CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

lunedì 31 dicembre 2012

Rassegna di Prosa 2012-13

TEATRO COMUNALE "Domenico Modugno"

ARADEO

STAGIONE DI PROSA 2012/2013

GIOVEDÌ  10 GENNAIO 2013

Sipario ore 21,00



"COSE CHE MI SONO CAPITATE ANCORA" di Eugenio Ghiozzi

con Gene Gnocchi



Dopo un consulto medico, un attempato signore della "middle-up-class" , esaminandosi intimamente, si rende conto di non aver esternato mai nessuna emozione, alcun sentimento. Da questa inquietante analisi ne esce una risposta sconcertante: lui sta benissimo, ma nella sua vita si è sempre tenuto tutto dentro. La sua quotidianità è una lastra grigia, senza sobbalzi, caratterizzata da piccole cose, minuzie, facezie: il baluginio della squama di un cefalo , il rumore del vento che si incanala tra i dirupi. Ma sarà poi proprio tutto vero? Che dire allora di quella volta che entrando in un auto-lavaggio fu rapito dalla mafia? Quella volta che Sarkozy al telefono gli affidò una missione impossibile, o ancora quando, partecipando al concorso di bellezza per l'uomo più bello del mondo, si rese conto che i partecipanti erano solo due, lui e il suo gemello bello. Con questo spettacolo Gene Gnocchi, fingendo di ripercorrere asetticamente la sua esistenza fatta di giornate noiose e banalità, in realtà mette a nudo il fondamentale dilemma della vita E' nato prima l'uovo o la gallina? In questo caso: è meglio mangiare prima e poi andare a teatro o prima andare a teatro e poi mangiare?



1° settore €    20,00 - Ridotto € 16,00*

2° settore €    18,00 - Ridotto € 14,00*

Info e prenotazioni 328.3149259



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


sabato 29 dicembre 2012

BENVENUTI AL CENTRO, GERARDO PLACIDO IN SCENA A LAMIE D’OLIMPIA IL 14 GENNAIO 2013


BENVENUTI AL CENTRO

GERARDO PLACIDO IN SCENA A LAMIE D'OLIMPIA IL 14 GENNAIO 2013

 

ACTION-SIT COM  CON MANUEL

 

 

BENVENUTI AL CENTRO ACTION-SITCOM –  Continuano le riprese della action-sit com "Benvenuti al Centro", che vede come protagonista il comico barese Emanuele De Nicolò in arte Manuel. La troupe, guidata da Domenico Costanzo torna a girare a Putignano il 7 gennaio 2013, scenografia questa volta sarà il caffè La Dolce Vita, per poi raggiungere l'8 gennaio Acquaviva delle Fonti nel ristorante Cipolla Rossa. Il viaggio di Benvenuti al Centro è senza sosta, dal 9 gennaio al 18 si gira a Minervino Murge, il 14 arriva l'attore Gerardo Placido che fino al 18  sarà protagonista di diverse scene tra Minervino Murge e Lamie D'Olimpia (frazione di Locorotondo).

 

La macchina organizzativa è in costante movimento, numerosi gli attori che calcheranno le scene dell'avvincente serie TV che sarà trasmessa sul digitale terrestre canale ITALIA 83. Insieme all'attesissimo Gerardo Placido, anche Alessandro Paci (comico Toscano), Carmen De Venere (attrice di fiction sulla Rai), Sabino Bartoli (anche cantautore), Alfredo Navarra Alfredo Navarra (per 20 anni ha lavorato  insieme a Manuel con il duo Manuel, dopo altri vent'anni di lontananza oggi sono felici di esser tornati insieme), Gaetana Fasano.

 

Dietro una grande impresa ci sono grandi professionalità che hanno creato la sinergia giusta per realizzare un progetto che valorizza anche il nostro territorio, la Puglia: il Castello di Minervino e la chiesa Sacra Famiglia di Lamie alcuni dei luoghi che la produzione ha scelto per girare alcune scene. Così seguendo gli episodi di Benvenuti al Centro scopriremo nuovi luoghi e anche nuovi volti.  La regia è di Domenico Costanzo (già sceneggiatore  dei films di Pieraccioni), supervisore alla regia: Mario Maellaro (Regista Mediaset), sceneggiatura di Domenico Costanzo e  Emanuele De Nicolò, produzione della Production Diamond Star di Elisabetta De Venere, compagna di Manuel nonché produttrice di apparizioni cinetelevisivi; Produzione Artistica: Redland ed. Mus. di Matteo Tateo & Lelio D'Aprile. coordinatrice di produzione Barbara Kornfeld, filmmaker e autrice. Direttori della fotografia Vito Cea e Francesco Giase direttore della fotografia; Emanuele Braia fonico, Marco Moretti operatore. Trucco e acconciature, allieve dell'Istituto Pascal di Putignano.

 

 "E' doveroso ricordare l'importante contributo di chi ha creduto nel nostro progetto – ha spiegato Elisabetta De Venere  della Production Diamond – l'hotel La Grave di Castellana Grotte, Guarini Cafè Locorotondo, Frizzi Tecnologie per l'Acqua di Minervino Murge, Pascal Istituto di Estetica & Parrucchieri di Putignano, Studio Fotografico Francone".

 

 

L'ingresso al set cinematografico è riservato solo ai giornalisti, per accreditarsi contattare il seguente numero_392.2318950. A fine gennaio la produzione procederà a nuovi provini

3286211694

Si cercano:

- UOMINI

- DONNE

-BAMBINI

- BELLE RAGAZZE CHE SAPPIANO    PARLARE SPAGNOLO

 

Occorre presentarsi muniti di fotografia primo piano e curriculum vitae.

 

Info: www.benvenutialcentro.tv




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


venerdì 28 dicembre 2012

Teatro di Venezia.SONO L'IDOLO DI BRODUE: AL TEATRO A L'AVOGARIA LA VITA DEGLI EMIGRANTI ITALIANI AI TEMPI DEL FASCISMO


Domani, sabato  29 dicembre 2012, ore 21.00, presso lo storico teatro di Venezia
 
SONO L'IDOLO DI BRODUE: AL TEATRO A L'AVOGARIA LA VITA DEGLI EMIGRANTI ITALIANI AI TEMPI DEL FASCISMO
 
Lo spettacolo di Elisabetta Mason con Angelo Callipo ed Elisabetta Mason

La dura vita degli emigranti negli anni della dittatura  fascista. Questo il filo conduttore di "Sono l'idolo di Brodue" lo spettacolo di Elisabetta Mason con Angelo Callipo ed Elisabetta Mason in programma domani, sabato 29 dicembre 2012, ore 21.00 a Venezia presso lo storico Teatro de l'Avogaria ( Dorsoduro 1607). 

Negli anni del fascismo, Mussolini, in nome di una idea tutta sua di italianità, cercò di contenere la grande migrazione italiana in America, ma allo stesso tempo, in nome di quella stessa italianità, favoriva la partenza di chi avrebbe potuto tenere alto il nome e l'orgoglio dell'Italia in terra straniera, ovvero scienziati e artisti. Erano loro, secondo il Duce, il vero veicolo dello spirito italico nel mondo. A questi intellettuali "emigranti" è dedicato lo spettacolo. La storia di un attore che vuole andare a recitare nei grandi teatri della 'Merica e per questo si inventa una vera e propria compagnia di attori, solo che questi attori non sono altro che contadini. Una satira pungente e brillante che attraverso la critica del Fascismo vuole mettere a nudo le criticità di tutti i regimi dittatoriali ed oppressivi.

L'Associazione Teatro a l'Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Cà Foscari di Venezia, e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d'improvvisazione teatrale tra la Commedia dell'Arte e le Teorie dell'Avanguardia. In più di quarant'anni di attività ha prodotto oltre sessanta spettacoli tra cui la "Commedia degli Zanni" rappresentata con successo sui più importanti palcoscenici internazionali. Riconosciuta come uno dei centri di formazione professionale di riferimento nel Triveneto, ogni anno organizza corsi, dedicati ad appassionati e professionisti, su discipline quali recitazione, Commedia dell'Arte, dizione, storia del teatro, canto, tecnica dell'interpretazione.

Lo spettacolo su prenotazione telefonica ai numeri 0410991967-335372889 , avogaria@gmail.com



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Teatro La Cometa - L'armadio di famiglia

8-27 gennaio
TEATRO LA COMETA
 
NELL'AMBITO DEL MESE DEDICATO ALLA MEMORIA
in collaborazione con Casa dello Spettatore (A.G.I.T.A.)
Compagnia Teatri d'Imbarco
presenta
Beatrice Visibelli
 in
L'armadio di famiglia
di Nicola Zavagli
con Giovanni Esposito, Marco Natalucci
Marco Cappuccini, Caterina Carpinella, Marco Laudati, Chiara MartignoniValentina Testoni

Regia Nicola Zavagli, canzoni originali Chiara Riondinoscene e luci Fabio De Pasquale, costumi Cristian Garbo e datore luci Nicolo Ghio, coordinamento organizzativo Valentina Cappelletti,organizzazione Cristian Palmi, Giulia Attucci.

Prodotto da Teatri d'Imbarco con il sostegno di Regione Toscana

Firenze, autunno del '43. Quartiere San Frediano. Un armadio cela il nascondiglio di speranza che servirà per sfuggire alle persecuzioni razziali e guadagnarsi la salvezza. Sullo sfondo una guerra che tutto travolge con inaudita ferocia. In primo piano una donna, Clara, sola con i suoi figli, la sua famiglia, che diventa l'inaspettata protagonista di una vicenda di profondo amore e rispetto per la vita. Clara, energica levatrice, che fa partorire al ritmo del Canto di Ulisse, che gira di giorno e di notte, e corre ovunque a far nascere figli. Ma degli estranei le piombano in casa all'improvviso. "Ebrei? Come ebrei?" Cosa fare? Qual è la strada giusta per non fare del male agli altri e proteggere la propria famiglia? La commedia si dipana come una cronaca famigliare, tingendosi di giallo con un finale a sorpresa, in una corsa contro il tempo che lascia col fiato sospeso. Un noir a tinte civili che scivola lungo il filo delle emozioni, coi tratti del montaggio cinematografico e i tempi della drammaturgia popolare, a volte tragica, a volte spiritosa, ora amara, ora solenne. Un piccolo, palpitante affresco di una città, di un momento della nostra Storia, scandito da un uso sapiente dei dialetti - fiorentino e napoletano - che si rifà alla tradizione di Napoli milionaria! Per ricordarci cosa significa vivere con la guerra in casa. Per ricordarci che "della guerra bisogna aver paura... prima!"

Il testo è edito da Editoria & Spettacolo con prefazione di Rodolfo DI Giammarco e postfazione di Ugo Caffaz.

 
TEATRO LA COMETA
Via del Teatro Marcello 4 Roma Tel. 06 6784380
 
biglietti
iteri € 25,00 - € 18,00
ridotti € 18,00 - € 14,00 

orario degli spettacoli
dl martedì al venerdì: ore 21.00
Il sabato doppio spettacolo: ore 17.00 e ore 21.00
La domenica: ore 17.00
Il primo giovedì di programmazione: ore 17.00

La Compagnia Teatri d'Imbarco
Nasce nel 2003 dalla volontà di formalizzare il lungo sodalizio artistico e professionale tra Nicola Zavagli, drammaturgo, sceneggiatore e regista, e l'attrice Beatrice Visibelli. Nicola Zavagli, autore di vari lavori teatrali, ha scritto sceneggiature per Alessandro Benvenuti (Belle al bar, Ivo il tardivo) e per Ugo Chiti (La seconda moglie) ed è stato finalista al Premio David di Donatello, al Ciak d'oro e al Premio Solinas. Ha vinto il Nastro d'argento. Beatrice Visibelli si diploma alla Bottega di Gassman, debutta con Walter Chiari e Renato Rascel, lavora con importanti registi come Giancarlo Sepe, Antonio Calenda, Furio Bordon, Barbara Nativi, Cristina Pezzoli, affianca attori come Glauco Mauri, Isa Danieli e Piera Degli Esposti. Con loro ci sono l'attore Giovanni Esposito, Regina Piperno e il musicista Vladimiro D'Agostino, a cui si aggiungono in seguito Cristian Palmi e Giulia Attucci come organizzatori, e un gruppo di giovani attori. La Compagnia ha sede operativa a Firenze, dove dirige anche la Scuola di Teatro L'Imbarco e gestisce il Teatro delle Spiagge, centro di produzione, formazione e programmazione di spettacoli. Dal 2003 ha prodotto numerosi spettacoli con testi e regia di Nicola Zavagli e protagonista Beatrice Visibelli, tra cui: La cameriera di PucciniLola movieUna pedalata lunga un secoloUna spiaggia lunga cent'anniQuanta strada ha fatto Bartali!  


--
Redazione del CorrieredelWeb.it


giovedì 27 dicembre 2012

AL TEATRO A L’ AVOGARIA UN CLASSICO DI GOLDONI : "IL SERVITORE DI DUE PADRONI"

Venerdí 28 dicembre 2012 presso lo storico teatro di Venezia
 
 AL TEATRO A L' AVOGARIA UN CLASSICO DI GOLDONI : "IL SERVITORE DI DUE PADRONI"
 
Un'originalissima versione per baracca e burattini, da una idea di Piermario Vescovo e Antonella Zaggia interpretato dal "Teatro dell'Orso in Peata "

Un Natale da passare a Teatro. Continua il ricco cartellone di appuntamenti proposto a Venezia dallo storico Teatro de  l'Avogaria ( Dorsoduro 1607).

Venerdi 28 dicembre 2012 alle 21.00, va in scena un classico goldoniano " Il servitore di due padroni " per baracca e burattini, da un'idea di Piermario Vescovo e Antonella Zaggia, interpretato dal " Teatro dell'orso in peata ".  Una originalissima versione della celebre piece goldoniana che vede cinque attrici impegnate a dar vita – dentro e fuori la baracca, manovrando i burattini e lasciandosene trasportare – a tutti i personaggi della commedia. Uno spettacolo che vuole riscoprire la "meccanica" scenica della commedia goldoniana, svelandone i trucchi ed i segreti del suo fascino. Come dicono gli interpreti stessi, " una piece teatrale che ricorda una raccolta di cover, quelle canzoni che tutti conoscono e che gli artisti continuano a reinterpretare e proprio per questo piacciono ed il pubblico si diverte rivedere più volte".

Il gruppo "Teatro dell'orso in peata "é stato fondato nel 1988 da Eugenio Facchin, Piermario Vescovo, Antonella Zaggia, e si é dedicato prevalentemente alla tradizione teatrale veneziana e veneta e alla riscoperta del teatro di figura, con particolare predilezione per l'antica tradizione del teatro di burattini, privilegiano la specificità dell'ambiente volta per volta scelto nelle messinscene, con particolare riguardo alla teatralizzazione di luoghi e spazi prevalentemente non teatrali.

L'Associazione Teatro a l'Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Cà Foscari di Venezia, e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d'improvvisazione teatrale tra la Commedia dell'Arte e le Teorie dell'Avanguardia. In più di quarant'anni di attività ha prodotto oltre sessanta spettacoli tra cui la "Commedia degli Zanni" rappresentata con successo sui più importanti palcoscenici internazionali. Riconosciuta come uno dei centri di formazione professionale di riferimento nel Triveneto, ogni anno organizza corsi, dedicati ad appassionati e professionisti, su discipline quali recitazione, Commedia dell'Arte, dizione, storia del teatro, canto, tecnica dell'interpretazione.

 

Lo spettacolo  su prenotazione telefonica ai numeri 0410991967-335372889 , avogaria@gmail.com
 
Info: Sabino Cirulli - Ufficio Stampa
Tel. 349 2165175








--
Redazione del CorrieredelWeb.it


mercoledì 26 dicembre 2012

CASALINGHE SOCIAL CLUB

TEATRO BELLI 

Piazza Sant'Apollonia, 11/a  - 00153 Roma Tel. Biglietteria  - 06.5894875 - Fax 06.5897094 info@teatrobelli.it - www.teatrobelli.it




dall'11 dicembre al 6 gennaio 

orario spettacoli: dal martedì al sabato 21.00 – domenica 17,30 – lunedì riposo

25-26 dicembre ore 21,00 – 31 dicembre ore 19,30 e ore 22,00 - 1 gennaio ore 17,30 

prezzi: Intero € 18,00 - Ridotto 13,00



TEATRO BELLI presenta

CASALINGHE SOCIAL CLUB

di Rosa A. Menduni e Roberto De Giorgi



con

Francesca Bianco, Diana Detoni, Anna Casalino, Monica Belardinelli

Musiche originali Francesco Verdinelli

Regia di Carlo Emilio Lerici





Credi fermamente che nella tua vita debba esserci altro che non sia solo pulire, lavare, spazzare, cucinare, apparecchiare, stirare e portare a spasso il cane dei tuoi figli, e lo credi al punto di mollare tutto e di andare a pulire, lavare, spazzare, cucinare, apparecchiare, stirare a casa d'altri, dove almeno ti pagano?

Sospetti che tuo marito ti sia infedele e il tuo tempo lo passi a controllare chiamate ed SMS, frugare tasche, analizzare estratti conto, architettare ipotesi, studiare il detto e il non detto, guardarlo mentre dorme aspettando che si tradisca nel sonno, nelle pause gli spii il profilo Facebook e ti auguri di "beccarlo" presto, così puoi divorziare e finalmente cominciare a rilassarti anche tu?

Sei assolutamente convinta di essere più giovane di quel che dice lo specchio, di assomigliare ancora alla foto a bianco e nero sulla patente, ti pesi di nascosto, mangi carote bollite, progetti il primo "interventino" estetico e ti sorprendi a fissare con un pizzico di invidia ogni figura femminile snella e scattante, anche se si tratta di tua figlia?

Se ti riconosci in uno di questi tre profili e pensi che gli altri due appartengano a delle povere squilibrate mentre tu sei una persona assolutamente normale, beh, allora hai un problema, ma statisticamente fai parte di una maggioranza molto ampia.

Se invece tu non sei affatto così e, soprattutto, non vuoi diventare così, non illuderti: la vita riserva spesso delle sorprese e un giorno potresti scoprire di far parte anche tu del Casalinghe Social Club!

Dagli stessi autori del grande successo comico "Sto un po' nervosa", un nuovo esilarante spettacolo tutto al femminile.



SPECIALE CAPODANNO - DOPPIO SPETTACOLO 



Ore 19,30 - euro 30,00

Per chi poi va a fare il cenone, brindisi e rinfresco con gli attori a fine spettacolo.



Ore 22,00 - euro 50,00

Per festeggiare insieme la mezzanotte con brindisi, lenticchie e cotechino.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


IL CIELO SOPRA ROMA rassegna multiculturale - 28/30 DICEMBRE TEATRO DEI CONTRARI





Il cielo sopra Roma

dal 28 al 30 dicembre 2012

Teatro dei Contrari di Roma
via Ostila 21



Il Teatro Dei Contrari di Roma in collaborazione con la Provincia di Roma organizza dal  28 al 30 dicembre 2012 Il cielo sopra Roma una rassegna multiculturale che ha come intento quello di proporre al pubblico un momento di scambio e di diffusione dell'arte e delladrammaturgia provenienti da varie parti del mondo.

Monologhi di autori ed attori senegalesi, poesie indiane e siriane, pellicole provenienti dall'Iran e dalla Turchia e musica classica russa sono le protagoniste delle tre serate. Chich Bayefall, Stavrogyn Ensemble e Alessandro D'Agostini sono alcuni degli ospiti che prendono parte alla rassegna che si concluderà il 30 dicembre con un buffet di cucina indiana offerto al pubblico.


Il cielo sopra Roma
dal 28 al 30 dicembre 2012
dalle ore 17.00
Teatro dei contrari
via Ostilia 21 Roma
ingresso gratuito
.00 tessera associativa
Info teatrodeicontrari@virgilio.it
cell. 348.9602600








--
Redazione del CorrieredelWeb.it


SALA UMBERTO DI ROMA dal 26 dicembre







26 dicembre 2012 - 20 gennaio 2013

Bis 3000 e Viola produzioni



Presentano in 

PRIMA NAZIONALE 



Gian Marco Tognazzi Bruno Armando            



IL ROMPIBALLE

di Francis Veber



con  Renato Marchetti,  Fausto Sciarappa,  Stella Egitto



regia 

Andrea Brambilla





Veber è riconosciuto come uno dei più importanti sceneggiatori europei: un alchimista rigoroso, che conosce alla perfezione le ricette della comicità e che trae dai dettagli della natura umana spunti per far nascere personaggi coinvolgenti e divertenti perché in fondo sempre un po' veri.

Il rompiballe è considerato un capolavoro della drammaturgia comica mondiale.  Da questo testo teatrale sono stati tratti due film di grande successo: L'emmerdeur di Molinaro con Lino Ventura e Buddy Buddy di Billy Wilder con Jack Lemmon e Walter Matthau.



In una stanza d'albergo, Ralph, un killer professionista molto quotato nel suo ambiente, serio, meticoloso, che ha sempre rispettato alla lettera ogni contratto, sta per portare a termine la "missione" più importante della sua vita. Tutto è stato predisposto fin nel minimo dettaglio, ma il malvivente non ha fatto i conti con il destino che gli appioppa come vicino di stanza tale Francois Pignon, imbranato vulcanico instancabile pasticcione….







Note di regia

Quando Pignon si muove è peggio del classico elefante in una cristalleria. Ora si tratta, nell'apprezzare l'opera, di gestire "la cristalleria" ma soprattutto "l'elefante". Muovendosi ingenuamente in modo goffo, l'Elefante non può rompere qualsiasi oggetto gli capiti; lui è troppo abile nel cercare ed individuare cosa rompere per esasperare al meglio la malcapitata Cristalleria.











Pignon è forse più egoista che in altre circostanze; il risultato però è pur sempre comicamente bambinesco, grazie all'ingenuità spontanea di un uomo per cui "due più due...fa sempre quattro", chiunque faccia i conti.



La forza del Rompiballe è riuscire a rappresentare una forma di realtà che per molti sembra non esistere, tanto sembra forzata. Come diceva Shakespeare "Tutto il mondo è teatro, uomini e donne nient'altro che attori".





SALA UMBERTO

Via della Mercede, 50

(06. 8068723169925819/ 06.6794753

Prezzi: da  € 32 a € 12

Orari: dal martedì al sabato ore 21, mercoledì 9 ore 17, sabato ore 17 e 21, domenica ore 17, 

martedì 1 gennaio riposo



La sera di Capodanno lo spettacolo è alle ore 21,30

Ci sarà un buffet prima dello spettacolo e un brindisi con cotechino e lenticchie con gli artisti.

Il costo della serata è da 120 a 60 € con o senza cena 



Ufficio stampa Sala Umberto Silvia Signorelli

+39 338 99183939 signorellisilvia@libero.it   








--
Redazione del CorrieredelWeb.it


giovedì 20 dicembre 2012

A MIRA TRE SERATE SPECIALI CON MIRKO ARTUSO, GUALTIERO BERTELLI E CARLO&GIORGIO

In tempi di crisi scommettere sul Teatro? Mescolare i registri e i generi teatrali all’insegna della voglia di incontrarsi per vivere in comune l’esperienza della scena? A Mira si fa.
Così, accanto alla stagione di prosa “Azioni Reazioni” e alla rassegna per bambini “Famiglie a Teatro”, l’assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con La Piccionaia-I Carrara Teatro Stabile di Innovazione, propone tre appuntamenti “speciali” tra gennaio e febbraio per tutti i gusti, incrementando l’offerta già ricca del Teatro Villa dei Leoni.
Gli eventi saranno a costo zero per l’Amministrazione Comunale, grazie alla collaborazione de La Piccionaia – I Carrara e delle compagnie ospitate.
Si comincia l’11 gennaio alle 21 con la prima nazionale de “LA LOCANDIERA” di Goldoni per la regia di Mirko Artuso, si prosegue il 21 gennaio alle 21 con l’evento che festeggerà i dieci anni della Compagnia delle Acque diGualtiero Bertelli con ospiti d’eccellenza (da Moni Ovadia a Marco Paolini) e infine il 3 febbraio all’insegna del divertimento con Carlo&Giorgio.
Appuntamenti tra loro differenti per genere, con l’obiettivo di ampliare l’offerta teatrale in diverse direzioni e venire incontro alle preferenze di tutto il pubblico.
Il filo conduttore della manifestazione sta nel rapporto privilegiato degli artisti con il Teatro Villa dei Leoni e con La Piccionaia-I Carrara: Mirko Artuso ha deciso infatti di debuttare proprio a Mira dove per tanti anni lavorò con associazione del sociale e nell’ambito della disabilità; Bertelli festeggia in casa il decennale della Compagnia delle Acque, nella “sua” Mira in un Teatro che da sempre ne ha ospitato il percorso artistico; per il duo Carlo&Giorgio, amatissimo dal pubblico mirese, è un ritorno all’ironia che sa interpretare la “venezianità”.
IL PROGRAMMA. Venerdì 11 gennaio 2013 la giovane compagnia NOS Nuovo Orizzonte Spettacolo debutta con “La Locandiera” di Goldoni per la regia di Mirko Artuso. Sul palco alcuni dei talenti riconosciuti del teatro contemporaneo: da Andrea Pennacchi a Sarah Biacchi, Daniele Marmi, Michele Mori, Davide Strava, Davide Dolores e Luca Rodella. Mirko Artuso propone un allestimento feroce e spiazzante nel segno dell’eterna guerra fra i sessi, portando in scena un ritmo comico vorticoso che richiama la grandezza di Goldoni.
Il 21 gennaio sarà sul palco l’organico completo della Compagnia delle Acque, il gruppo diretto da Gualtiero Bertelli che negli anni ha accolto vari musicisti al suo interno. Saranno a Mira per una serata-evento unica, arricchita dalla presenza di ospiti importanti del mondo della letteratura e del teatro che hanno collaborato in questi anni con l’ensemble veneziano: daGian Antonio Stella a Marco Paolini, da Moni Ovadia Edoardo Pittalis, da Titino Carrara a Carlo Presotto.
Infine il 3 febbraio, in pieno carnevale veneziano, tornano a Mira Carlo&Giorgio per un doppio appuntamento (alle 17 e alle 21) con il nuovo spettacolo “Visti da Vicino”: un lavoro nato dall’osservazione della vita quotidiana lavorativa di ognuno di noi che parte dal presupposto che “la realtà, si sa, supera di gran lunga la fantasia” in fatto di comicità.
I biglietti avranno prezzi e modalità di prevendita differenziati.
INFO > Ufficio Teatro Villa dei Leoni
tel. 041.42.66.545

mercoledì 19 dicembre 2012

VICENZA, “ALICE, CHE MERAVIGLIA!”: LA NUOVA PRODUZIONE PICCIONAIA PER “FAMIGLIE A TEATRO”

Un viaggio nel Paese delle Meraviglie insieme alla Duchessa, al Gatto Persiano, al saggio Bruco, al Cappellaio Matto, al Re e alla Regina di Cuori: è liberamente ispirato al personaggio più famoso di Lewis Carroll “ALICE, CHE MERAVIGLIA!”, la nuova produzione La Piccionaia – I Carrara Teatro Stabile di Innovazione che approda domenica 23 dicembre al Teatro Astra di Vicenza.
Lo spettacolo, che era stato inizialmente programmato in apertura del cartellone 2012-2013 di FAMIGLIE A TEATRO, ma rinviato a causa del rischio alluvione che ha interessato la città di Vicenza, andrà in scena in doppia replica alle 15 e alle 17.
Ideato e diretto da Ketti Grunchi insieme a Evarossella Biolo, Beatrice Niero Matteo Cremon, “ALICE, CHE MERAVIGLIA!” racconta la storia di un viaggio lungo il territorio del “meraviglioso”, dove lo stupore e il non-sense si alternano alla comicità e alla poesia dell’immagine.
“Alice cerca conferme al proprio modo di essere e alla propria identità attraverso la relazione e il confronto con il “diverso da sé”: creature a volte folli, altre volte geniali, oppure tenere o fragili – spiega Ketti Grunchi -. I personaggi più curiosi – dal Cappellaio Matto al Gatto Persiano – aiutano, stupiscono, interrogano o provocano Alice, in un’altalena di trasformazioni e risposte a domande assurde. Alice si avventura in un mondo onirico in cui logica, proporzioni e rapporti spaziali sono stravolti, cercando una risposta alla domanda più importante di tutte: chi sono? Sono io la Alice giusta? Ma, alla fine, il paese delle Meraviglie è solo un sogno… il “suo” sogno! Il sogno di tutti i bambini che crescono, in cerca di risposte alle domande che la vita sempre, puntualmente, ci pone”.
ALICE, CHE MERAVIGLIA!”, interpretato da Evarossella Biolo, Francesca Botti e Matteo Cremon, è uno spettacolo fatto d’immagini, musica, ritmo, rime, giochi di parole e suoni capaci di accompagnare lo spettatore in mondi fantastici e irreali. Nello spazio della storia si alternano il lavoro d’attore – figlio di un teatro popolare – e giochi di parole, filastrocche, canzoni e balletti a creare divertimento, ironia e tenerezza.
Lo spettacolo è adatto ai bambini a partire dai 5 anni di età. 
ALICE, CHE MERAVIGLIA!” andrà in scena al Teatro Astra dopo un lungo percorso produttivo che ha anche attraversato la città lo scorso 1 settembre con il progetto “Alice nella città delle meraviglie”: un percorso ludico, teatrale e laboratoriale a tappe realizzato con il coordinamento di Ketti Grunchi e in collaborazione con Arciragazzi.
Prima e dopo gli spettacoli sarà attivo il punto di ristoro Equobar, con i suoi prodotti di caffetteria, pasticceria e snack equosolidali, biologici e a km zero.
Attivi come sempre i due parcheggi gratuiti: per la replica delle 15 presso il Circolo Tennis (accesso da Contrà della Piarda – dopo Contrà Barche a sinistra), per quelle delle 17 nel parcheggio della Provincia di fronte al Teatro. I parcheggi hanno una capienza limitata: si consiglia di arrivare un’ora prima dell’inizio di ogni replica per assicurarsi il posto.
biglietti (intero 6,50 euro, ridotto carta 60 ed enti convenzionati 5 euro, ridotto bambini 4 euro, diritto di prevendita 0,50 euro) sono in vendita negli uffici del Teatro Astra con orario 9.30-13 e 15-18. Inoltre, anche quest’anno torna lapromozione “Porta il nonno a teatro”: un nonno e due nipoti entrano a teatro con 10 euro. Fino al 23 dicembre è inoltre possibile acquistare i carnet di Natale: 4 spettacoli a scelta al costo di 20 euro per gli adulti e 16 per i bambini.
Il giorno di spettacolo il botteghino apre alle ore 14.

Roma Fringe Festival WinterTime: 7 spettacoli per 7 giorni



In attesa dell'edizione 2013, arriva il Roma Fringe Festival WinterTime, una versione "speciale" della kermesse estiva...con spettacoli selezionati e provenienti dal Roma Fringe Festival 2012

Spettacoli in grado di parlare a tutti - senza perdere di vista l'ironia, i contenuti e l'arte - in scena nello spazio coperto di Piazza dell'Immacolata (San Lorenzo), dal 20 al 30 dicembre 2012. 

Per saperne di più: www.fringeitalia.it

INGRESSO GRATUITO. 

Giovedì 20 dicembre: "Venerdì – Terra senza terra" della Compagnia Demix, uno spettacolo originale dove l'arte del teatro incontra e sposa le nuove tecnologie affrontando con attenzione un tema di forte attualità: la questione palestinese.

Venerdì: 21 dicembre: spazio alla commedia intelligente con "Horse Head" di Damon Lockwood con Sebastiano Gavasso e Diego Migeni per la regia di Leonardo Buttaroni, uno degli spettacoli più apprezzati della stagione, e che rappresenterà l'Italia al Fringe Festival di New York nel 2013.

Sabato 22 dicembre: con i Presi Per Caso l'attenzione si sposta sulla condizione carceraria, grazie a "Nella Mia Ora di Libertà", un esempio di teatro canzone "militante" ben riuscito, ironico e coinvolgente

Domenica 23 dicembre: alle 18.00 propone una grande festa pomeridiana, destinata a grandi e piccini: Celestina Je l'emo fatta, uno spettacolo – esperimento nato dal lavoro di Elena Succhiarelli, psicologa e attrice che riflette sull'infanzia attraverso il meraviglioso gioco del Teatro.

Venerdì 28 dicembre:  una delle più originali nuove drammaturgie presentate durante il Roma Fringe Festival, "Binario 2 – Sotto la panca la capra crepa", di Pasquale Passaretti con Luigi Morra. Un racconto delicato e intimo, a tratti poetico, che con il sorriso accompagna lo spettatore lungo la strada dell'immaginazione.

Sabato 29 dicembre:  "Popolo Bue"di e con Francesco Pompilio, va in scena una rivisitazione intelligente e accurata del cult "La Fattoria degli Animali" con la regia di Angelo Libri

Domenica 30 dicembre sempre alle ore 21.00, protagonista della serata arriva una carrellata di gag, stand up comedy e cabaret con la squadra di Grog.

 





--
Redazione del CorrieredelWeb.it

martedì 18 dicembre 2012

Donne e Immigrazione - incontro Lampedusa/Garbatella



TEATRO AMBRA GARBATELLA

Giovedì 20 dicembre alle 19.00

(prima dello spettacolo "La città di Plastica")

Donne e immigrazione: la trappola del mare.

Incontro con la sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini

a cura dell'on. Jean Leonard Touadì

L'on Jèan Leonard Touadì ha accolto con partecipazione l'appello che Giusi Nicolini ha rivolto all'Europa e con la Compagnia della Luna, compagnia teatrale di Nicola Piovani che produce La città di plastica, ha deciso di convocare questo incontro. Lampedusa, vive un dramma in maniera diretta e ravvicinata, un dramma che dovrebbe coinvolgere tutti. Lo scorso 4 novembre un barcone è naufragato tra la Libia e Lampedusa, in mare sono stati recuperati 11 corpi, senza fare notizia. "Ho lanciato questo appello all'Europa - spiega la Nicolini - per riaccendere le coscienze. Lo so che viviamo un momento di grave crisi. Ma la morte in mare di queste persone non può passare inosservata. Da quando sono diventata sindaco, a maggio scorso, mi sono stati consegnati già ben 21 cadaveri. E non conosciamo il numero delle persone rimaste in fondo al mare e che nessuno cercherà mai".

 

intervengono:

Giusi Nicolini (Sindaco di Lampedusa)

Laura Boldrini (portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati - UNHCR),

Shukri Said (Associazione Migrare)

Bengesi Battisti (Sindaco di Corchiano – Associazione dei Comuni Virtuosi)

Silvia Resta (giornalista, autrice con Francesco Zarzana de La città di plastica)

Norma Martelli (regista de La città di plastica)

 

dal 18 al 23 dicembre

Foyer del Teatro Ambra alla Garbatella

 Tutto sulla sua testa

Mostra fotografica a cura del WFP – Programma Alimentare Mondiale

 Tutto sulla sua testa, una collezione di fotografie che gli operatori umanitari del WFP, il Programma Alimentare Mondiali delle Nazioni Unite che combatte la fame nel mondo, hanno scattato in vari Paesi del Sud del Mondo negli ultimi 30 anni. Le immagini sono tutte caratterizzate da soggetti femminili che trasportano cibo sulla testa e intendono raccontare il ruolo chiave delle donne nel garantire un futuro migliore alle famiglie e alla propria comunità.





--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Per ricordare Tito Piscitelli - Teatro Vascello

venerdì 21 dicembre ore 21

al Teatro Vascello di Roma (Sala Studio)

Una serata per ricordare Tito Piscitelli

con Manuela Kustermann, Danilo Nigrelli, Arturo Cirillo, Fabrizio Parenti, Nuccio Siano e tanti altri amici.


Regista teatrale, 42 anni, napoletano, Attilio "Tito" Piscitelli è stato ucciso il 24 novembre durante una rapina a Salvador de Bahia, la città in cui viveva da anni. Prima di trasferirsi in Brasile aveva firmato spettacoli da testi di Mishima, Müller, Bernhard, Von Mayerburg e Fassbinder. In Brasile aveva collaborato con varie associazioni per il recupero dei ragazzi a rischio. Uno dei suoi progetti più importanti si intitolava "Todos nós-Tutti noi" e coinvolgeva cinquanta adolescenti dei Quartieri Spagnoli e di Salvador de Bahia. Lo spettacolo è andato in scena al Mercadante di Napoli e al Teatro Vascello di Roma nel 2006.

Alla serata in sua memoria, che si svolgerà al Teatro Vascello il 21 dicembre alle 21, parteciperanno tra gli altri Manuela Kustermann, Danilo Nigrelli, Arturo Cirillo, Fabrizio Parenti, Nuccio Siano, Patrizia Zappa Mulas che leggeranno brani dai suoi autori preferiti.

ingresso libero 


Teatro Vascello
Via G. Carini, 78 - Roma




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.