CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

domenica 16 aprile 2017

TEATRO LIBERO 18-30 APRILE: MEDEA SU VIALE ZARA-spettacolo itinerante in furgone e SUD_ORAZIONE

18 aprile – 30 aprile 2017 | Compagnia Ospite

SUD_ORAZIONE
Ideazione e regia Gianpiero Borgia
di Fabrizio Sinisi in collaborazione con Giorgio Damato
con Alighiero
musiche Papaceccio MMC
luci Pasquale Doronzo
Produzione Teatro dei Borgia
Indagine tragicomica su un meridionale
MEDEA SU VIALE ZARA
Ideazione e regia Gianpiero Borgia
di Elena Cotugno in collaborazione con Fabrizio Sinisi
con  Elena Cotugno
musiche Papaceccio MMC
luci Pasquale Doronzo
scene Filippo Sarcinelli 
Produzione Teatro dei Borgia
Spettacolo itinerante in furgone

La proposta del Teatro dei Borgia è una doppia sfida: ogni sera, in contemporanea, lo spettacolo "Sud-Orazione" sul palcoscenico del Libero e, su un furgoncino capace di ospitare al massimo 7 spettatori alla volta, un'esclusiva performance itinerante col pubblico alla scoperta di "Medea su Viale Zara".

"Sud-Orazione" è una favola tragica al contrario. Racconta di un intellettuale meridionale  costretto a tornare alla sua Terra, dopo aver cercato, per anni, di sublimare, attraverso il teatro, quella che riteneva essere la grettezza della propria appartenenza "etnica". 

Come da copione delle migliori commedie, un imprevisto lo costringe a trasferirsi in Puglia e il Sud finisce col "riprenderselo". 

"Sud-Orazione" è, quindi, anche un trattato antropologico e un testo comico. Racconta del Meridione come luogo dell'eclissi della coscienza e del tempo circolare, adottando tutti gli strumenti e i clichè dello spettacolo di satira e varietà per mettere meglio in luce i nodi oscuri di una parabola artistica, politica e civile. 

"Medea su Viale Zara", invece, è la storia di una donna, una di quelle che spesso incontriamo per caso: una giovane migrante, scappata dal proprio Paese e arrivata in Italia con la speranza di un futuro migliore. 

Alle spalle chissà quanti sogni e, spesso, l'amore di un uomo che invece di proteggerla e ricambiarla la butta in strada a prostituirsi. L'ambientazione è una delle vie della prostituzione: ogni città ne ha una. 
Spesso ci sono roulotte, ombrelloni, furgoni, fuochi, luoghi d'avvicinamento, di contrattazione e infine di sfruttamento. Lo spettacolo/racconto si svolge su un furgone, che qui a Milano parte dal teatro alla volta di viale Zara. 

Il pubblico a bordo, di fianco alla nostra Medea percorrerà le strade della città, popolate di altre Medee come lei: donne di varie età e nazionalità, con alle spalle analoghe storia, iniziate chissà dove.

Il progetto di Medea su Viale Zara
Il progetto nasce da un'idea di Gianpiero Borgia, sviluppata poi da Elena Cotugno lungo un intenso percorso di approfondimento, che tuttora prosegue a fianco di assistenti sociali e associazioni che si occupano dell'assistenza in strada e del tentativo di recupero di alcune di queste donne. 

La drammaturgia che ne è nata si pone nel solco delle libere riscritture del mito di Medea, rivelando allo spettatore d'oggi la "tragedia dello straniero" con la forza del mito greco.

"Lei arriva affannata, all'ultimo: sale insultando l'autista (che è un bravo tecnico prestato all'occasione). Si scusa con noi, guardandoci negli occhi, si sistema, vuole attaccare discorso. Si rivela uno strano, affascinante personaggio, dal sorriso disarmante. E finalmente inizia a parlare, in quel romeno-italiano di cui si diceva: dice parolacce, ride, mette su l'inno nazionale e lo fa ascoltare agli astanti mentre il pulmino si muove nelle strade trafficate. Evoca il viaggio dal piccolo paese natio fino all'Albania, con il sogno dell'Italia. Racconta dell'incontro con l'uomo italiano che le cambierà – e le rovinerà – la vita. Lo fa con candore e con rabbia trattenuta, sempre con amore. Poi semplicemente, con un sussurro, scivola nel racconto della prostituzione, dello sfruttamento – senza mai scadere nel didascalismo da "teatro civile". 
Andrea Porcheddu (www.glistatigenerali.com)


Date e orari:

SUD_ORAZIONE
da mercoledì 18 aprile a sabato 30 aprile ore 21.00, domenica ore 16
biglietti: interi 16 euro, ridotti 12 

MEDEA SU VIALE ZARA
da mercoledì 18 aprile a sabato 30 aprile ore 19.00, domenica ore 18.30
biglietti: interi 20 euro, ridotti 15 

PROMOZIONE SUD_ORAZIONE + MEDEA:Chi assiste a entrambi gli spettacoli nello stesso giorno paga solo € 5,00 il biglietto per SUD_ORAZIONE. Chi vede gli spettacoli in giorni differenti ma acquista contemporaneamente i biglietti entra a prezzo ridotto: MEDEA a € 15,00 e SUD_ORAZIONE a € 12,00.

Info biglietteria:
biglietteria@teatrolibero.it
acquisto online: https://www.teatrolibero.it/sudorazione
telefono: 02.8323126
www.teatrolibero.it


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.