riparlarne? Tutti sappiamo che era uso comune, in quegli anni, il "sistema" delle tangenti; il favore all'amico di partito, al sodale, alla persona "vicina" per ideologia e per appartenenza. Una mafia  che si stringe attorno all'idea di Patria, ma che poi fa spreco di denaro pubblico. Una classe dirigente e politica che ha perso, se mai l'ha avuto, il senso dello stato, del "servire il popolo"  ma che è invece terrorizzata dal perdere i propri privilegi, dal veder svanire il potere con i privilegi. E così montagne di danaro pubblico vanno in fumo fra gli anni settanta e gli anni novanta, indebitando lo stato, e quindi i cittadini italiani per i prossimi decenni a venire. Riattraversare quel periodo con queste tre vicende è anche un modo per capire che cosa è il nostro paese oggi e cosa continuerà ad essere negli anni, se questo "sistema" non verrà smantellato.

TEATRO AMBRA ALLA GARBATELLA

piazza Giovanni da Triora 15, Roma - tel. 06 81173900

mar/sab h 21.00 - dom h 17

BIGLIETTI: ridotto € 12,00 intero € 15,00

www.ambragarbatella.eu


Vanessa Gravina: La bisbetica domata. Teatro Quirino



In scena dal 6 al 18 dicembre

TEATRO QUIRINO di Roma

Vanessa Gravina e Edoardo Siravo

in

LA BISBETICA DOMATA

di William Shakespeare

e con Carlo Di Maio Vito Facciolla Alberto Caramell Elisabetta Alma

Emanuela Trovato Gianluca Enria Stefano Vona Bianchini Maurizio Tomaciello

Valentina D'Andrea

e la partecipazione di Giulio Farnese

musiche Goran Bregovic

scene e costumi Andrea Taddei

adattamento e regia Armando Pugliese

La bisbetica domata (The Taming of the Shrew) è una festa di trame incrociate, scambi d'identità, manipolazioni linguistiche. In una Padova reinventata dall'autore, viene descritta la vigorosa conquista dell'irrequieta Caterina da parte del caparbio Petruccio, avventuriero veronese, che sposa e soggioga l'intrattabile Caterina di Padova, attirato soprattutto dalla sua dote.

Non tutti sanno però che il testo shakespeariano è contenuto in una cornice che rende i due protagonisti personaggi di una rappresentazione teatrale cui altri personaggi assistono in scena. Una commedia nella commedia, quindi. Precede il dramma un prologo in cui un calderaio, Cristoforo Sly, è raccolto ubriaco da un signore reduce da una partita di caccia, davanti ad un' osteria in aperta campagna: Sly è portato al castello, e gli fanno la beffa di trattarlo al suo risveglio come se fosse un gentiluomo che dopo lungo tempo ha ripreso l'uso della ragione e lo fanno assistere a La bisbetica domata.

"Shakespeare non scrisse l' epilogo,- scrive Franco Cordelli su Il Corriere della Sera-  ma in genere i registi lo recuperano da un testo simile più o meno coevo, magari trasformando tutto in un sogno, come ha fatto Pugliese nel suo spettacolo: brillantissimo, certo, pieno di trovate di regia, con costumi mirabolanti e scene, contemporanee o fantastiche. Meglio e di più fanno i due protagonisti, il ribaldo Edoardo Siravo,, un attore di irresistibile simpatia e che, in puro stile «Amici miei», può travestirsi con la stessa naturalezza da pirata o da ricco zoticone; e Vanessa Gravina, una perfetta gattamorta: domata (per così dire) dalle torture cui la sottopone Petruccio ormai suo marito, nel monologo finale ribalta il profilo morale della sua eroina, incarnando il titolo di una commedia che verrà (di Oliver Godsmith): Ella si umilia per vincere."


-- 

ufficio stampa
Marzia Spanu
 




--
Redazione del CorrieredelWeb.it
www.CorrieredelWeb.it

domenica 27 novembre 2011

CONVERSANO. PROVE DI MUSICAL CON LA NAUSICAA SPETTACOLI, GIOVEDI 1° DICEMBRE 2011 DALLE ORE 16 PRESSO LA CASA DELLE ARTI

PROVE DI MUSICAL A CONVERSANO

Giovedì 1° dicembre 2011

Dalle ore 16 presso La Casa delle Arti - Ingresso libero
CONVERSANO (Bari) – "Prove di Musical" a Conversano con la Nausicaa Spettacoli di Roma, produttrice in Italia di musical di grande successo come Robin Hood (di Beppe Dati), Aladin (di Stefano d'Orazio, musiche dei Pooh regia e coreografie Fabrizio Angelini). Appuntamento, con ingresso libero, giovedì 1° dicembre dalle ore 16 alle 18, presso La Casa delle Arti di Conversano.


A seguire Conferenza Stampa di presentazione del progetto Nausicaa "La CONTROSCUOLA" PUGLIA, direttore responsabile Vito Di Leo di Conversano (regista di musical, attore, cantante, musicista con all'attivo diverse produzioni di musical).

 

Attesissimo alle ore 16.30, Simone Sibillano, per una lezione-stage gratuita di canto e recitazione, Sibillano è  una delle voci più apprezzate del panorama nazionale, tecnicamente ineccepibile e forte di un lungo e proficuo lavoro sulla voce e sul corpo. Un'occasione da non perdere per chi vuole mettersi alla prova, per chi sogna un'occasione nel mondo dello spettacolo, quello dei musical è straordinariamente affascinante perchè abbraccia l'arte della recitazione e il canto. Dunque Prove di Musical per tutti.

 

Sibillano insieme a Marco Manca, giovane "cantattore", a suo perfetto agio nella prosa come nel musical, poliedrico e di ferrea formazione culturale e Pierpaolo Lopatriello, attore e cantante di lunga esperienza e particolarmente attento all'aspetto emotivo/interpretativo del lavoro teatrale, rappresentano lo staff di prestigio de LA CONTROSCUOLA. I dettagli saranno resi noti nel corso della conferenza. Info: 333.98.64.427, info@vitodileo.it.

 

 


sabato 26 novembre 2011

DIFFERABILITY


Milano,  5 dicembre 2011 
Acquario Civico di Milano
Viale Gadio 2
“DifferAbility” è un'iniziativa promossa dall'Associazione “Eclettico Milanese” in collaborazione con Associazione Culturale Vi.d.A. Viaggiatori dell'Anima, Polisportiva Milanese, Pohla Varese e Gruppo Sportivo Non Vedenti Milano ONLUS, e dedicata agli sport praticati dalle persone disabili, una realtà molto diffusa ma poco conosciuta.
L'evento, patrocinato dalla Regione Lombardia, dalla Provincia e dal Comune di Milano. occuperà l'intera giornata del 5 dicembre, nella sorprendente location dell'Acquario Civico 
Milanese, Viale Gladio, 2. 
L'organizzazione è a cura di Valeria Gulotta responsabile dell'associazione Eclettico Milanese, Luca Crescenzi, Michele Modica, Gerardo Mandara, Giuseppe Ceccarelli, Giuseppe Damato, Ruggero Rubino Sammartano. 
Lo scopo della manifestazione è di sottolineare l'importanza del diritto allo sport, un mezzo di realizzazione, di riabilitazione, di relazione, di espressione che deve essere esteso a tutti. 
Il primo appuntamento è fissato alle ore 10.00 e coinvolge 150 studenti provenienti dai licei statali milanesi della Provincia di Milano, Centri Diurni per le persone con disabilità e associazione sportive. 
Dopo la conferenza introduttiva di Claudio Arrigoni giornalista sportivo che si occupa di sport per disabili per il “Corriere delle Sera”, la “Gazzetta dello sport, “SportWeek” e per l web magazine dreamtimedancemagazien, Antonio Marangoni Presidente della Polisportiva Milanese e di Daniela Colonna Preti, Presidente della POLHA Varese, ci saranno alcune testimonianze di atleti della “Armata Brancaleone” (squadra di sledge-hockey che annovera 5 partecipanti alle paraolimpiadi di Vancouver nel Marzo del 2010) e di atleti che praticano handbike. 
Successivamente gli studenti potranno sperimentare personalmente diverse discipline nei vari spazi dell’Acquario civico: faranno esperienza di sledge hockey ed handbike, di Showdown e scherma per non vedenti (promossa dal Circolo Spada Lodetti), potranno conoscere la scherma praticata in carrozzina da loro coetanei e provare il tiro a segno attraverso un simulatore.
Entrata gratuita con prenotazione delle scuole e dei centri diurni obbligatoria via mail valeria@jvmconceptshow.it
Alle ore 17.30 tavola rotonda sul Tema “Mind the difference, la differenza sta nell'occhio di 
chi guarda”, che affronterà il valore dello sport e della danza nella riabilitazione. 
Introduzione della Tavola Rotonda Assessore allo Sport della Regione Lombardia Monica Rizzi e Assessore  alle Politiche Sociali della Provincia di Milano Massimo Pagano.
Interverranno: Paola Banone presidente dell'Associazione Vi.d.A. Viaggiatori dell'Anima, insegnita dell'Ambrogino d'Oro nel 2007,direttore artistico del Festival Internazionale Dreamtime: Danza senza limiti, segretaria IDC-ITI under the auspice of Unesco, il Maestro Joseph Fontano danzatore e coreografo, Presidente di IDC-ITI under the auspice fo Unesco, Francesco Cusati, Presidente del Gruppo sportivo Non vedenti Milano ONLUS (Civica benemerenza 2011 del Comune di Milano),  Alessandro Pontremoli professore di Storia della Danza e del Mimo al DAMS e Scienze della Formazione  all'Università di Torino, Carlo Annoni, già tecnico responsabile di disciplina del CIP, il critico di danza Francesca Pedroni, autrice della serie di documentari “Danza in scena” prodotti da Classica Tv ( Sky, canale 728), AnnaMaria Prina storica direttrice della Scuola di Ballo del Teatro alla Scala di Milano. Modera il tavolo il giornalista Claudio Arrigoni. 
Alle 18.30 interverrà Simona Atzori, danzatrice classica, autrice del  libro “Cosa ti manca per essere felice”. 
Dalle 19.00 la serata prevedrà un cocktail e una raccolta fondi destinati all’acquisto di 
attrezzature sportive, beni e servizi per i disabili. Sarà gradita un’offerta all’ingresso e verranno messe all’asta borse offerte da fashion designer emergenti Sartie, Sara Battaglia, Arnoldo&Battois, Comeforbreackfast, Veronica Xerato,  Y-3, Barbara Boner, Manufacture d’essai, Benedetta Bruzziches, Emiliano Rinaldi, A-lab, Leghilà, dMajuscule, Maison Clochard, Le Crown, Camo, Moi Multiple, Same, Soffio di Sofia, Individuals, Andrea Incontri, Gaetano Perrone, HTC, Leit Motiv, Dark Label, BeeQueen, Misuraca, A Brand Apart. 
Interverrà l’Assessore alla Moda, Eccellenze ed Expo della Provincia di Milano Silvia Garnero. 
Il catering sarà curato dal giovane e premiato chef Claudio Colombo Severini, che si avvarrà per l’occasione della collaborazione della Dott.sa Daniela Morandi, colei che ha portato in Italia la dieta a zona, indicata particolarmente per gli atleti. 
Alle 20.30 la danzatrice e coreografa Maria Carpaneto già collaboratrice con l'Associazione Vi.d.A.  nei progetti di danza rivolti al Mixed Ability Group (formati da danzatori abili e diversamente abili), proporrà delle incursioni danzate del suo nuovo lavoro: “Dunque io sono”. A seguire verrà presentato uno spettacolo della Cie Mixed Ability Dreamtime “Ogni giorno per tutti i giorni”.
La Provincia di Milano è orgogliosa di patrocinare e sostenere un evento che è prima di tutto un'occasione importante di comunicazione e integrazione su un tema di grande sensibilità sociale.  L'inserimento dei disabili nel settore sportivo è un fenomeno che negli ultimi anni ha subito una costante e continua crescita. "DifferAbility" affronta il tema mettendo al centro lo sport sia come mezzo di riabilitazione e "ritorno alla vita quotidiana", sia come strumento per l'affermazione di se stessi al di là dei nuovi limiti fisici, evidenziandone l'eccellenza agonistica attraverso le testimonianze personali di atleti
internazionali. 
Solo l'1 per cento delle persone con disabilità si dedica con costanza allo svolgimento di un’ attività sportiva. Questo è un dato che punto almeno a raddoppiare nei prossimi anni. Per questo Regione Lombardia è vicina e sostiene manifestazioni come DifferAbility, che hanno il grande merito di promuovere l’inclusione sociale e incentivare, proponendo modelli, esperienze e modalità concrete, la pratica sportiva tra i più giovani, in particolare tra i ragazzi con disabilità.
                                           
Si ringraziano Roberto Bertoli per le luci, Stila Fiori per il coordinamento e l’impianto 
audio, Alessandro Paternò per la direzione degli allestimenti. 

venerdì 25 novembre 2011

TEATRO NUOVO dal 6 al 18 dicembre DUE RAGAZZI IRRESISTIBILI con Gianfranco D'Angelo e Eleonora Giorgi - regia di Giovanni De Feudis

Dal 6 al 18 dicembre 2011 

TANIA CORSARO – QUINTE D'ARGENTO

presenta

GIANFRANCO D'ANGELO - ELEONORA GIORGI

in

DUE RAGAZZI IRRESISTIBILI

di Mario Scaletta in collaborazione con

Marina Baumgartner, Giancarlo Borrelli e Walter Delle Donne 

commedia brillante con musiche 

regia di Giovanni De Feudis 

 

Gianfranco  D'Angelo ed Eleonora Giorgi sulle onde dei decenni intrecciano i loro ricordi umani e professionali di una lunga vita di successi: monologhi sferzanti e dichiarazioni toccanti, piccole debolezze di donna e ironiche considerazioni maschili, divertenti gag a due e citazioni di un passato che è ancora nella memoria di tutti.  Il comico ironico e dissacrante, ma anche l'attore che ti fa commuovere e pensare; la bellissima interprete di tanti film di successo,  con ancora tanta voglia di ridere e di prendersi in giro. Un uomo e una donna con l'anima da eterni ragazzacci e una grande passione in comune: il teatro.  I tanti momenti divertenti, surreali, emozionanti, sono scanditi dalle parole delle canzoni che tutti abbiamo amato, e ancora amiamo,  cantate dalla giovane voce di Tania, una vera rivelazione.

I sei bravissimi  ballerini del corpo di ballo "i ragazzi irresistibili" – quattro ragazze e due ragazzi – sottolineano  con le loro coreografie – ideate da Evelyn Hanack - e i loro colorati e allegri  costumi – di Graziella Pera -  l'eterno gioco del teatro, dove finzione e realtà si mescolano così bene. Molto originale la trovata di far entrare e uscire i protagonisti dai due mondi attraverso pannelli girevoli  in un  continuo susseguirsi di emozioni e risate. La scenografia è firmata da Alessandro Chiti.

La brillante regia è  di Giovanni  De Feudis, il testo di Mario Scaletta, con la collaborazione di Marina  Baumgartner, Giancarlo Borrelli e Walter Delle Donne.

Lo spettacolo è  prodotto e distribuito da Tania Corsaro -  Quinte d'argento 
 
 
 
 

                                                            Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.

 

                Orari spettacolo:   feriali ore 20.45  - sabato della prima settimana di rappresentazione ore 16.00 e ore 20.45 

                  domenica ore 16.00 - Lunedì riposo 
 

Prezzi spettacolo: 

da martedì  a venerdì    Poltronissima € 33,00

(compreso sabato pomeriggio)   Poltrona € 22,00 

Sabato e domenica   Poltronissima € 36,00

                  Poltrona € 28,00 
 
 

E' APERTA LA CAMPAGNA ABBONAMENTI 2011-2012 
 

Biglietteria (per informazioni e prenotazioni):

Piazza San Babila – Milano    INFOLINE: 02.794026 

Orario: 
Dal Lunedì al Sabato dalle 10.00 alle 19:00 
Domenica dalle 11.00 alle 17.00   MAIL:
info@teatronuovo.it

Rivendite on-lineIl tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. (anche per gli abbonamenti): 

www.teatronuovo.it Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.  Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.  

 
 
 

Ufficio Gruppi

Angela Gligora  
presso gli uffici del Teatro Piazza San Babila, 3 (di fronte all'ingresso del teatro)

Tel. 02/76001231 - Fax 02/781615    e-mail: angela@teatronuovo.it

 
 

Ufficio Scuole

Tel. 02 76.02.34.22  www.teatroperbambini.it

 
 

Ufficio Stampa

Lia Chirici - VerbaVolant

Via Imperia, 16- 20142 Milano - Tel. 02/84891579 - Fax 02/89545278 - Cell. 338.4810739

e-mail: info@ufficiostampaverbavolant.itlia@ufficiostampaverbavolant.it

giovedì 24 novembre 2011

Anna Della Rosa - Blackbird al Teatro India e tournée


Anna Della Rosa -  Premio Eleonora Duse 2011 come miglior attrice emergente - dal 29 novembre al  18 dicembre sarà a Roma (Teatro India) con Massimo Popolizio in Blackbirdun testo di David Harrower diretto dal maestro Lluís Pasqual.

Quanti anni aveva, Una, quando è stata con Ray? Un uomo di quasi sessant'anni e una ragazza di neanche trenta, sono chiusi in una stanza. Lei lo aggredisce, verbalmente e fisicamente, rinfacciandogli di averla abbandonata anni prima. Già, ma quanti anni prima?  L'ordinaria storia di una violenza si trasforma in una grande storia d'amore, che lega indissolubilmente, in maniera unica e crudele, i protagonisti.

"Bravi da suscitare impaccio, e complicità, a ritmo alterno", scrive dei due interpreti Rodolfo Di Giammarco su Repubblica. "Intensa, vibrante" (Magda Poli - Corriere della sera), "straordinaria" (Renato Palazzi – Sole24ore), sono alcuni dei giudizi della critica nazionale su questa interpretazione di Anna Della Rosa. 


Diplomata alla Scuola d'Arte Drammatica Paolo Grassi, l'attrice milanese  ha già lavorato con registi come Luca Ronconi, Peter Stein e Massimo Castri.  Nel 2008 vince il Premio ETI Gli Olimpici del Teatro per il ruolo di Giacinta, nella Trilogia della villeggiatura di Goldoni diretta da Toni Servillo, che ha avuto molto successo anche all'estero, con recensioni entusiastiche su El País, Le Figaro e il New York Times. Il Daily News scrive di lei: "una grande creazione drammatica interpretata da una grande attrice. Nella sua biografia si dice che è laureata in letteratura e filosofia. È questo a darle la straordinaria grazia, sensualità e arguzia che porta al personaggio?"


GENNAIO: 9/10 Piacenza - 12/15 Modena - 17 Cremona – 20/22 Reggio Emilia – 26/29 Ferrara - 31 Genova  FEBBRAIO:  1/5 Genova – 8/12 Brescia – 14/26 Torino - 28 Casalmaggiore  MARZO: 3/20 Milano – 22/25 Prato – 28/29 Mestre - 31 marzo Parma

 


mercoledì 23 novembre 2011

L’ITALIA DAI FONDATORI AGLI ERGASTOLANI: TUTTO ESAURITO A MIRA PER ASCANIO CELESTINI

“I morti e gli ergastolani hanno una cosa in comune, non temono i processi. I morti perché non possono finire in galera, gli ergastolani perché dalla galera non escono più”. Morti ed ergastolani uniti dal vincolo delle patrie galere; personaggi di una storia comune che, nelle parole di Ascanio Celestini, si trasforma in un nuovo viaggio della coscienza civile, questa volta ripensando alle tappe e agli uomini che hanno portato alla nascita dell’Italia. Con “PRO PATRIA - Senza prigioni, senza processi”, l’attore e autore romano torna sul palcoscenico del Teatro Villa dei Leoni di Mira sabato 26 novembre (ore 21) con il suo ultimo monologo, nuovo appuntamento per il cartellone PLAYTIME 2011-2012. La sera prima, venerdì 25 novembre, “PRO PATRIA” sarà in scena in prima regionale al Teatro Astra di Vicenza.

E già nell’attesa si decreta il primo successo di Celestini a Mira: fin dalla prevendita, lo spettacolo ha già fatto registrare il tutto esaurito. Per il drammaturgo romano questo è infatti un ritorno atteso a Villa Dei Leoni, dopo due anni di assenza dal palcoscenico della Riviera del Brenta.

In uno spazio di due metri per due, Ascanio Celestini s’incammina all’interno di un racconto di cento minuti. Alle sue spalle, un fondale con alcune immagini, ritagli di giornali e manifesti di uno spettacolo. In scena un palco di metallo è anche un piccolo prato artificiale sul quale si assiste alla prova per un discorso; un banchetto rosso è posizionato tra palco verde e fondale bianco.
Due musiche accompagnano la narrazione, un brano surf e una variazione di Chopin su un’aria di Bellini. Sono cinque i personaggi che popolano “PRO PATRIA”: un narratore che parla in prima persona; due padri, uno di sangue e uno ideale; due abitanti della prigione - un secondino detto l’intoccabile, padrone concreto della vita del carcere -, e un immigrato africano che dorme cinque minuti ogni ora.
È infatti il carcere il luogo scenico nel quale si sviluppa l’azione. Ascanio Celestini immagina le parole di un detenuto che sta scrivendo un discorso importante, nel quale cerca di rimettere insieme i pezzi della propria storia, ma anche di una formazione politica avvenuta in cella attraverso i tre libri che l'istituzione carceraria gli permette di consultare. Chiede perciò aiuto a Mazzini, un Mazzini silenzioso e sconfitto.
“Chi ruba una mela finisce in galera anche se molti pensano che rubare una mela è un reato da poco - scrive Celestini -. E chi ruba due mele? Chi ne ruba cento? Quando il furto della mela diventa un reato? C’è un limite? C’entra con la qualità della mela? La legge è uguale per tutti e i giudici non si mettono a contare le mele. La statua della giustizia davanti al tribunale ha una bilancia in mano, ma entrambi i piatti sono vuoti. Non è una bilancia per pesare la frutta”.

Ascanio Celestini, attore e drammaturgo, ma anche regista cinematografico e scrittore, è uno dei maggiori esponenti della seconda generazione del teatro di narrazione. Il suo lavoro è stato riconosciuto con i più importanti premi teatrali, tra cui il Premio Ubu speciale 2002 e il Premio Ubu 2005 per lo spettacolo “Scemo di guerra” come Nuovo testo italiano, andato in scena a Mira nel 2009.


Una novità attende gli spettatori della stagione 2011-2012: il foyer del Teatro sarà collocato nel piano rialzato di Villa Dei Leoni. Il pubblico potrà accedere al foyer dalle ore 20 delle sere di spettacolo: l’ingresso avverrà dalla scalinata di Villa dei Leoni, accessibile da Riviera Silvio Trentin. Durante le sere di spettacolo nel foyer saranno attivi la biglietteria, un angolo ristoro e un bookshop proposto dall'assessorato alla Cultura e dalle Biblioteche di Mira in collaborazione con l'Ecomuseo - Le Terre del Brenta.


Ascanio Celestini
PRO PATRIA - SENZA PRIGIONI, SENZA PROCESSI
di e con Ascanio Celestini
suono Andrea Pesce
una produzione FABBRICA – in coproduzione con Teatro Stabile dell’Umbria

Quand’è che l’avete capito che era finita, Mazzini?
Quando finisce la rivoluzione?
Finisce a Roma nel ’49 con la fine della repubblica?
O con le insurrezioni degli anni ’50?
Con le impiccagioni e le fucilazioni di Belfiore che faranno guadagnare a Francesco Giuseppe il soprannome dell’impiccatore?
Con l’insurrezione di Milano del ’53?
Qualche migliaio di uomini che assaltano caserme e posti di guardia e sperano nella diserzione dei soldati ungheresi che invece non ci pensano proprio.
Alla fine vengono giustiziati in 16.
Quella volta Marx scrisse che la rivoluzione è come la poesia, non si fa su commissione.
Quando è che avete pensato “siamo sconfitti”, Mazzini?

PLAYTIME, la stagione 2011-2012 del Teatro Villa dei Leoni è promossa da La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile d'Innovazione e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Venezia, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Ministero dei Beni e Attività Culturali, con il contributo di Banca del Veneziano


INFO > Ufficio Teatro Villa dei Leoni
tel. 0414266545 - info@teatrovilladeileoni.it
www.teatrovilladeileoni.it

FAMIGLIE A TEATRO: “MIMÌ E LA FELICITÁ”, A MIRA LA NUOVA PRODUZIONE LA PICCIONAIA

L’idea viene da “Mi piace/Non mi piace” del regista francese Jean Pierre Jeunet. Da quella collezione di momenti imperfetti, ingenui piaceri, accompagnati con ironia da piccoli gesti alla ricerca della felicità, tipici del linguaggio del regista diventato celebre per il film “Il Favoloso Mondo di Amelie”, Ketti Grunchi ha tratto ispirazione per “MIMÌ E LA FELICITÁ”, la nuova produzione La Piccionaia - I Carrara in scena domenica 27 novembre 2011 (ore 16) al Teatro Villa dei Leoni di Mira, primo appuntamento del cartellone di FAMIGLIE A TEATRO 2011-2012.
Fino al 27 novembre sono ancora acquistabili gli abbonamenti all’intera rassegna (intero 20 euro, 12 euro ridotto under 14), in vendita all’ufficio teatro di Villa dei Leoni in Villa Principe Pio (via Don Minzoni 26, Mira) dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18 e in Teatro Villa dei Leoni la domenica stessa a partire dalle ore 15.00.
Ancora una volta Ketti Grunchi - che torna in scena firmando questo lavoro con Valter Rado e avvalendosi della collaborazione di Elisabetta Mazzulo - per accostarsi al mondo immaginario dei più piccoli ha lavorato con insegnanti della scuola dell’infanzia e con bambini dai 3 ai 5 anni, chiedendo loro: “Cosa ti piace? Cosa non ti piace? Cosa ti piacerebbe? Cosa non ti piacerebbe? Cosa ti piaceva - non ti piaceva da piccolo?”. Raccogliendo le risposte, sono emersi in poche frasi non solo mondi interiori personali, ma anche mutamenti in atto nella nostra società riguardanti temi quali la poesia, la bellezza, il piacere, la felicità, le paure, la tristezza, i desideri.
Leggera, fantasiosa, poetica e ingenua, la protagonista Mimì è felice di assaporare il tempo che ha a disposizione senza limiti, giocando, pensando, sognando.

I biglietti (intero euro 6,50; ridotto bambini fino a 14 anni 4,50 euro; over 65 5 euro) sono in vendita all’Ufficio Teatro da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18; e, nei giorni di spettacolo, a partire dalle ore 15 presso il botteghino del teatro.



MIMÌ E LA FELICITÀ
di Ketti Grunchi, Valter Rado, Elisabetta Mazzullo
con Ketti Grunchi | Voce registrata Sergio Mascherpa
Scenografia e luci Yurij Pevere

Una domenica mattina, tra suoni di campane e lenzuola stese, una coccinella maschio posò le sue zampette esattamente sulla punta di un grazioso dito indice. In quell’istante, davanti all’uscio di casa il nonno, guardando una vecchia foto della nonna, si soffiava il naso rumorosamente. Cinque secondi dopo, Mimì prese la decisione di contare sulle dita tutte le cose che - al mondo - non le piacevano, compresa la nonna che urlava infilandosi le mani tra i capelli… e di seguito tutte quelle che, a cominciare dallo stare su quella terrazza sopra i tetti della casa dei nonni, le piacevano.
Mimì per una settimana contò, elencò, classificò e numerò tutti i pensieri dall’uno al novecentosettantaquattromila… cinquecento… due! Poi… smise. Salutò le rondini, le nuvole, i panni stesi e le montagne. “Arrivederciiiiiiii!” E, finalmente… scese dal tetto.

“FAMIGLIE A TEATRO” è promossa da La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile d'Innovazione e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Venezia, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Ministero dei Beni e Attività Culturali, con il contributo di Banca del Veneziano.


INFO > Ufficio Teatro
tel. 0414266545 - info@teatrovilladeileoni.it
www.teatrovilladeileoni.it

martedì 22 novembre 2011

SALA UMBERTO Paolo Poli IL MARE dal 29 novembre

29  novembre-18 dicembre 2011

Produzioni Teatrali Paolo Poli – Associazione Culturale - presenta 

Paolo Poli

IL MARE

due tempi di Paolo Poli da Anna Maria Ortese 

con (in o.a.)

Mauro Barbiero  

Fabrizio Casagrande

Alberto Gamberini  

Giovanni Siniscalco 

scene   Emanuele Luzzati

costumi   Santuzza Cali'

musiche Jacqueline Perrotin

coreografie Claudia Lawrence 

regia

Paolo Poli 
 

I racconti di Anna Maria Ortese composti nel lungo arco di tempo che va dagli anni Trenta ai Settanta, affiancando la produzione dei grandi romanzi, riflettono sorprendentemente la complessa personalità della autrice.

Storie quasi senza storia che dipingono una realtà tragica come attraverso un sogno. Spesso sono stati paragonati al fantastico viaggio dantesco nell'aldilà.

Ad una rilettura odierna sembrano piuttosto rievocare la teatrale tenerezza del Tasso o la cinematografica leggerezza dell'Ariosto. Gli avvenimenti narrati sono visti attraverso il ricordo struggente: l'infanzia infelice, ma luminosa, l'adolescenza insicura, ma traboccante, l'amore sfiorato, ma mai posseduto. Sentimenti che ricordano il dispettoso rifiuto di Kafka e le illuminazioni improvvise di Joyce. Figure e figurine di una italietta arrancante nella storia dove le canzonette fanno la parte del leone.

Accanto a Poli gli attori che da sempre lo accompagnano in un tipo di teatro personalissimo. Le scene del grande Luzzati enfatizzano la pittura novecentesca. I costumi fantasiosi di Santuzza Calì sorprendono ancora una volta. Le musiche di Jacqueline Perrotin persuadono arditamente. 
 

SALA UMBERTO di Roma

                                                   Via della Mercede, 50

(06.69925819/ 06.6794753

Prezzi: da  €  32 a € 23

Orari: dal martedì  al venerdì ore 21, 2° mercoledì ore 17, sabato 3 e sabato 17 solo ore 17.00 /

sabato 10 solo ore 21.00 - domeniche ore 17,30

lunedì 21 novembre 2011

Teatro Vascello. Elena Sbardella "On' off" dal 30.11 al 4.12




DAL 30 NOVEMBRE AL 4 DICEMBRE 
TEATRO VASCELLO

 

 

COMPAGNIA ENFI TEATRO

E

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

DIPARTIMENTO SPETTACOLO DAL VIVO

 

PRESENTANO

 

On'off

Liberamente tratto dal libro di MASSIMO GAMBA

Vermicino l'Italia nel Pozzo

 

Diretto e interpretato da ELENA SBARDELLA

 

Lo spettacolo prende spunto dalla tragedia di Vermicino.
Giugno 1981, la prima lunga diretta nella storia della televisione diventa l'archetipo di una tragedia. Nella pietà per il dolore degli altri è forse mal celata la paura per la propria sorte. C'è chi opera, rischia la propria vita, chi guarda, chi vuole farsi guardare, ci sono tutti gli ingredienti di un tristissimo reality.
"On'off" parte da quella notte per spostarsi nei luoghi "consci e non" dell'intimità di ognuno di noi. Il lato privato della storia resta lontano da qui nel rispetto di chi già amava prima che tutto accadesse, di chi veramente amava.
Un "abito schermo" in uno spazio surreale, un linguaggio tessuto di immagini oniriche e racconti popolari che trasportano lo spettatore in un vortice a ritmo serrato.
"On'off" è fatto di presenze e assenze, dolori degli altri e privati, dentro e fuori il video in una danza di accensioni e spegnimenti. Eppure la bellezza, quell'intima e meravigliosa bellezza del mondo degli uomini, forse perduta, calpestata, ancora soffoca e muove il cuore della nostra unica e moltiplicata presenza scenica.

 

DAL 30 NOVEMBRE AL 4 DICEMBRE TEATRO VASCELLO

RASSEGNA ROMACITTÀTEATRO

VIA G. CARINI, 78 - MONTEVERDE VECCHIO - ROMA

INFO E PRENOTAZIONI tel. 06.5881021

TUTTE LE SERE ORE 21

DOMENICA 4 DICEMBRE ORE 18

INGRESSO: INTERO EURO 20 - RIDOTTO EURO 15

info:

 

 

ufficio stampa

Marzia Spanu

Patrizia Cafiero & Partners sas

Via Carlo Alberto Racchia, 2

00195 Roma

Telefono / Fax 06 32 31 481 r.a.

Email info@cafieroepartners.it

 

Teatro Ambra alla Garbatella - I NERVI DI ANTIGONE

dal 29 novembre al 4 dicembre

 la Compagnia della Luna

 presenta

 I NERVI DI ANTIGONE

 di Paola Ponti

 con Cristina Pellegrino

 regia Norma Martelli

 scene di Alfonso Giancotti

musiche gentilmente concesse dal M° Nicola Piovani

  

Un'attrice entra in scena vestita a lutto. Comincia a recitare Sofocle, ma qualcosa glielo impedisce. Una presenza in sala che poi si rivela essere presenza nella sua mente, la distrae continuamente e la costringe ad abbandonare Sofocle per tornare a sé, alla sua infanzia, ai suoi due fratelli e alla sorella, malata e pavida, in modo che le due Antigone, quella di ieri (mito del coraggio) e quella di oggi (spaventata e sola) si intersechino per trascorrere un'ora insieme, con ironia e dolore, riflettendo, loro malgrado, sulla paura.

Come si fa a smettere di avere paura? E' il tema dello spettacolo, dove la paura la provano i forti, i deboli vi rinunciano prima, sembra essere stato il peso dell'esistenza di entrambe.

Una giovane donna. Con un peso sulle spalle. Anzi, 'un vuoto dentro al petto'. Con una sorella pavida e due fratelli combattenti. Un' Antigone di oggi. Con il coraggio della caparbietà e la forza dell'ironia. Una commedia divertente e dolorosa.

TEATRO AMBRA ALLA GARBATELLA

piazza Giovanni da Triora 15, Roma - tel. 06 81173900

mar/sab h 21.00 - dom h 17

BIGLIETTI: ridotto € 12,00 intero € 15,00

www.ambragarbatella.eu


--

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.