CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

lunedì 30 giugno 2014

Cantastorie,‭ ‬amore e poesia in una serata estiva

Colori,‭ ‬paesini,‭ ‬usanze e personaggi.‭ ‬Voci di piazza mentre la narrazione scorre su un palco dentro una particolare magia ed un mazzo di fiori che sboccia da una valigia.‭ ‬Sapore amaro del mondo attuale che si mescola all'interno della sensazione di una rinascita sentita e voluta.

Una storia,‭ ‬un sogno.‭ ‬Un linguaggio che si articola tra le diverse forme dialettali del centro-sud accende corde emozionali,‭ ‬vibrano.‭ ‬Groppi d'amore nella scuraglia coinvolge e appassiona il pubblico del Roma‭ ‬Fringe Festival‭ ‬2014.‭ ‬Una produzione‭ ‬Carichi Sospesi,‭ ‬ha visto sul palco Silvio Barbiero diretto da Marco Caldiron,‭ ‬in scena dal‭ ‬25‭ ‬a‭ ‬27‭ ‬giugno a Villa Mercede.
Il testo ben interpretato è di Tiziano Scarpa.‭ ‬Dirompente,‭ ‬affascinante e incantevole.‭ ‬Denso di poesia e modi di dire,‭ ‬dove la scoperta di termini è un entrare in contatto con le tradizioni di piccoli paesi,‭ ‬piccole dimensioni,‭ ‬che,‭ ‬nell'Italia di oggi rimangono misteri,‭ ‬quasi come nelle fiabe.‭ ‬In contrapposizione netta con la rapidità e lo squallore che il moderno ci riserva.

Le chiavi di lettura possono essere diverse.‭ ‬Ma,‭ ‬credo,‭ ‬quella centrale,‭ ‬sia la rinascita,‭ ‬un coraggio animato per uscire fuori dalla‭ ‬mondezza circostante,‭ ‬quasi una metafora politica del quotidiano.
Silvio Barbiero,‭ ‬insieme di mimica dolce e raffinata,‭ ‬si dimena nello spazio tra una sedia ed una valigia antica,‭ ‬in pelle,‭ ‬che sta in terra,‭ ‬dalla quale escono anche dei fiori‭!
Le scene a cura di Paolo Bandiera sono i movimenti che l'attore ha lavorato per far comprendere agli astanti ciò che recitava.

Accompagnato dalle musiche di Sergio Marchesini e Debora Petrina,‭ ‬Silvio Barbiero si presenta con pantaloni gessati,‭ ‬una giacca stile frack a quadrettoni,‭ ‬un gilet colorato a righe,‭ ‬dando l'idea di un‭ ‬saltimbanco,‭ ‬così riccioluto e barbuto,‭ ‬sembrava gli mancasse solo un naso rosso al naso.‭ ‬Il costume,‭ ‬per opera di Anna Cavaliere,‭ ‬l'ho trovato ben adatto alla parte disegnata su misura per Silvio Barbiero.‭ 

La narrazione di un amore non corrisposto tra Scatorcio e Sirocchia,‭ ‬la‭ ‬manifestanza della piazza,‭ ‬le voci di paese e dei suoi cittadini che si trasformano in personaggi,‭ ‬si confondo e si ricongiungono tra le note della taranta e di campanelli.‭ 

Una lingua che si intuisce,‭ ‬anche se inventata,‭ ‬riesce a testimoniare l'importanza del richiamo al‭ ‬grammelot.‭ ‬In effetti,‭ ‬il nostro‭ ‬saltimbanco,‭ ‬sottolinea ilarità e il modo giullaresco di assemblare suoni,‭ ‬onomatopee,‭ ‬parole e foni privi di significato,‭ ‬articolando un discorso dandogli ritmo ed intonazione.

Il dialogo con Gesù diviene parodia,‭ ‬anche.‭ ‬Coraggioso l'intento e con sentimento nostalgico,‭ ‬del desiderio di un nuovo incontro,‭ ‬si pensa che‭ ‬ci vuole coraggio,‭ ‬Gesù,‭ ‬a tornà ogni anno in questo mondo…Come anche la conversazione con il nonno si trasforma in comicità semplice e di spessore.‭ ‬Un personaggio,‭ ‬un monologo,‭ ‬una voce.‭ ‬Così la fantasia ha preso vita.‭ ‬E‭' ‬un tramite,‭ ‬la fantasia,‭ ‬e,‭ ‬con certezza,‭ ‬si può sviluppare poesia nuova mettendo in fila tutte le assonanze del pezzo di Scarpa.‭ ‬

Notte nottosa‭ ‬/‭ ‬Luna‭ '‬sa zittà‭ ‬/‭ ‬silenzio di parola‭ ‬Si spengono le luci dopo lunghi applausi e dopo la notizia che‭ ‬Groppi d'amore nella scuraglia è in finale al Fringe non ci resta che sperare che questa visone/spaccato di Paese venga accolto nel migliore dei modi per far sognare ancora tutti,‭ ‬chi vuole imparare a farlo per migliorare e sperando in un mondo più‭ ‬pulito.

Annalisa Civitelli

Pescara: domani 1 luglio inizia Funambolika al teatro d'Annunzio


FUNAMBOLIKA  APRE CON IL GRAN GALA DU CIRQUE
Acrobati e trapezisti da Mosca e Monte Carlo insieme a Pescara
l'1 luglio per uno spettacolo irripetibile.

Il festival Funambolika inaugura l'ottava edizione con i fuoriclasse del circo mondiale: da Mosca e Monte Carlo un Gran Gala du Cirque tutto nuovo al Teatro D'Annunzio. Considerato il massimo appuntamento italiano di circo, il Gran Gala du Cirque riempie da sette anni il Teatro D'Annunzio con affluenze record e appassionati da tutta Europa. Per l'inaugurazione dell'edizione 2014 di domani martedì 1° luglio alle 21.15 si prevede un'altra serata irripetibile, appositamente creata per Pescara, tra suspence, poesia e risate.

Al centro dell'attenzione c'è la prima visita in Italia di allievi dell'Ecole Nationale du Cirque di Montreal, la scuola circense più prestigiosa del mondo, in cui le tecniche si combinano ai più alti livelli con coreografia e danza, e forma i nuovi talenti che andranno poi al Cirque du Soleil. Gli artisti proposti a Pescara si sono formati in Canada ma sono di nazionalità francese e sono alla loro prima esibizione professionale in Europa. Si tratta di tre numeri: quello di Pierre-Antoine Chastang, in una coreografia acrobatica con la ruota "cyr", un attrezzo che ricorda l'uomo di Leonardo dando vita a vere sculture viventi; l'acrobazia aerea di Jerome Sordillon, che in una dimostrazione mozzafiato di forza, appeso alle cinghie a sette metri di altezza senza protezione, fa incontrare l'acrobazia con la danza contemporanea; e l'esibizione dei trapezisti Duo Emotion, che ha già trionfato nel gennaio scorso al Cirque de Demain di Parigi, il più prestigioso concorso al mondo di nuovo circo. Il leggendario Circo di Mosca parteciperà al Gran Gala di Pescara con l'acrobata aerea Anna Volodko, che ha ultimamente trionfato al Big Apple Circus di New York, e il giocoliere Dmitry Chernov, che è entrato nel Guinness dei Primati per aver tenuto in aria nove palloni da calcio.

Non può mancare la comicità: ospite d'onore di questa edizione è un artista italiano famoso nel mondo che manca nel nostro Paese da 15 anni. Si tratta del clown Fumagalli, di antica tradizione (suo padre fu il protagonista del film "I Clowns" di Fellini): vincitore del Clown d'Argento a Monte Carlo, è reduce da sei mesi di repliche al Cirque d'Hiver di Parigi.
Infine, una sorpresa: a grande richiesta del pubblico pescarese torna un gruppo di artisti che qualche anno fa ha lasciato a Funambolika un ricordo indelebile. Si tratta degli acrobati Pellegrini Bros, autori di uno dei più grandi numeri della storia del circo: vincitori del Festival di Monte Carlo, si sono esibiti al Madison Square Garden e per sette anni consecutivi al Lido Di Parigi.
Il Gran Gala richiede un intero anno di casting in tutto il mondo da parte del curatore Raffaele De Ritis e di Alessandro Serena, docente di Storia del Circo all'Università di Milano.

Posti numerati 18 euro, gradinate 10 euro. Bambini fino a 12 anni: 5 euro in ogni ordine. È previsto un abbonamento adulti a 15 euro per i due spettacoli al d'Annunzio. È possibile acquistare i biglietti su www.ticketone.it o in prevendita presso l'Auditorium Flaiano (tel. 085.6920057) e al primo piano di via Liguria, 6 (tel. 085.4221463). Le biglietterie sono aperte dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19.30. Tutte le informazioni del festival si trovano su www.funambolika.com e sulla pagina Facebook  Funambolika.

Partecipazione straordinaria a O Flos Colende

IL PICCOLO CORO MELOGRANO A "O FLOS COLENDE" CON GABRIEL GARRIDO

Il 3 luglio sul Sagrato del Duomo di Firenze nel dramma "San Ignacio"
con un repertorio rinascimentale-barocco


"È un grande onore per noi essere stati chiamati a collaborare col maestro Gabriel Garrido in un evento come O Flos Colende. Per i nostri giovani cantanti è un impegno importante che stanno affrontando con grande responsabilità nel confrontarsi con un genere musicale per loro del tutto nuovo". È stato un intenso weekend di lavoro per Laura Bartoli, direttrice del Piccolo Coro Melograno, e i suoi piccoli cantanti tra i 5 e i 13 anni. 

Saranno tra i protagonisti del dramma "San Ignacio" il 3 luglio sul sagrato del Duomo di Firenze insieme all'Ensemble Elyma e al suo fondatore l'argentino Gabriel Garrido all'interno di O Flos Colende

Prenderanno parte all'esecuzione dei villancicos all'interno di un ricco repertorio rinascimentale-barocco

Laura Bartoli ha lavorato insieme a loro, fianco a fianco con il maestro Garrido. "È un'occasione importante per me e per i ragazzi – dice la direttrice del Piccolo Coro Melograno - nonché ricca di emozioni e responsabilità. Potersi confrontare con personalità della musica internazionale e con repertori così diversi da quelli che solitamente portiamo in scena, ci permette di metterci in gioco e di crescere tutti insieme, artisticamente e nella vita".

In questo 2014 è l'ennesimo successo per il Piccolo Coro Melograno, reduce da tre vittorie in altrettanti concorsi nazionali e da una tournee di successo a Castellammare di Stabia. 

Nello scorso febbraio la corale fiorentina ha anche avviato un'altra collaborazione internazionale esibendosi con il coro Christian Broadcasting System (tutti tra i 10 e i 13 anni) della città di GwangJu (Corea del Sud).

Per informazioni: Mario Piccioli 3333149823 info@piccolocoromelograno.it

Lo chef Alessandro Borghese alla serata di apertura di Cesena Trotto 2014

STAGIONE IPPODROMO CESENA TROTTO 2014

Ospite della serata di "Ouverture" lo Chef Alessandro Borghese

"Cucinare è il mio modo di comunicare, il mio strumento di creatività.
La mia cucina inventiva e generosa, soddisfa con gusto i palati di chi ama le cose ricercate, ma non vuole rinunciare alla tradizione.
Mescolare sapori incredibili con odori semplici, ma a volte sorprendenti.
Cucinare è un atto d'amore".
Alessandro Borghese

Cucinare come atto d'amore, come cura e attenzione nei confronti dei propri ospiti: è a partire da questo concetto che Magnolia, la famosa società di produzione televisiva, intuì ormai dieci anni fa le potenzialità di un volto nuovo come quello di Alessandro Borghese. Il cuoco al quale si può facilmente assegnare la palma di primo "show-chef" televisivo. In dieci anni il mondo è cambiato, gli chef sono diventati i personaggi televisivi per eccellenza ed hanno ormai soppiantato veline e starlette, per diffondere un'arte, quella della cucina e dell'attenzione per i buoni ingredienti, che è diventata sempre più importante nella nostra cultura, tanto da essere uno dei motivi principali dell'EXPO 2015.
Tra le sue trasmissioni più seguite, che lo hanno definitivamente smarcato dall'"essere il figlio di Barbara Bouchet", ci sono:


Arriviamo quest'anno al suo ultimo successo: Junior MasterChef Italia, andato in onda su Sky Uno, nel quale Alessandro Borghese è stato giudice assieme allo chef stellatissimo Bruno Barbieri e a Lidia Bastianich.
Alessandro Borghese è tornato sabato 28 giugno all'Ippodromo di Cesena a grande richiesta, dopo il successo di pubblico ottenuto lo scorso anno proprio nella serata di apertura della stagione, quando davvero a fatica gli organizzatori sono stati in grado di contenere tutti i suoi fan. 

Disponibilissimo a firmare autografi, a svelare qualche "trucco del mestiere", anche quest'anno la presenza di Borghese nella serata di apertura della stagione culinaria è stata la scelta giusta per mantenere la promessa dell'ippodromo: Spettacolo Puro.

3 luglio - Gay Village FRANCESCA REGGIANI in Cinquanta sfumature di Francesca


GAY VILLAGE 2014

Giovedì 3 Luglio ore 21.30

FRANCESCA REGGIANI

in 

CINQUANTA SFUMATURE DI FRANCESCA

di V.Lupo, G.Giugliarelli, F.Reggiani, per la Regia di Francesca Reggiani

Giovedì 3 Luglio, è ospite per la prima volta sul palco del Gay Village la trascinante attrice comica Francesca Reggiani con lo spettacolo Cinquanta Sfumature di Francesca, di Valter Lupo, Gianluca Giugliarelli e Francesca Reggiani, realizzato in collaborazione con Cinedea per la regia di Francesca Reggiani.

Cinquanta Sfumature di Francesca è un vademecum del nuovo stile di vita discount

L'austerità fa male. Hanno salvato l'Italia, ma si sono dimenticati di salvare gli italiani. In caso di crisi non resta che ridere con Francesca Reggiani e il suo nuovo show, un vademecum  del nuovo stile di vita discount: dopo una sana e sobria colazione con le Briciole del Mulino Grigio, recuperate direttamente dallo sgrullo della tovaglia, si fa il bucato con Grigetto, che non toglie le macchie le confonde.

Un viaggio tra le tantissime sfumature della crisi epocale che sta attraversando il nostro Paese. Tra governanti che intravedono la luce in fondo al tunnel e sindaci che fanno spegnere i lampioni della città, perché costano troppo. Tra chi vuole restituire l'IMU sulla prima casa e chi vuole restituita … la prima casa, perché nel frattempo se l'è venduta. Tra chi dice che non c'è più il lavoro e chi dice che il lavoro c'è ancora, quello che non c'è più è lo stipendio. 
D'altronde nella vita, non si può avere tutto. Un viaggio tra le tantissime sfumature della crisi spirituale, sociale, relazionale e sessuale che sta attraversando l'Italia, confusa tra amore e sesso, tra PIL e sex appeal, tra import ed escort, tra donne che si chiedono: se non ora quando e donne che ti chiedono: " Per un'ora, quanto?"
GAY VILLAGE 2014 –XIII Edizione
Dal 19 giugno al 13 settembre 2014
Dal giovedì al sabato - Ingresso gratuito dalle 20.00 alle 21.00
Giovedì: 8 € - Venerdì: 10 € - Sabato: 18 € (compresa consumazione)
Roma Eur - Parco del Ninfeo - Via delle Tre Fontane angolo Via dell'Agricoltura
Info: 393 0046560– www.gayvillage.it



--

Borgio Verezzi prima nazionale

31 luglio prima nazionale  Festival di Borgio Verezzi

Repliche 1-2 agosto


Una Commedia Divertente e "Solvibile"…

LA CONTEMPORANEA srl

diretta da Fioravante Cozzaglio

e

ARTU'

diretta da Gianluca Ramazzotti

In collaborazione con il FESTIVAL DI BORGIO VEREZZI

Presentano

ANTONIO CATANIA                    e             GIANLUCA RAMAZZOTTI

in

IL PRESTITO

Una commedia di Jordi Galceran

Versione italiana di Pino Tierno

Regia 

GIAMPIERO SOLARI

Scene  Alessandro Chiti

Costumi  Maria Grazia Santonocito

Disegno luci  StefanoLatitavo 

Direzione tecnica  Stefano Orsini

Un progetto teatrale di Gianluca Ramazzotti


IL PRESTITO, nuova commedia di Jordi Galceran, attualmente in scena con grande successo contemporaneamente a Madrid e Barcellona,  è una "pieces" che in maniera paradossale e comica affonda il coltello in un dramma sociale che ormai fa parte del nostro vivere quotidiano.

Il tema è quello dell' attuale crisi economica che ci coinvolge tutti, in cui l'autore si diverte, con grande classe, a ridicolizzare il valore che diamo al denaro in rapporto al poco valore che diamo agli esseri umani. 

Un uomo cerca, "in maniera onesta", di ottenere da una filiale bancaria un piccolo prestito, assolutamente necessario per sè e per la sua vita, ; il direttore della filiale, con motivazioni di tipo "bancarie", appunto, glielo rifiuta. L'uomo, che non possiede proprietà e non può offrire garanzie economiche, offre solo la sua "parola d'onore" e la sua qualità di "uomo onesto".

Il rifiuto del direttore di filiale innesca un crescendo di situazioni paradossali ed esilaranti dati da eventi assolutamente imprevedibili, che portano la commedia a mettere in luce i meccanismi "logici e assurdi" che reggono  e condizionano i comportamenti economici a cui ormai siamo abituati.

Le risate diventano liberatorie, figlie di una totale empatia tra il pubblico e l'uomo che chiede il prestito, lasciando scaturire una sorta di pietà per il direttore di filiale che va via via ad infilarsi in un complicato pasticcio personale.

La commedia non vuole dare nessun messaggio morale, nè tantomeno di  denuncia al sistema, semplicemente usa una situazione drammaticamente vicina a tutti noi per creare, attraverso situazioni  spiazzanti, uno spettacolo di "sano divertimento". 

Dopo il successo di "Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa", che ha fatto registrare il tutto esaurito per due stagioni consecutive, Antonio Catania e Gianluca Ramazzotti, s'incontrano nuovamente sui nostri palcoscenici, questa volte con la regia di Giampiero Solari, e sono pronti a dare vita ad un nuovo spettacolo esplosivo. 



--
Redazione del CorrieredelWeb.it

Nano Egidio Season One e Season Two al Teatro Kopo di Roma dal 2 al 6 luglio

La Compagnia Nano Egidio

presenta
Nano Egidio
Season One e Season Two

con
Marco Ceccotti, Simona Oppedisano, Francesco

il 2 e il 3 luglio Season One
dal 4 al 6 luglio Season Two
TEATRO KOPÓ
via Vestricio Spurinna 47/49 - Roma

Dal 2 al 6 luglio ritorna in scena al Teatro Kopó di Roma "Nano Egidio, Season One e Seasone Two", la serie teatrale che già lo scorso inverno ha registrato il tutto esaurito nel Teatro diretto da Francesca Epifani.

"Nano Egidio. Season One", in scena il 2 e 3 luglio, è una serie teatrale, come quelle che si vedono in televisione, solo che è in teatro. Lo spettacolo pone le sue basi su tre elementi fondanti: i miti, il gioco e i telefilm. Figure, in passato protagoniste di storie e racconti noti, ma anche personaggi dell'immaginazione o dell'immaginario culturale, si rimettono in gioco sotto forma di pupazzi, burattini, giocattoli agendo in un mondo a loro nuovo, quello dei Telefilm. 
 
In questo modo il passato dei racconti orali, delle fiabe e delle folktales si incontra con il presente delle serie televisive e del cinema. La messa in scena mescola elementi di teatro di figura, comicità di situazione e stand-up comedy.

Come ogni serie che si rispetti, è divisa in episodi: Un c.a.s.o. piccolo piccolo - Dottor Dotto Anatomy - Romanzi Criminali. Ogni puntata riprende la tecnica, lo stile, i temi ed i cliché delle varie serie televisive note, passate e presenti.

"Nano Egidio. Season Two" è in scena dal 4 al 6 luglio. Un anno dopo le vicende narrate nella prima stagione Nano Egidio si è ripreso dalla difficile operazione a cui è stato sottoposto e l'amicizia con l'ispettore Batman è più forte che mai.
Di solito le storie finiscono con il lieto fine, ma in verità il "Tutti vissero felici e contenti" è una bugia, un'illusione, una frase che si dice quando si è stanchi di raccontare una fiaba.

Nella grande città infatti, la criminalità è ad altissimi livelli: violenza, rapine, politici corrotti che fanno il brutto e il pessimo tempo, Baricco ministro della cultura e una nuova e pericolosissima droga prodotta dal famigerato e misterioso Schrödinger.
Come se non bastasse uno spietato killer uccide il il teneroso medico legale Cookie, il beffardo gioco del destino beffardo vuole che esattamente 2 anni, 2 mesi e 15  giorni prima, veniva uccisa Elisabetta The, l'unico e vero amore di Batman.
Il tenebroso detective, per indagare dovrà combattere contro la veste dei fantasmi del passato, quella che cadendo lascia il quadro immacolato, al suo fianco ci sarà il Nano Egidio e tutta l'allegra combriccola composta da Dotto, Assistente Gerardo e la sperimentale Dottoressa Nuda.

NANO EGIDIO
SEASON ONE E SEASON TWO
con Marco Ceccotti, Simona Oppedisano, Francesco Picciotti
TEATRO KOPÓ
via Vestricio Spurinna 47/49
dal 2 al 6 luglio
2 e 3 luglio season one
4, 5 e 6 luglio season two
aperitivo 19.30 spettacolo 20.30
Biglietti Intero 10.00 (aperitivo e spettacolo)
Per info 06.45.65.00.52 _
botteghino@teatrokopo.it


--

sabato 28 giugno 2014

Teatro Ghione Stagione 2014/2015

Si presenta così la stagione 2014/2015 del Teatro Ghione: una sintesi tra tradizione e innovazione; il sipario si apre infatti sui giovani talenti, senza tralasciare i personaggi che del Teatro, oggi, ne sono l'emblema.


Si rinnovano dunque appuntamenti imperdibili, come quello con il Maestro Giorgio Albertazzi - quest'anno nel ruolo di Re Lear – o quello con Valeria Valeri e Milena Vukotic che interpretano Le Fuggitive in una commedia divertente e nostalgica. 


Si rinnova l'appuntamento con la commedia d'autore: Gabriele Pignotta, in coppia con il suo fedele compagno di risate, Fabio Avaro,  ci offrirà un' occasione per ridere e per riflettere sulle contraddizioni del presente con il suo Se tutto va male divento famoso.


Risate assicurate, con la commedia Uscirò dalla tua vita in taxi con Franco Castellano, Maria Letizia Gorga, Maximilian Nisi e Ketty Roselli, per la regia di Pino Ammendola che dal 23 Dicembre,  sarà anche il protagonista della sua nuova commedia A Natale divento gay.


Veronica Pivetti, con Mortaccia, ci assicura che "anche la Morte può essere divertente ...", mentre Rodolfo Laganà, con Nudo Proprietario, ci offre una spietata ma divertente analisi delle inesorabili tappe dell'età di un uomo.


Gradito ritorno sul palco del Ghione anche per Cinzia Leone, l'attrice che porterà in scena la sua raffinata comicità con un nuovo spettacolo, e Paolo Triestino che, con Nicola Pistoia, è il protagonista dell'esilarante commedia Ben Hur.


Ancora: l'attore di cinema e teatro nonché regista Saverio Marconi, in scena a novembre con Variazioni enigmatiche, Massimo Wertmuller con la commedia musicale Un marito per mia moglie e Benedicta Boccoli, Caterina Costantini ed Elisabetta Pozzi protagoniste di Crimini del Cuore.


Torna poi lo spettacolo che ha commosso adulti e bambini: Cuoredineve, interpretato dai Piccoli per caso (prima compagnia di bambini attori professionisti in Italia), che si cimenteranno anche in Cattivi ragazzi (una storia ambientata all'interno di un carcere minorile) entrambi per la regia di Guido Governale e Veruska Rossi; la compagnia sarà anche protagonista di Esercizi di stile, una sorta di talent show teatrale che vedrà tra i giurati alcuni tra i più importanti personaggi del mondo dello spettacolo; nel primo appuntamento i giurati saranno Giorgio Albertazzi e Claudia Gerini.


Mio padre come Peter Pan è invece il nome della divertente e fresca commedia interpretata da Matteo Branciamore, Christian Marazziti e Alessandro Borghi.


Anche quest'anno, il Ghione  propone una stagione accessibile, dedicando una replica domenicale pomeridiana per ogni spettacolo e offrendo ai suoi spettatori l'innovativo servizio di audiodescrizione, che consente all'utenza non vedente o ipovedente di fruire degli spettacoli attraverso un'esperienza sensoriale alternativa, in grado di mantenere inalterato il grado di coinvolgimento che il teatro può offrire.



Lunedi 30 Giugno, dalle ore 19.30, il pubblico potrà accreditarsi (inviando un'email a info@teatroghione.it) per partecipare all'evento di presentazione della stagione ai suoi abbonati, saranno presenti molti dei protagonisti della stagione 2014/2015.


Il teatro Ghione si trova in via delle fornaci 37, nelle immediate vicinanze di piazza San Pietro.

 

Teatro dei Conciatori: PINOCCHIA di Stefano Benni con Monia Manzo;

Teatro dei Conciatori
Contemporary Urban Theatre

30 GIUGNO, 1 e 2 LUGLIO 2014 – ore 21:00

PINOCCHIA
di Stefano Benni

regia: Monia Manzo

con
     Monia Manzo, Gioia Cellentani, Lorena Tuveri, Paolo Cordiviola, Nadia Clivio   

Scenografia: Fabio Calascibetta

Sarà in scena al Teatro dei Conciatori il 30 giugno e l’ 1 e 2 luglio 2014 – ore 21:00 lospettacolo PINOCCHIA di Stefano Benni, regia: Monia Manzo; con Monia Manzo, Gioia Cellentani, Lorena Tuveri, Paolo Cordiviola, Nadia Clivio.

Le opere di Stefano Benni sono sempre state una pietra miliare nella letteratura contemporanea italiana: il suo stile e le sue storie sono una commistione vincente tra cruda realtà e un onirico mondo parallelo composto da immaginari esseri zoomorfi.
In particolare in Pinocchia lo scontro di opposti inconciliabili rappresenta una costante: i disvalori hanno inevitabilmente la meglio sugli elementi socialmente e umanamente costruttivi - così la falsità sulla verità, l'opportunismo sulla lealtà, il sogno irrealizzabile sulla realtà immutabile. 
 
In questo scenario, Pinocchia si inserisce come una pièce che da vita ad una donna/figlia/marionetta, dalla cui  potenza evocativa sono stata immediatamente folgorata. Questa "robottina" incarna gli innumerevoli e confusi ruoli che una donna moderna spesso rappresenta con cinica consapevolezza, mentre in altri casi senza nessuna coscienza o possibilità di poter scegliere la propria vita, a causa di un diffuso disagio per lo più di origine socio-culturale. 

Veline, femme fatale, giovanissime amanti/figlie sono ormai i prototipi contemporanei da dover adottare, indispensabili per molte, troppe donne giovani o meno giovani che vogliono ottenere la benevolenza di uomini sempre più accentratori e maschilisti. 

Nella pièce troviamo i personaggi collodiani rivisitati da Benni in maniera esilarante e con una vena di sottile cinismo che non guasta. Il gatto e la volpe diventano così due impresari mascalzoni,la fatina si trasforma in una benevola maîtresse che inizia le ragazze all'arte della seduzione e il grillo parlante ci viene riconsegnato nelle vesti di un tuttologo dei nostri tempi. E come non essere poi affascinati dal linguaggio del testo, frutto di musicalità e sperimentali esercizi di stile? 

In questo virtuosismo linguistico si cela il pensiero veloce e allusivo di uno scrittore che precorrendo i tempi non finisce mai non solo di stupirci ma soprattutto di incantarci.



TEATRO DEI CONCIATORI - Contemporary Urban Theatre
Via dei conciatori, 5 – 00154 ROMA
Tel. 06.45448982 – 06.45470031   -   info@teatrodeiconciatori.it
Direzione Artistica: Antonio Serrano – Gianna Paola Scaffidi

Dove siamo: (clicca qui per vedere la mappa)
Costo biglietti: intero 18 euro, ridotto 13 euro; tessera associativa 2 euro.
Orario spettacoli: lunedì, martedì, mercoledì venerdì e sabato ore 21,00 – giovedì e domenica  ore 18,00
Riduzioni per gli studenti universitari, gli over 65, tutti coloro che si presentano in teatro come lettori di Saltinaria.it, Teatro Italiano.

Bando aperto per le selezioni alla Stagione Teatrale 2014-15 del Teatro Studio Uno di Roma


 

Bando aperto per le selezioni della stagione 2014-15 del Teatro Studio Uno di Roma, Casa romana del Teatro Indipendente.

L'Ass.Cult. La Cattiva Strada prosegue il suo percorso di promozione e sostegno alle realtà innovative del panorama teatrale off romano, proponendo anche per la stagione 2014-15 un bando rivolto ai progetti di  ricerca,   sperimentazione e nuova drammaturgia, con un occhio di riguardo alle realtà emergenti e di nuova formazione.

Il bando prevede quattro tipi di collaborazione.

-         Residenze Artistiche

-         Stagione Teatrale

-         Scene Under 25 "Non è un teatro per giovani"

-         Stagione ragazzi

Le compagnie selezionate formeranno l'asse principale della programmazione delle due sale del Teatro Studio Uno affiancando le produzioni de La Cattiva Strada.

La scadenza del Bando è fissata per il 20 agosto 2014.

 

Teatro Studio Uno

La Cattiva Strada

 

 

Info

349.4356219- 328.3546847-

329.8027943

i nfo.teatrostudiouno@gmail.com

www.lacattivastrada.com


TEATRO STUDIO UNO


Via Carlo della Rocca, 6

(torpignattara)


Teatro a Corte 2014



Teatro a Corte 2014
17 luglio – 3 agosto

Una speciale vetrina scandinava con spettacoli e video da Finlandia, Norvegia, Svezia e Islanda
e poi circo, danza e visual theatre da Francia, Spagna, Gran Bretagna e Belgio
10 giornate di festival con 25 compagnie internazionali da 9 diversi paesi,
21 prime nazionali e 28 spettacoli in 4 dimore sabaude del Piemonte e nella città di Torino


Arrivato alla 15^ edizione, il festival internazionale Teatro a Corte diretto da Beppe Navello, dal 17 luglio al 3 agosto 2014 presenta alcuni tra i più suggestivi spettacoli della scena europea fra circo contemporaneo, danza, teatro, arti performative e video, nel contesto affascinante delle più belle dimore sabaude del Piemonte: la Reggia di Venaria Reale, il Castello di Rivoli, il Castello di Racconigi e il Castello di Aglié.
Nell'arco di 3 week end sfileranno 25 compagnie da 9 diversi paesi (Italia, Francia, Belgio, Spagna, Gran Bretagna, Finlandia, Norvegia, Svezia, Islanda) con 21 prime nazionali, 42 ore di spettacolo, 1 vetrina internazionale, 1 show case, 1 mostra d'arte, 5 visite guidate, 3 colazioni con gli artisti, 2 cene e una merenda nei castelli.

Una vetrina dedicata ai Nordic Countries fra circo e danza.
La vetrina internazionale di questa edizione è dedicata ai paesi della Penisola Scandinava. Dalla Finlandia arriva uno speciale focus sul circo contemporaneo con 4 compagnie che presentano in prima nazionale 4 assolo di grande livello e impatto visivo: il 18 luglio si alternano sul palco del Teatro Astra di Torino 2 grandi prove di clownerie a firma Circo Aereo con The Pianist, in cui un bizzarro pianista tenta l'impresa di fare un concerto ma tutto congiura contro di lui, compreso il pianoforte, e Kallo Collective con Moving Stationery, in cui un impiegato si misura con la routine quotidiana dell'ufficio offrendo una divertente commedia umana dai ritmi perfetti. Il 25 luglio Zero Gravity Company -WHS presenta Pinta/Surface seducente spettacolo di circo aereo sotto una cascata di pioggia, mentre il 26 luglio torna al festival Ilona Jӓntti con un piccolo capolavoro di 15 minuti, Muualla, fra video proiezioni, danza e circo aereo per esplorare un mondo fantastico che pian piano trasforma quello reale. La compagnia Circo Aereo è anche protagonista di un inconsueto progetto di cortometraggi sul circo che fa tappa a Torino con Narri, coprodotto da Teatro a Corte e ambientato fra la città e le dimore sabaude con uno strepitoso Rauli Kosonen che rilegge l'idea di "corte" attraverso il rapporto fra pubblico e artista nel corso dei secoli. 

Sempre dalla Finlandia arrivano due coreografi di estrema raffinatezza: il giovane Ima Idouzee con This is the title il 19 luglio, un solo in cui danza e video interagiscono strettamente, e Alpo Aaltokoski il 25 luglio con Deep che lo vede solo in scena con un'intensa esplorazione del corpo umano e della sua animalità e Together, un duo sulle relazioni interpersonali sincero ed emozionante.
Un omaggio al calcio, proprio nell'anno dei mondiali, arriva dalla Norvegia a firma Jo Strømgren che il 2 agosto alla Reggia di Venaria presenta il suo energico A dance tribute to the art of football con danzatori-calciatori che giocano una partita di grande ironia e performatività. Sempre dalla Norvegia, il 17 luglio apre il festival una delle più acclamate coreografe scandinave, Ina Christel Johannessen e la sua compagnia Zero Visibility Corp con Again, lavoro di assoluta raffinatezza estetica ed eleganza formale, incentrato sulla ritualità delle ripetizioni, che colpisce per l'uso di scenografie di carta capaci di trasformarsi sotto gli occhi dello spettatore. La stessa coreografa il 18 luglio presenta anche il nuovo progetto site specific Leave.Two.Houses., performance per due danzatrici e una porta, di scena in Piazzetta Reale e in piazza Carignano a Torino.
Svezia e Islanda sono presenti al festival il 27 luglio con i dance movies di due coreografi, lo svedese Pontus Lidberg con il suo premiatissimo The Rain e l'Islandese Helena Jonsdottir con Red Buses e Birgir.
Ma la vetrina nordica ospita anche altre iniziative: sabato 19 luglio è in programma un Nordic Showcase in cui le principali istituzioni di promozione dello spettacolo, da CircusInfo Finland DanceInfo Finland Performing Arts Hub Norway, presentano le loro strutture nazionali e alcuni dei loro artisti per raccontare come si fa spettacolo in scandinavia. Nello stesso giorno alla Reggia di Venaria si inaugura una mostra di Nanna Susi interessante artista figurativa Finlandese che per tutta la durata del festival espone alcune sue opere ispirate alla natura in una mostra dal titolo Underneath the norden sky.

Quando il visual theatre si contamina con la danza e con il circo.
Molto attese al festival alcune compagnie che, contaminando danza, circo e teatro d'oggetti fanno del visual theatre un interessante linguaggio per colpire ed emozionare lo spettatore. I francesi Kumulus il 27 luglio invadono il castello di Rivoli con un container di oggetti da discarica in cui si muove con lentezza un'umanità straniata, dalla bellezza struggente e nostalgica: è quella di Silence Encombrant, il loro nuovo imperdibile spettacolo. Il Collectif G. Bistaki il 19 luglio è in scena con  Cooperatzia/Maison dove tutto ruota intorno a tre imprescindibili ingredienti: il corpo, l'oggetto, lo spazio: il corpo è quello degli artisti che si definiscono un "circo coreografico di ricerca", l'oggetto sono delle tegole di terracotta, lo spazio è quello magico della Reggia di Venaria Reale. Gli spagnoli Senza Tempo il 26 luglio a Venaria rapiscono il pubblico in un'avventura onirica dal titolo Lazurd, viaje a travers de l'agua,  giocata intorno ad un bacino d'acqua in cui si evocano riti che ricordano giochi d'infanzia, azioni propiziatorie, esodo di popolazioni nomadi, insomma il cammino dell'uomo e dell'umanità lungo la storia. Sempre dalla Spagna l'1 agosto arriva Agrupación Señor Serrano con Katastrophe un lavoro molto originale che racconta la storia della civilizzazione umana attraverso le catastrofi che l'hanno attraversata e le riproduce come in un esperimento da laboratorio servendosi di materiale davvero non convenzionale come degli orsacchiotti di gelatina. Domenica 3 agosto chiudono il festival i francesi di Systeme Castafiore con Stand Alone Zone una vera full immersion in un universo fantascientifico del futuro che si materializza in scena come un film in 3D in cui personaggi reali si fondono alle immagini per raccontare una storia che unisce mondi celesti e mondi sotterranei, tra navicelle spaziali e foreste incantate.

A piedi nudi nel parco? Un pomeriggio di danza ad Aglié.
Un pomeriggio all'insegna della danza è quello in programma il 20 luglio al Castello di Agliè che sembra davvero ispirarsi a quel "Perfect day" cantato da Lou Reed, non a caso colonna sonora di PicniK/Object III dei belgi Roberta DC che accolgono il pubblico nel parco del castello e, partendo da un "dejouner sur l'erbe" nell'era della globalizzazione, raccontano un buffo corteggiamento e la nascita di un amore. Dalla Gran Bretagna un altro duo, ma tutto al maschile, è quello di Company Chameleon in Push, pura fisicità ed emozione in un imperdibile "conversazione" fatta di corpi che si respingono e si cercano, si misurano, si sfidano e si confrontano alternando voglia di esercitare il proprio controllo sull'altro o di arrendersi a lui. Lo splendido teatrino del Castello di Agliè è invece la scatola magica di Ambra Senatore che presenta in piccolo un breve formato creato per questo luogo unico, aperto esclusivamente per gli spettatori di Teatro a Corte. 

Spettacoli site specific alla stazione, al parco, in piazza o in cortile.
Cifra stilistica di Teatro a Corte, la creazione site specific è protagonista della 15^ edizione e, oltre a Leave.Two.Houses. dei norvegesi Zero Visibility Corp e al lavoro di Ambra Senatore, il festival ospita diversi eventi creati in stretta consonanza con il luogo che li ospita. Tre sono gli appuntamenti itineranti: A l'Ombre des Ondes del duo d'arte sonora Kristoff K. Roll sarà presente il 2 agosto a Venaria e il 3 agosto a Racconigi per invitare gli spettatori ad un'esperienza particolare: nel parco dei castelli, accomodati su delle sdraio, ci si rilassa come in una siesta e si ascoltano in appositi auricolari i sogni di persone che li hanno raccontati alla compagnia nelle giornate precedenti, il tutto con un sottofondo musicale ambient creato al momento. Il 3 agosto a Torino prima e a Racconigi poi la compagnia di circo francese Les Apostrophés presenta Passage Désemboîté, brillante performance di circo di strada, danza e giocoleria in cui gli artisti interagiscono col pubblico "rubando" una serie di oggetti alla routine quotidiana per trasformarli in inconsueti protagonisti della scena. Torna, dopo il grande successo dello scorso, anno la compagnia La Voce delle Cose con un nuovo progetto itinerante durante tutto il festival e creato per Teatro a Corte dal titolo Miti 2.2 Diario di viaggio dove mille avventure di viaggio prendono vita dall'animazione di oggetti semplicissimi che nascondono la capacità di far sognare grandi e piccini. Ateliersi presenta il 26 luglio a Venaria Boia un lavoro ispirato ai graffiti che troviamo ogni giorno in particolare negli spazi urbani, il 25 luglio la compagnia Onda Teatro presenta Scarti, una performance di teatro di strada sul tema dei rifiuti mentre in apertura di festival, il 17 luglio la stazione di porta Susa è l'insolito scenario del progetto speciale Viaggiare. TURIN-Lyon A/R che lega Torino e Lione sul filo della musica e della canzone.

Diretto da Beppe Navello, ideato e realizzato dalla Fondazione Teatro Piemonte Europa con il sostegno di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Regione Piemonte, Comune di Torino, Fondazione CRT, il festival rappresenta una interessante opportunità anche sul versante del turismo culturale poiché garantisce ai suoi spettatori un servizio gratuito di navette che collegano Torino con le dimore sabaude in cui sono programmati spettacoli, visite guidate nei castelli, due cene, una ad Agliè e una a Rivoli, e una merenda nelle cucine reali di Racconigi mentre ogni domenica mattina è in programma una colazione con gli artisti del festival.
Informazioni per il pubblico: tel. +39 0115634352www.teatroacorte.it
Costo biglietti: intero 16/12 euro, pass 1 giornata al festival 18 euro, carnet 6 ingressi 54 euro.


CALENDARIO

I° WEEK END: 17-20 luglio
Giovedì 17 luglio,
Torino, Stazione di Porta Susa, ore 17, Emiliano Bronzino "Viaggiare. Torino-Lyon A/R", prima nazionale (20min)
Torino, Teatro Astra ore 21.30, Zero Visibility Corp (Norvegia) "AGAIN" prima nazionale (70min)

Venerdì 18 luglio
Torino, Palazzo Reale ore 18 e Piazza Carignano ore 19.30, Zero Visibility Corp "Leave.Two.Houses" prima nazionale (15min)
Teatro Astra ore 21, Circo Aereo (Finlandia) "The Pianist". prima nazionale (60 min) a seguire video "Narri" e "FLIP" (15 min)
Teatro Astra ore 22.30 Kallo Collective (Finlandia) "Moving Stationery", prima nazionale (50min)

Sabato 19 luglio
Torino, Ridotto del Teatro Astra ore 15.30 – 17.30 Nordic Showcase, la scena del nord presentata da artisti e istituzioni da Finlandia e Norvegia.
Torino, Teatro Astra ore 18.00 Ima Idouzee (Finlandia) "This is the title" prima nazionale (25 min)
Reggia di Venaria Reale, ore 20 "Underneath the nordic sky" mostra di Nanna Susi, ore 21.30 Collectif G. Bistaki (Francia) "Cooperatzia/Maison" prima nazionale (50 min)

Domenica 20 luglio
Torino, Caffetteria di Palazzo Reale ore 11 incontro con gli artisti
Castello di Aglié, dalle ore 17.30
Company Chameleon (Inghilterra) "Push" prima nazionale (20 min)
Ambra Senatore (Italia) "in piccolo" prima nazionale (10 min)
Roberta DC (Belgio) "PicniK/Object III" prima nazionale (30 min)

Tutte le sedi di spettacolo "Miti 2.2 Diario di viaggio" (15 min)

II° WEEK END: 25 – 27 luglio
Venerdì 25 luglio
Torino, Teatro Astra
ore 18.30 Onda Teatro (Italia)"Scarti" (50 min)
ore 21.00 Alpo Aaltokoski (Finlandia) "Deep" e "Together", prima nazionale (65 min)
ore 22.30 Zero Gravity Company – WHS (Finlandia) "Pinta/Surface" (35 min) prima nazionale

Sabato 26 luglio
Reggia di Venaria Reale
ore 19.30 Ateliersi (Italia) "Boia" (60 min), creazione site specific
ore 21.30 Senza Tempo (Spagna) "Lazurd, viaje a travers de l'agua" (60 min) prima nazionale

Domenica 27 luglio
Torino, Caffetteria di Palazzo Reale ore 11 incontro con gli artisti
Castello di Rivoli primo turno ore 16.30, secondo turno ore 18.00
Ilona Jantti (Finlandia) "Muualla" (15 min), prima nazionale
Pontus Lidberg (Svezia) dance film "The Rain" (30 min) prima nazionale
Helena Jonsdottir (Islanda) dance film "Red buses" e "Birgir" (15 min)
ore 18.00 Kumulus (Francia) "Silence Encombrant" (90 min) prima nazionale

Tutte le sedi di spettacolo "Miti 2.2 Diario di viaggio" (15 min)

III° WEEK END: 1-3 agosto
Venerdì 1 agosto
Torino, Teatro Astra, ore 21, Agrupación Señor Serrano (Spagna)"Katastrophe" (60 min) prima nazionale

Sabato 2 agosto
Reggia di Venaria Reale
ore 18.30 e ore 20 Kristoff K. Roll (Francia) "A l'Ombre des Ondes" (40 min) prima nazionale
ore 21.30  Jo Stromgren Company (Norvegia) "A dance tribute to the art of football" (60 min)

Domenica 3 agosto
Torino, Caffetteria di Palazzo Reale ore 11 incontro con gli artisti
Castello di Racconigi ore 17.00 e ore 18.00
 Les Apostrophès (Francia) "Passage desémboité" (70 min) prima nazionale
Kristoff K. Roll (Francia) "A l'Ombre des Ondes" (40 min) prima nazionale
Torino, Teatro Astra ore 21.30 Systeme Castafiore (Francia) "Stand alone Zone" (60 min) prima nazionale

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.